MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

martedì 17 ottobre 2017

No!

No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No!




(...scusate, volevo annotare da qualche parte, in un posto dove potessi trovarla con facilità, la risposta che darò al prossimo soggetto che mi invita. Considerato quello che si può ottenere in consessi di livello eccelso - vedi la discussione in calce al post precedente - ho deciso, dopo una lunga e articolata analisi, di adottare la raffinata strategia che qui annoto a futura memoria. Si viaggia per apprendere, quindi, per non apprendere, non si viaggia. Per non dimenticarmene, ho anche deciso di ripeterla un po' a me stesso, e anche a voi: la ripetizione è la madre dell'apprendimento, e io devo imparare a dire di no. Forse posso farcela, anche a quasi 55 anni. Quello che certamente non posso fare è perdere minuti preziosi del mio tempo e sciuparmi la salute perché la gente non lavora come lavoro io. Devo mangiare poco e bene, ai miei orari, devo provare a dormire, devo fare il mio sport. La guerra è di logoramento, e io non mi voglio logorare. Si logorino gli altri! Vogliono er dibbattito? Si prendano un dilettante scappato di casa, ce ne sono tanti! Io ho il dovere di stare qui, al mio tavolo, a lavorare. Il mondo è bello perché è vario, e la varietà del mondo è quella cosa che ti porta ad apprezzare la monotonia di casa tua. Dettaglio per chi si fosse messo in contatto in questo momento: abito a Roma, non a Ólafsfjörður (posto per altri versi ameno). Pensate quanto me ne fotte a me di andar girando per il globo...)

40 commenti:

  1. Il vantaggio competitivo dei tedeschi in questo
    è ineguagliabile :D -_- non c'è unione monetaria che tenga.

    https://youtu.be/1MLry6Cn_D4

    RispondiElimina
  2. Professor Bagnai, volevo dirglielo in calce al post precedente, ma ho avuto paura delle sue saette. Se si eccettua un fugace e parziale riconoscimento al suo intervento da parte di Visco (con involontaria ammissione che LORO sapevano benissimo dove sarebbero andati a parare entrando nella moneta unica), sono rimasto letteralmente raggelato in particolare dall'intervento di Micossi. Per il resto, il solito passare sopra alle sue argomentazioni ed ai suoi studi con una leggerezza sconcertante. Mi vengono in mente quei programmi nei quali i concorrenti vanno ad esibirsi davanti a qualcuno che li giudicherà. Ogni tanto vieme piazzato in mezzo quello ridicolo, quello che fa fare due risate, l'eccentrico. Ecco, senza offesa, professore, quello che spesso percepisco guardando queste sue ospitate con gente nota all'opinione pubblica più di lei (è un fatto, purtroppo, me ne rammarico e tento di porvi rimedio per quello che posso condividendo e segnalando i suoi post): lei è "quello strano" a cui è utile dare un po' di spazio per attirare tutti quelli "strani" come noi. Prima e dopo di lei ci sono quelli "bravi", che sono bravi perchè le cose te le spiegano come te le hanno sempre spiegate alla televisione. E quindi sono rassicuranti: non vengono mica a dirti che la corruzione non c'entra, l'evasione è un problema secondario, la liretta sarebbe meglio dell'eurone, i Tedeschi fanno i loro interessi e quindi anche noi dovremmo fare i nostri!
    Ed ogni giorno che passa sono sempre più disperato e frustrato. La stessa disperazione e la stessa frustrazione che ho percepito in lei quando ha terminato la sua replica dicendo "...ed io non posso resistere da solo al vento della storia".
    Ci ammazzeranno tutti, farabutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, tu sei uno di quelli che secondo me ha capito poco. Vedi sotto la mia risposta a uno che (se ti può consolare) ha capito meno di te. Uno dei presupposti errati del tuo ragionamento è che ce ne freghi qualcosa di cosa pensa "laggente" che assiste a un dibattito simile! Non ci interessa né in termini quantitativi (poche decine di anziani) né in termini qualitativi (con pochissime eccezioni, persone senza molta presa sul presente). Se vuoi disperarti, disperati pure: però attento: non è gratis...

      Elimina
  3. Ho seguito, su Radio Radicale, il dibattito sull'Italia e l'Europa possibili. Devo dire che è stato, a più riprese, sconfortante.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho grosse difficoltà a capire cosa questo c'entri con la mia decisione di non girare per il mondo (dove il dibattito è comunque molto più arretrato che in Italia), ma se vuoi sconfortarti sconfortati. Evidentemente tu non eri qui sei anni fa.

      Elimina
  4. Dunque… Mi sono visto il “dibattito” presieduto da Giuliano Amato e ne ho ricavato un’impressione radicalmente opposta a quella di Alberto Bagnai: nessuna particolare acrimonia o scortesia nei suoi confronti, solo l’affanno degli euristi nel rincorrere le note considerazioni contro la moneta unica, una sorta di tutti contro uno che – come tale - rimandava una immagine di debolezza della squadra europeista. Perché ora anche Bagnai vuole mostrarsi debole, vulnerabile solo per il fatto di non essere stato portato in trionfo? Ha incassato una “pesantissima” approvazione di Visco (Vincenzo) e per quanto riguarda i contenuti della discussione lasci giudicare dal pubblico degli astanti e dei distanti. I convegni sono fatti per quello, no? Se il presidente sembrava non condividere le sue tesi, se a lei pareva così, cosa importa? Non le basta l’intima approvazione di se medesimo, le serve che anche la mamma e la maestra le dicano bravo?

    Noto comunque una certa a/simmetria nella percezione di Bagnai dei torti fatti e di quelli subiti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, caro, che ti stai proprio sbagliando. La mia impressione collima con la tua. Sono stati assolutamente corretti, almeno tanto quanto erano impreparati, ma questo lo sapevamo tutti e quindi a me non ha dato alcun fastidio, e in particolare non ritengo di aver subito alcun torto, e trovo abbastanza cretino chi non è in grado di leggere il significato di un dibattito simile, soprattutto se mi segue dall'inizio e quindi sa, o dovrebbe sapere, cosa fosse il dibattito in Italia prima del Tramonto dell'euro. Sì, lo so, i miei hooligan, porelli, si sono infastiditi. Ma loro non hanno capito che partita si sta giocando, esattamente come non lo hai capito tu. In questo c'è un'assoluta simmetria. Fra l'altro, non capisco perché tu posti qui il tuo commento. Io ovviamente smonterò una per una le lievi imprecisioni dette in quel convegno, visto che non ho avuto alcuna indicazione circa una eventuale opportunità di non farlo, e visto che ritengo comunque necessario mettere agli atti il fatto che in una istituzione scientifica è inopportuno propalare favole pre-scientifiche (e in questo vedo che sei d'accordo con me). Ci vuole serietà. Ma se ritieni che io ne faccia un fatto personale sbagli di molto. Come al solito, ci dici molto su di te, e poco sul tema che qui si sta discutendo, che è totalmente altro, come avresti anche potuto intuire considerando che parlo di viaggi (e Roma su Roma per me non è un viaggio...).

      Elimina
    2. Il dunque si usa alla fine.
      Io nemmeno ho visto acrimonia, ho visto solo discorsi futili basati sulla cecità e mascherati da dotte disquisizioni sul nulla; dunque, per noi, inaccettabili!

      Elimina
  5. "abito a Roma, non a Ólafsfjörður (posto per altri versi ameno). Pensate quanto me ne fotte a me di andar girando per il globo...)"

    Da morir dal ridere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque io a Ólafsfjörður prima di morire voglio andarci. Abbiamo una convenzione Erasmus con Akureyri, dove oggi il tempo è soleggiato e la massima è di 6 gradi centigradi. Non sottovalutate il global warming: il futuro del turismo è lì!

      Elimina
  6. "Una generazione perversa e adultera pretende un segno! Ma nessun segno le sarà dato, se non il segno di Giona".

    RispondiElimina
  7. Risposte
    1. E gnente... Siete completamente off-topic. Ma se voi non foste antropologicamente, radicalmente, ontologicamente off-topic questo blog nemmeno esisterebbe, perché non saremmo nell'euro. Quindi va bene così. Peace and love!

      Elimina
    2. Comincio a credere che ci sia un gene che determini certe differenze di sviluppo cerebrale e comportamentale in ambito macroeconomico e di cura degli interessi della propria comunità.
      Se questo è OT, allora sono nel luogo giusto!

      Elimina
  8. Spero Prof di vederla ospite a breve a Verona. C'è bisogno che lei giri qui di noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu, invece, sei perfettamente in topic, il che è strano, perché non sembra che tu abbia letto il post... Sono stato troppo prolisso! ;)

      Elimina
    2. Prof li leggo sempre, anche se purtroppo non sempre riesco a capirli. Forse solo la lega nord qui a Verona la inviterebbe, io lo spero.

      Elimina
    3. Ti spiego: in questo post c'è scritto "no" che vuol dire "no". Peraltro, ha anche una metalettura: tutto è come sembra. Un no sembra un no ed è un no.

      Elimina
  9. Qualche anno fa feci il cammino di Santiago, a piedi, con mia moglie. Per 23 giorni, da Saint-Jean-Pied-de-Port a Santiago di Compostela, ebbi come unico obiettivo mettere un piede davanti all'altro. In quel viaggio capii tre cose: che per vivere ho bisogno di molto poco, che quel poco è quasi tutto e che quel tutto lo avevo anche (e soprattutto) a casa mia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma... mi hai fatto poco meno di sette chilometri al giorno! E poi volete fare er partito e 'a rivoluzzione!? E la grande marcia come la facciamo?

      Elimina
    2. In realtà poco meno di 35km al giorno, tuttavia insufficienti - temo - per qualsiasi velleità rivoluzionaria.

      Elimina
    3. Potevi prendere l'autostrada!

      Elimina
  10. Ólafsfjörður
    Uno di quei posti dove vai gratis se riesci a pronunciarne correttamente il nome.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O anche dove vai pagando, sperando che riescano a spiegarti come pronunciarne correttamente il nome.

      Elimina
  11. Ottime parole, si curi e si conservi.
    E se le arrivano proposte, bene, sono tutti complimenti, ma, come sanno tutte le belle signore, non è che ad ogni complimento si debba...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...darla (la disponibilità). Concordo. Non sono una signora, ma questo te l'appoggio...

      Elimina
  12. La dimensione dei caratteri mi lascia perplesso, in altri tempi avrebbe usato come minimo un NO con font 280, tutto bene?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquo: è solo che sono guest editor di una special issue alla quale hanno presentato dieci articoli, non tutti scritti con le mani, e devo fare un sacco di revisioni. Non ho quindi potuto curare l'impaginazione con la dovuta cura: diciamo che ho scelto un approccio "gutta cavat lapidem" che alla fine può andare...

      Elimina
  13. Le guerre a/simmetriche, in alcune fasi, si fanno anche da casa: Obama ha bombardato mezzo mondo dallo studio ovale.
    Ogni guerra prevede un proprio tipo di guerriero. La guerra a/simmetrica presuppone un guerriero a/simmetrico, con una sua particolare formazione e con una sua specifica disciplina. Questa la sua disciplina: pasti regolari, piccoli e frequenti, camminare un'ora al giorno, a passo sostenuto, un pò di tempo dedicato all'arte, per la ricreazione dello spirito, dormire q.b., vita di coppia, nell'accezione più vasta, seguire la crescita della prole.
    La guerra sarà lunga, quindi teniamoci in forma.

    P.S. In effetti 5680 no, con i relativi "!" suggeriscono una certa prolissità. 4999 sarebbero stati più classicamente adeguati.

    RispondiElimina
  14. Esimio prof. Bagnai ha pienamente ragione di aver perso tempo
    prezioso,ricavando,non certo per suo demerito, magri risultati.
    Ho visto l'intero video del dibattito,lasciando un commento in cui ho lamentato:
    il contenuto ed il tono dei discorsi quasi tutti acriticamente europeisti,euristi ed iperliberisti,assai
    distanti dai problemi della gente comune e della tragica realtà politico-economica del nostro paese;
    i discutibili contributi di Stefano Micossi ed,in particolare della Veronica De Romanis,che mi ha lasciato sconcertato con
    l'incredibile affermazione che l'euro "avrebbe salvato" la Grecia,oltre che con inopportuni e (a mio giudizio) poco fondati rilievi critici alla sua eccellente relazione, senza alcun dubbio, di gran lunga la migliore fra quelle ascoltate.

    Noioso infine il discorso finale di chiusura dell'eurista ortodosso, on.Della Vedova.
    Certamente professore,per lei non c'era proprio nulla,nulla da apprendere ed il suo disappunto in merito è del tutto comprensibile.
    Numerosi ed importanti elementi di riflessione e di conoscenza,invece,avrebbero potuto proficuamente trarre dal
    suo bellissimo e lucidissimo discorso gli altri relatori,ma
    penso che, forse, la loro eccessiva sicumera glielo abbia impedito.
    Da ultimo restano, fra le cose positive, il fatto che il pubblico,fra cui a sorpresa lo stesso Visco,ha apprezzato ed applaudito quanto da lei splendidamente illustrato ed, inoltre, la possibilità che ha avuto di rafforzare ed affinare ulteriormente il suo ammirabile autocontrollo.
    E,mi creda,di fronte a certe misere frecciate provocatorie,si è comportato da vero stoico.
    Ed ha fatto benissimo.Grazie e complimenti vivissimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lorenzo, non so come dirtelo, ma cercherò di farlo con delicatezza. I tuoi complimenti saranno anche sinceri, ma sono un pochino (ma solo un pochino, eh!) stucchevoli. Quando poi si associano a un off-topic come questo, cominciano a preoccuparmi. Qui non stiamo parlando del dibattito con quei simpatici dilettanti, che peraltro con me sono stati molto cortesi e dei quali, se avrò tempo e se riterrò che ne valga la pena, metterò in evidenza la pochezza di argomenti e credenziali scientifiche (in maniera proporzionata a come loro si sono comportati, ovviamente). Non so più come dirvelo: di quello che possono dire o pensare persone come loro non me ne può fregare di meno, e se anche me ne fregasse qualcosa non sarei così mentecatto da farmici altro che una risata. Voi invece devo dire che mi state sorprendendo in negativo! Ma da dove venite? Siete smancerosi, uterini, incapaci di lettura,... Ma veramente sono seguito da persone così?

      Insomma: il motivo per il quale in questo post sto dicendo no non è perché giovedì scorso ho incontrato persone come loro, ma perché in giro per il mondo mi invitano persone come voi.

      Così è più chiaro?

      Datevi una cazzo di calmata, poi tornate col vostro pensiero (o con una protesi di esso) al 2011 e visualizzate in dibattito con Amato e Visco sul tema euro, presso la Treccani. Bray merita solo il vostro plauso, peraltro, perché anche oggi una cosa simile non è ovvia, e se è possibile è solo perché qui c'è scienza. Quindi siete pregati di deporre tutte le armi, i nodi scorsoi, e gli uteri, in guardaroba, prima di entrare qui.

      Sono stato chiaro? Ora, se cortesemente te la pianti di commentare in modo spropositato ogni mio singolo viedo su Youtube, porremo le basi perché al nostro prossimo incontro (solo le montagne non si incontrano mai) io non ti affidi ai miei doberman.

      Così è più chiaro?

      Ma veramente a voi interessa quello che possono dire Micossi o De Romanis? Ma siete veramente così poracci?

      Trasecolo...

      Elimina
    2. Mah, salto il blog qualche giorno e con un certo ribrezzo vedo che la fase lunare ha sfasato parecchia gente... cito la fase lunare a caso; potrebbe essere qualunque altra causa: da un virus agli alieni. L'unica certezza sono i commenti OT. Tenga duro, passerà.
      .
      .
      .
      .
      .
      Che sia la visione del dibattito a mandare la gente fuori? In effetti non l'ho ancora visto...
      Lo so è un post inutile, ma uno in più non fa differenza.
      Cordialità.

      Elimina
  15. "Io ho il dovere di stare qui, al mio tavolo, a lavorare" " La guerra è di logoramento, e io non mi voglio logorare. Si logorino gli altri!" Grazie Prof. Bagnai. Aumenta la soddisfazione del contribuire ad A/simmetrie. Ciò che trovo qui e nei siti "parenti" è, almeno per me, insostituibile. Preziosissima "vitamina" cerebrale anti disseccamento mentale e civile.

    RispondiElimina
  16. Va bene prof. Lei rimanga a Roma a fare il suo lavoro, la scienza, di cui abbiamo bisogno. La raggiungo io. E sempre grazie.

    RispondiElimina
  17. Forse son fuori tempo massimo (o meglio oltre orario di chiusura per eccesso di ribasso) comunque provo lo stesso ad esprimere la mia felicità per i propositi di autoconservazione del nostro guru: BRAVO Prof.!

    Anzi rilancio: meno post tennici e più GoofySTRAVA!
    Prof. vedrà che soddisfazione quando abbatterà il muro dei 5'/km: per me è stata la svolta tra la pena e l'inizio del divertimento! Daje!

    RispondiElimina
  18. "Di cattiverie se ne intende" : una battuta cosi fulminante e nello stesso tempo sufficientemente ambigua da risultare cortese, vera musica ai miei orecchi! Lei è veramente un Professore!

    RispondiElimina
  19. Vedo che ti ha dato molto fastidio quell’appunto sulla claque.
    Ma la claque siamo noi, tutti quelli che hanno sofferto per le politiche di quei signori seduti al tavolo e nella sala, che fingevano un dibattito il cui esito avevano già deciso.
    Quelle persone che si vestono bene, dal linguaggio forbito, dai modi educati, non sentono di appartenere alla gente che abita questo paese ma a quell’aristocrazia a cui l’hanno venduto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se ti rivolgi a me, nel qual caso oltre a non aver capito (in compagnia di tutti gli altri) a chi si rivolge questo mio "NO" (quelli che erano sabato a Roma hanno un indizio in più per capirlo, ma tanto non avranno capito nemmeno loro), avresti anche dimostrato di non aver capito minimamente cosa mi infastidisca. Siccome sono un insegnante, diciamo che entro un certo limite non mi infastidisce chi non mi capisce, perché devo partire dal presupposto metodologico che la colpa sia mia. Siccome però non sono solo un insegnante, mi riservo, oltre certi limiti, di ritenere inutile chi si ostina a non capire. Ripeto: ben vengano di dibattiti con Amato! 10, 100, 1000 dibattiti. Su zerovigolisti, sovranisti di Montefranato di sopra o di Bagnara di sotto, esaltati, innammmorati, ostensori di sacre reliquie di vario tipo, ecc. viceversa vorrei stendere un velo pietoso, però non di cotone: di marmo.

      Elimina
  20. Sono per la restrizione calorica sempre caro fu il prof Luigi Fontana lui consiglia pure la meditazione

    RispondiElimina
  21. No comment.
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/10/20/fusaro-di-pietro-dietro-le-quinte-ha-avuto-un-malore-ed-e-crollato-a-terra-dopo-la-nostra-discussione/3924415/

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.