MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

mercoledì 28 gennaio 2015

Truth







26 commenti:

  1. Bellissima. Lo sa che San Matteo è il patrono dei dottori commercialisti?

    P.s.: il quadro della seconda foto è una SECONDA versione. Se lo trovo le posto il motivo che portò a rifiutare la prima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma pensa. Mi pareva di ricordare che fosse del mestiere (sai, il quadro a sinistra)... Ho finito, vado a prendere la macchina. Ci vorrà del tempo...

      Elimina
    2. San Matteo non avrebbe mai voluto esserlo!...(da un commercialista)

      Elimina
    3. Che malizioso! :-) Vocazione adulta la sua, ma non per questo meno feconda…

      Spigolando in rete ho trovato che la PRIMA versione del quadro al centro della cappella Contarelli (che fasci gli italiani del seicento, che italianizzavano i nomi francesi…), cioè San Matteo e l'Angelo, finì a Berlino e qui andò distrutta nel maggio del 1945 in un incendio rovinosissimo:

      http://it.wikipedia.org/wiki/Incendio_della_Flakturm_Friedrichshain

      Venendo al motivo del rifiuto, da parte dei committenti, della PRIMA versione del quadro (qui per un confronto fra le due versioni http://it.wikipedia.org/wiki/San_Matteo_e_l'angelo), non trovo l'articolo che avevo letto, ma la ragione può essere - approssimativamente - riassunta in questi termini: nella PRIMA versione è l'angelo che scrive il Vangelo secondo Matteo guidando la mano del santo come la mamma fa col bambino, nel secondo invece è il santo che scrive il Vangelo che prenderà il suo nome SU ISPIRAZIONE DIVINA (l'ascolto dell'angelo).

      In altri termini, il motivo del rifiuto, fu dovuto alla volontà di affermare tramite il dipinto l'ortodossia cattolica riguardo al significato di ispirazione divina riferito alle sacre scritture.

      Chew, dirà lei.

      Mica tanto: uno scrupolo teologico ci donò DUE dipinti di Caravaggio, invece di UNO. Anche se poi la follia degli uomini portò alla distruzione di uno (quello "sbagliato"). Approposito, distrutto alla fine della II Guerra Mondiale, di cui si sta discutendo anche qui sul blog, oltre che su twitter… vede come tutto torna…

      P.s.: e comunque, la versione cattolica, ortodossa del quadro rimase a Roma, quella "eretica" finì in Germania… poi uno dice che il Padreterno non ha il senso dell'umorismo, ehm...

      P.p.s.: prometto che dal prossimo intervento ricomincio a parlare di fi…ducia, fi…nanza e fi…gliole :-)))

      Elimina
  2. La morte della verità e dell' onestà.
    OTTOEMEZZO del 26/1/2015; Ad un certo punto, la Gruber chiede a Riccardo Illy, di pronunciarsi sulle conseguenze del voto greco sulla forza della Merkel e sull' analogia tra taglio del debito della Germania del 1953 e quello che la Grecia vorrebbe attuato per loro (dal tempo 11':08").

    Ebbene, Illy risponde testualmente:

    Direi proprio di no, non credo che la Germania ne esca né rafforzata, né indebolita, così nemmeno la Merkel. Ogni confronto con il periodo post bellico e ogni riferimento alla Germania è del tutto fuori luogo.
    Lì ci fù una guerra e la Germania usciva come un paese distrutto dalla guerra che aveva perso; la Grecia ha dei grossi problemi economici e sociali ma non è stata distrutta da nulla, e si è messa in quelle condizioni, deliberatamente, falsificando i bilanci dello Stato per anni e anni. Quindi non è applicabile... (l' abbuono analogo del debito NdR).


    Non commento, ne voglio esprimere giudizi tecnici sulle richieste di Tsipras, ma io credo di non aver mai ascoltato, nemmeno dai tedeschi più ordoliberisti, concetti tanto infami e unilateralmente orientati a favore della Germania.

    RispondiElimina
  3. OT. Buonasera Prof. e buona musica, mi perdoni ma dopo aver riscritto questo nullo incipit molte volte le propongo in breve il mio nuovo progetto/idea:
    "Sto lavorando ad una nuova campagna pubbicitaria per un nuovo collirio, magari offri un contributo linguistico e lo puoi anche consigliare ai genitori nella versione COLLGENITRAV, per un genitore moderno... ed inoltre NEWS stà per arrivare il collirio per le orecchie!!! Mai più travi nelle orecchie!
    Siamo lieti di presentare un nuovo collirio rivoluzionario e biblico, grazie agli studi dell'università di .... collaborando per la ricerca con .... e in sinergia con ... e l'avallo dei patriarchi... hanno inventato un nuovo collirio personalmente dedicato ad alcune categorie: ..... COLLIRTRAV, ... TRAVISTAR EYES, .... per eliminare le fastidiose Travi dagli occhi, mai più occhi rossi intravati, occhiali che si poggiano male, rischi di incendio, peso ecessivo, male alle mani durante la scrittura derivate dalla oddiodisioncranasia tra verità e menzogna, se hai un ramoscello nell'occhio può bastare anche il più banale collirio, ma se hai una trave allora ci vuole qualcosa di più potente, mirato.
    Il collirio ... dissolve le travi nei tuoi occhi e ti dona un sorriso incantevole, mai più occhi travisati ma uno sguardo da invidiare.
    Inoltre dalle lacrime puoi recuperare i residui della trave e alimentare la tua stufa.
    Consigliato per giornalisti, economisti, opinionisti, e altri isti.
    Per i politici stiamo ancora perfezionando il DoubleTravellerCollir.
    Per i credenti c'è la versione benedetta, Diocolltrav, che oltre a eliminare le fastidiose Travi ti permette di vedere direttamente l'arcangelo e porgli alcune domande.
    Per i paesi musulmani avremo il Maometrav con in regalo a scelta AK47, machete o kebab.
    C'è anche la versione ColliMediaTravistar, per quelli che vogliono vedere la televisione come non l'hanno mai vista! Finalmente capisci quello che dicono alla tv.
    La versione Pro On Line permette anche di operare sul giornalista che si sta vedendo, permettendo la liberazione del grande Avaffan. Costi e pesi sulla pagina web.
    Eventuali effetti collaterali:
    - costringe a dire la verità
    - tua moglie/moglio ti lascia o viceversa
    - torni con tua moglie/moglio
    - ti licenziano e cancellano il tuo nome
    - ipervisione: vedi attraverso i tessuti e la materia inorganica (ancora da indagare meglio)
    - in caso di demenza precoce accelera il progresso
    - in caso di demenza acclarata vedi un Dio
    - i dementi professionisti sono esclusi per doping
    - finiscono i proiettili
    - assassinio da perte dei colleghi
    Per te, per voi, per tutti:
    COLLITRAV, TRAVISTAR, DOUBLETRAVELLER, CRISTOTRAV, MAOTRAVI° E MAOTRAVII°, MARXTRAV, HAYEKTRAV, TAOTRAV, TARANTOLATRAV,
    per tutti i gusti, generali, specifici e alternativi
    Vuoi capire cosa ti stà dicendo tuo padre/madre? CHILDTRAVCOLL e ti saranno chiare le idiote richieste dei tuoi genitori (se non lo erano già prima). Due gocce e smonti le loro certezze. Poi sono cazzi tuoi.
    ... in aggiornamento
    ... mi perdoni, ma non riesco ad essere serio davanti all'assurdità di quello che succede.

    RispondiElimina
  4. Nella cappella ci sono tre quadri di Caravaggio, tutti su san Matteo.

    Il quadro sulla sinistra è la potente "Vocazione di san Matteo": Cristo entra con una sciabolata di luce in un ambiente buio, dove si trovano alcuni uomini seduti attorno a un tavolo e sul tavolo alcune monete. Al contrario di uno visibilmente sorpreso, altri continuano a tener d'occhio le monete e uno di costoro, quello a capotavola, neppure alza la testa, del tutto indifferente - direi tetragono - all'arrivo improvviso e alla luce che rompe il buio, tanto interessato e chino a ciò che ha davanti, appunto I SOLDI.


    E già così la parentesi del Prof., che mette in relazione il quadro a sinistra con un certo mestiere, suona discretamente ironica.

    Quella che so essere l'ultima ipotesi circa san Matteo, nel quadro di sinistra appena descritto, è che Matteo non sia l'uomo con l'aria sorpresa che sembra additare se stesso in risposta al gesto di Cristo, ma quello a capotavola e del tutto concentrato sui SOLDI: l'uomo sorpreso additerebbe proprio quell'altro, come si potrebbe intendere dal dito puntato ("si potrebbe", perché la cosa pare indimostrabile al pari dell'interpretazione solita, e forse Caravaggio ha giocato sull'ambiguità).

    Nota mia: se è così, capisco ancor più la sorpresa del primo.

    Se poi si fosse sicuri che il Prof. è a conoscenza della nuova ipotesi circa l'identificazione di Matteo, ecco che la sua parentesi "suonerebbe" una sinfonia di sarcasmo, ma siccome non siamo malpensanti lasciamo perdere...

    La riflessione seria porta molto più in là, alla scelta da parte di Cristo di una persona apparentemente indegna, cioè del tutto lontana dalla dimensione spirituale, scelta, pertanto, "scandalosa" - come ad alcuni potrebbe parere, altro "scandalo", la scelta dei pescatori in quanto persone molto semplici e di scarsa valenza sociale.

    E allora la "chiamata" rompe la rigidità e l'abitudine della vita dei chiamati e anche degli altri, perché li pone di fronte a un problema profondo e urgente, e Cristo non "ragiona" per parametri consolidati e forse fa ancora di più: muta il profondo dell'essere umano che a lui "risponde" (o, se risponde, è già cambiato? o lo ha già cambiato?).


    @Marco S.
    Subito non ricordavo la PRIMA versione di "San Matteo e l'angelo" e la tua nota me l'ha richiamata alla memoria.


    Conclusione: quando si vorrebbe leggere due cosine leggere, come di solito in questo blog ;-), proprio quella volta ci si imbatte in roba seria e si tira tardi... :-)

    RispondiElimina
  5. Noooooooooo! San Luigi dei Francesi!
    C'è il martirio di S. Matteo.
    Il quadro più straordinariamente drammatico del mondo.
    Ci vado ogni volta che passo per Roma.

    Che significa questo?
    Suona lì adesso? Suona domani?
    Sto a Roma. Ci vengo!

    RispondiElimina
  6. Accidenti a me. Ho visitato solo adesso il sito e solo adesso visto che c'era l'avviso già da oggi pomeriggio.
    Peccato. Sarà per la prossima volta.

    RispondiElimina
  7. Segnalo al Prof. questo pezzo in cui RealPonzio lo cita senza citarlo.... magari se il prof legge anche alcuni commenti miei ;)
    (In fondo anche con Fraioli prof l'ho fatta trastullare :D)
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/01/28/crisi-ecco-che-succede-se-usciamo-dalleuro/1376745/

    RispondiElimina
  8. Per divertirsi con il Caravaggio, vale sempre la pena - per chi non l'ha già fatto - leggere questo volumetto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il link è sbagliato, rimanda a questa stessa pagina.

      Elimina
    2. Dal barocco al dadaismo in un solo clic. Questo blog sta superando se stesso. :-)

      Elimina
    3. Avete ragione, io amo il dadaismo

      Il link corretto è qui

      Elimina
    4. Quando si dice la coincidenza, questo libro l'ho letto la scorsa estate… Sgarbi come storico dell'arte è persino più divertente che come polemista anti euro, il che è tutto dire.

      Elimina
  9. tardivo e leggermente impreciso?

    "L’analisi tecnica dimostra che hanno torto sia i catastrofisti sostenitori dell’euro senza se e senza ma sia gli ingenui teorici della moneta unica come origine di tutti i mali. L’euroexit potrebbe essere una strada per tornare a crescere, ma al tempo stesso cela gravi rischi, soprattutto per il mondo del lavoro. A ben vedere, tutto dipende da come si resta nell’euro e da come, eventualmente, se ne esce "



    uscita dall'euro.....

    RispondiElimina
  10. Prof,
    la ringrazio per avermi fatto scoprire il blog di Barbara. Nel suo blog ho avuto modo di leggere ampi stralci di Altiero Spinelli trovando di fatto conferma a quello che ho sempre pensato:
    Non è che l'UE è nata "buona" ma poi la spregiudicatezza dei suoi burocrati l'ha fatta diventare "cattiva".
    Non ha deviato dal binario iniziale.
    Poggia invece sin dall'inizio su un progetto profondamente antidemocratico, e dove siamo ora non è altro che il naturale proseguo del processo iniziato 50 anni fa.

    Ecco perchè mi spavento quando sento dire: "Non vogliamo QUESTA UE". Questa frase lascia intendere l'intenzione di riformare l'attuale assetto dell'Unione.

    Ma è possibile riformare il nazismo ? Non è meglio abolirlo ?

    Un frase tra tutte:
    [I]
    Altiero Spinelli
    "Attraverso questa dittatura del partito rivoluzionario si forma il nuovo stato, e intorno ad esso la nuova vera democrazia."[/I]

    Ricorda qualcosa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attendo fiducioso i ragli delle prediche del PNF (padre nobile fascista)

      Elimina
    2. Nuovo stato, nuova democrazia … mondo nuovo, uomo nuovo, nuova era… ma c… (orsù) non girano anche a voi i coglioni quando vi buttano addosso questa cazzo di paroletta "nuovo/a/i/e"!?

      Elimina
    3. Su Spinelli era anche stato pubblicato un post specifico sul blog di 48.

      Elimina
    4. Mi unisco a Tommaso nel ringraziare il Prof
      . per avermi fatto conoscere il blog di Barbara Tampieri (oltre a quello di Marcello Foa e di 48 naturalmente!) e mi permetto di segnalare il suo ultimo post: "L'identificazione con il creditore" che a mio avviso si fonde perfettamente con "Germania e Grecia nel giorno della memoria". Mi ha scioccata soprattutto l' incipit tratto da "L' economia tedesca e il lavoro dei deportati" di Maria Chiara Laurenti.
      Confesso che quando due anni fa, spinta da mia marito, iniziai a leggere Goofynomics non potevo certo immaginare che mi accingevo a scoperchiare un simile vaso di Pandora....ero beata fin dentro al midollo e mi spiegavo la vita facendomi bastare le bugie che ci raccontano ogni giorno.
      Oggi sono più consapevole (anche se ovviamente ho visto solo la punta dell' iceberg) ma il mondo mi sembra un posto molto peggiore di quello che pensavo....

      Elimina
    5. Quello che viene detto in quel post dell'ottimo Bazaar ha inquietanti eco attuali in quest'altro recente post:
      ZAGRELBESKY, VENTOTENE E LA "DIMENTICANZA" DEL COSTITUZIONALISMO, DI KEYNES E DELLA...STORIA
      http://orizzonte48.blogspot.it/2014/12/zagrelbesky-ventotene-e-la-dimenticanza.html

      Lo dico perchè c'è persino qualcuno che crede che ci possano essere delle "occasioni mancate" nella elezione del PdR...

      Elimina
  11. intanto segnalo questo:

    " Retribuzioni ai minimi dal 1982
    Nel 2014 rialzi medi dell’1,3% "

    http://www.corriere.it/economia/15_gennaio_29/retribuzioni-minimi-1982-2014-rialzi-medi-dell-13percento-eb22a238-a798-11e4-b182-cec9e96dbdaf.shtml

    ovviamente nel 1982 parte la serie storica. Ma il titolo non lo dice. Sembra che nel 1982 fosse più basso di oggi l'incremento dei salari.

    RispondiElimina
  12. QED - http://wbponline.com/Articles/View/42166/deflation-virus-infects-germany-cpi-falls-in-jan

    RispondiElimina
  13. Giusto ieri, mi è tornato in mente l' appassionato discorso di un ex affezionatissimo, sul rapporto fra mercantilismo britannico e colonialismo in India. Eravamo a pranzo a Bologna.

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.