MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

domenica 5 novembre 2017

Anteprima (di Giorgio Dell'Arti)

Da qualche giorno ricevo con piacere l'Anteprima di Giorgio Dell'Arti: una newsletter molto elegante e snella, che dà conto dei principali fatti del giorno. Un prodotto molto più esaustivo di quello che forniamo ai soci di a/simmetrie per illustrare le nostre attività e a commentare i dati economici della settimana (cosa che vorremmo presto poter fare per un pubblico più ampio: ma per questo ci occorrono professionisti...).

Per darvi un'idea, questo l'incipit del primo novembre:



Qualcuno riconoscerà lo stile di Dell'Arti, molto più conciso e incisivo di quello di un malato di ipotassi come me. Giorgio è uno dei pochi giornalisti italiani ad avermi dato spazio, ed è una persona intellettualmente indipendente. Le trascurabili divergenze di opinione che ha avuto con un nostro caro amico me lo rendono particolarmente caro. Il Foglio del lunedì (Il Foglio Rosa), curato da lui, pubblicò a puntate un capitolo del Tramonto dell'euro. Forse non è del tutto una coincidenza se devo a un altro giornalista a voi noto, Marco Palombi, il mio contatto più organico con i media tradizionali, la collaborazione con Il Fatto Quotidiano. Palombi, che è un'altra persona ragionevolmente libera (evidentemente estirparli non è così semplice...), ricorda infatti spesso la figura di Dell'Arti, con cui lavorò agli inizi della sua carriera (cosa che rivendica con un certo orgoglio).

Se volete ricevere anche voi l'anteprima, scrivetegli a gda@vespina.com.

12 commenti:

  1. Ma non è lo stesso che ha una rubrica piddina sulla Gazzetta dello sport? A me sembra eurista fino al midollo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si credo sia lui. Appartiene al PUDE oppure finge molto bene :-)

      Elimina
  2. E comunque il maiale che recita in House of Cards è Kevin Spacey, non il povero Keitel.
    E le denunce della Margulies dimostrano che è una caccia alle streghe...

    RispondiElimina
  3. (però è Kevin Spacey e nn Harvey Keitel - House of cards)

    RispondiElimina
  4. Mi fa piacere!

    Fui invitato, mi sembra nel 2014, alla presentazione del suo libro "I nuovi venuti" a Roma IBS di via Cavour, da un comune amico, giornalista. Si parlò del debito pubblico e chiesi la parola, e parlai del Divorzio, della corsa del debito e della spesa pubblica che era fino a quel punto inferiore alla media europea. Raccolsi applausi e una nota giornalista del Sole che era lì, era evidentemente terrea ed attendevo un suo intervento che non ci fu.
    Bella serata, con un personaggio che mi piaque.

    RispondiElimina
  5. Ma no, povero Harvey Keitel, pure gay...

    RispondiElimina
  6. Non è Harvey Keitel ma Kevin Spacey. Non un refuso da ridere.

    RispondiElimina
  7. Tutto okay. Però dite a Dell'Arte che Harvey Keitel non c'entra per niente... il molestatore omosessuale di House of Card è Kevin Spacey.

    RispondiElimina
  8. O.t.

    Questa mattina sono andato dal barbiere a tagliare i capelli.
    - ciao Mario, con quello che spendo a tagliarli non vedo l'ora di perderli tutti, così risparmio.
    - perché risparmiare? Devi guadagnare più soldi e potrai permetterti tutto quello che desideri.
    - non riesco a guadagnare più di tanto.
    - male, perché la gazzella si sveglia al mattino sapendo di dover correre più veloce del leone. È così che va il mondo.
    - grazie Mario mi hai convinto, vado a tagliarli dai cinesi in fondo alla strada, che spendo la metà. Un saluto a te e un abbraccio a Darwin.

    RispondiElimina
  9. Ma ti tagli i capelli da Alfio Bardolla?

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.