MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

mercoledì 7 gennaio 2015

Democracy and the media



In a previous post I deprecated the behavior of a colleague, Salvatore Biasco, a retired professor of international economics at the University of Rome III, previously engaged in some middle-rank political responsibility as a Democratic Party MP (and hence supposed to be a “left-wing” intellectual), who had put forth in the Italian media a completely absurd euro breakup scenario, talking about Italian airplanes being sequestered at Berlin airport, the price of gasoline increasing by 100% (which owing to the structure of Italian excises implies, as simple arithmetic shows, the cost of dollar to increase by 300% in the new Italian currency), and grossly misreporting previous cases of currency union breakups, e.g., blabbering about “four years of output free fall” in Argentina after the 2002 crisis. Just for you to know, these are the data about Argentinian real GDP in national currency (billions):


this is Weisbrot and Ray’s paper (ignored by our “expert”) that correctly reports the main stylized facts of some previous devaluation episodes, and this is my last paper on gasoline pricing in Italy (with Christian A. Mongeau Ospina), which I used to show how miserable the arithmetic of my colleague was. By the way, I am not endorsing Argentinians governments, nor criticizing them. My point is a completely different one: if output after 2002 was rising (according to the IMF), a serious economist should not affirm that it was falling (and a side argument is that Italian colleagues should really stop making silly comparisons with countries whose economic and political structure is completely different from ours: enough of amateurish economics!).

Some backstage before proceeding: it was really funny taking part at the closed-door workshop in which this guy presented his bullshit. I sat next to a young Democratic Party MP (one who risks to have a future), and I showed him on my smartphone the correct data and the scientific literature about devaluation episodes (basically, the information reported above), as the guy kept talking (ignoring that the knowledge of how ridiculous his arguments were was spreading across the audience).

Technology and truth can sometimes go hand in hand.

Nevertheless, in hearing such a huge amount of lies (or amateurish economics, who knows?) I was really ashamed both as an economist, and as an intellectual. My point is very simple. We are all keen to show our proudness to live in a western democracy. But where is democracy, if the intellectuals and the media keep lying to the voters? How can the latter exert their civil rights, if they are grossly misled by interested or ignorant media and colleagues? Democracy is not for free. This is what I have learned at the University of Rome I from Federico Caffè, who, back in 1981, deprecated how economic information in Italy had become so conformist that it was not an exaggeration to define it as regime propaganda. Things have gone worse, since then. An example will follow, but before amusing ourselves with the incredible sloppiness (or incredible ability to manipulate information) of Italian journalists, let me state clearly the moral of the story: democracy is not for free. If we believe in democracy, we have the duty to engage ourselves in a nonviolent resistance against the violence of the lies that the media, with the help of some shameless colleagues, diffuse over and over. As academicians, we have the duty to intervene, to take explicitly distance from the colleagues who discredit our profession be issuing analyses and statements that are way below a reasonable professional standard, and possibly to pillory them. I do not know whether you realize it, but we are right in the middle of an economic war, where our democracies are at risk, because the financial and political elites, and their media, indicate as a solution of our economic evil the evolution towards the dystopian “United States of Europe”. A solution which ignores a very simple point: there cannot be politics (I do not say: “democracy”; I say “politics”) without verbal communication, and there cannot be a truly shared verbal communication without a common language, which in Europe does not exist. In writing this post I keep checking a dictionary, and I will make many mistakes, for sure. And I am relatively fluent (much more in French, actually) and have a lot of time to invest in my education (I actually chose to become an academician in order to invest in my education all my life long). It is plainly obvious, therefore, that in the dystopian USE there will be no democracy, because there will be no politics at large. The European project in its present form was conceived to empower the technocrats. This is an acquired result of the political science research, nicely expressed by Kevin Featherstone. If you do not want technocracy (basically because you realize that it is spreading death and misery wherever it arrives, like in Greece), and prefer democracy, you have the duty to tread on such lying roaches.

An example follows.

On last January 5th “La Repubblica” (the official organ of the conformist “left-wing” intelligentsia: think of El Pais or Le Monde, for instance), published this interesting article on the Spanish miracle. Please have a look at the crucial passage:


The (anonymous) journalist affirms that “the unemployment rate decreased by 253.627 units, i.e. by 5.39%, over the last twelve months”. Now, a few background. The unemployment rate is the ratios of unemployed people to labour force, which in turn is the sum of the employed and unemployed people. In other words, the unemployment ratio is the ratio of a part (the unemployed labour force) to a whole (the labour force), and as such it must (please mind the verb: I did not say it should, it can, it may, it might, I said it must, because it must) be comprised between zero (0%) when everybody works, and 1 (100%) when nobody works. Therefore, in no way can the unemployment rate decrease by 253267 units. If you do not agree with me, well, you’d better to look for a therapist (or apply for a job at “La Repubblica”, of course). But there is something better. It is plainly obvious that the journalist (maliciously?) misled the number of unemployed with the unemployment rate. In my opinion, he actually did it maliciously. Why? Because this allows him to say that there was a decrease by 5.39% in the unemployment rate. Be careful! Spanish unemployment rate is somewhere between 26% and 25%. With an labour force of about 23 million, back-of-the-envelope calculation quickly show that the unemployed must be around a quarter of 23 million, i.e., 23/4=23x0.25=5.75 million. Eurostat provides us the correct figure: in 2013 they were 6 million. Where do the 4.45 million quoted by the anonymous journalist come from? This is something of a curiosity and of a mystery, but we will set it aside for a while-

My educated guess is that the journalist is performing a trivial spin operation, namely, he is trying to induce the reader to mistake a 5.39% fall in the number of unemployed with a 5.39 percentage points fall in the unemployment rate. Given the data above, a 5.39 percentage fall in the unemployment rate would mean a reduction by 0.0539x23=1.4 million in the number of unemployed person. Now, the (supposed) decrease in this number is 253267 units, i.e., 0.25 million! In other words, the journalist is suggesting to the reader that “structural reforms” had an impact on Spanish unemployment six times as large as the actual one.

(Just another detail: for a decrease by 253267 in the number of unemployed to be equal to 5.39%, the starting value of unemployed people – i.e., the annual data in 2013 – must be 4.7 million. This falls short of the 6 million reported by Eurostat. Again, I see some Spanish mysteries and no Spanish miracle...)

Of course, this only one among dozens of sloppy attempts to hinder democracy by misleading the Italian constituency with incorrect reports of what is going on in other countries. The “Repubblica” mantra is that we are like Argentina (which is supposed to be an insult, and is actually racism), and we should “do the reforms” like Spain (which is supposed to be an economic analysis, and actually is a lie). In order to support this view, our journals, and my colleagues, distort the past, because “He who controls the past controls the future. He who controls the present controls the past”, as we all read, perhaps without fully understanding what Orwell meant. Now it is impossible not to understand it. By misreporting historical evidence the elite and their slaves in the newspapers are suggesting us that it is pointless for us to manage our economy, our lives, because when we were able to do that everything went wrong. Therefore, we must surrender democracy to the USE.

We must fight.

We must fight against that for our children.

I am proud of my victories. I forced “Il Corriere della Sera”, the second largest spin factory in Italy, to rectify its malicious statement that in 1977 unemployment in Italy was as high as today (here the data and here the whole story in Italian – sorry for differently European readers).

But I am apparently alone in my country.

Am I alone in Europe too?

Should the answer be yes, it would then follow that you (not me) deserve slavery. Please, help us to recover and defend democracy in our countries.

63 commenti:

  1. Scusi Prof. se la correggo, ma in inglese corrente si usa la parola "academic", non "academician" per indicare un accademico. So che si academician si trova sul vocabolario, ma non viene usata/accettata come corretta dai madrelingua

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aye. There are also a few more "blunders" and "clashes" to a native ear in the thing but... Nobody, even the meanest defender of "posh" purity, would argue about them unless he/she is having a "conflict of interest" of some sort with the "topic", trying once again to divert the attention from the core to the form Prof ain't mother tongue and no one, unless as said maliciously, would dare to demand in good faith a perfect English form. Substance is what matters here, and that is crystal clear to anybody. Anybody willing to observe the moon and not the finger pointing at it...

      Elimina
    2. I am not (only) an economist.

      Er war ein Dichter und haßte das Ungefähre; oder vielleicht war es ihm
      nur um die Wahrheit zu tun; oder es störte ihn, als letzten Eindruck
      mitzunehmen, daß die Welt so nachlässig weiterginge.

      Therefore, every contribution is appreciated. However, since there is nothing like an "English" language, I would appreciate even more if you would spend some words about what English language are you referring to, and what is your background!

      Thanks a lot.

      Elimina
    3. Dear Professor,
      Is your last question referred to me or to Maurizio?
      @Maurizio
      Please don't misunderstand my target when I underline a really minor "mistake" as the one described above. I'm not trying to divert anyone's attention (and this would be a really silly way of doing it, by the way), but I'm just replaying to the professor's "appeal" to help him improving is business English. I'm not a mother tongue myself, but I've read quite a good amount of economic papers during my studies and I'm just trying to help, for as little as this kind of help could be.

      Elimina
    4. I see no question marks in my comment.

      Elimina
  2. Professore, ciascuno di noi e' disponibile a dare una mano; posso dare una mano non in materia economica, ma in altre cose, Inglese compreso (e non solo), e gratuitamente; molti di noi stanno conducendo una dura lotta per non essere schiacciati, non solo economicamente, nella loro vita.

    Io sono disponibile per traduzioni gratis ovviamente, anche se il mio tempo e' nullo perche' devo far quadrare conti che non quadrano piu' da due anni.

    Essendo un Fisico, me la cavo con la Matematica :-) Quelli di Repubblica fanno finta di non conoscere l'artitmerica, ingannando il "pueblo".

    Grazie per tutto

    RispondiElimina
  3. What the fuck, Prof! Have you ever tried to send some comments (or write a post on an economic blog or whatever) to "The Guardian" for instance? I'm not mentioning FT as it'd be a waste of time imo. Time for readers outside our "box" to get aware there's still some sense and free scientific thinking in this rotten mess (you know what I'm referring to). I know it's tiresome but please more and more of these efforts (that is in English). We shan't be alone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Footnote: on Repubblica is possibile to comment only on pop topics, it is instead impossible to express any opinion in economic matters (or in the missa cantata by Scalfari). I was talking about it with a Tsipras candidate on twitter, Claudio Riccio; he just refused to acknowledge this fact. Duck him. It made me really sad, yet it was so much fun when the "Spinelli daughter" broke her promises and kept the EMP chair. I don't see Claudio Riccio on Twitter anymore, but i fear there are many little soldiers like him.

      Elimina
  4. Purtroppo, Professore, Lei è proprio solo.
    E lo dico con molta amarezza, la stessa che mi provoca la quotidiana lettura delle pagine del suo ultimo libro, così "banali" nella loro evidente limpidità e chiarezza.
    Non c'è oggi in Europa una singola forza politica credibile in grado di rappresentare il lavoro in quella lotta di classe che il capitale ha avviato contro il lavoro decenni fa, e che Lei descrive. In Italia preferiamo correre dietro ai difetti di tassisti, vigili urbani, ingegneri autostradali (domani forse la categoria bistrattata sarà quella dei bidelli).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, ma e' altresi' vero che ogni giorno qui siamo sempre di piu'. E' una dinamica che potrebbe velocizzarsi rapidamente. Parallelamente i lettori di certa stampa, lentamente, diminuiscono. Io grazie a goofynomics risparmio 1,5 euro al giorno che in parte devolvo a asimmetrie.

      Elimina
  5. Soldi & Diritti num 140 gennaio 2015, supplemento di Altroconsumo n.288, pag 6, Titolo: Disoccupazione record negativo, estraggo:"Il tasso di disoccupati è pari al 13,2%, un massimo storico non toccato adirittura dal 1977".
    Di nuovo la bufala dei cattivissimi anni settanta anche nel giornale dei consumatori che dovrebbe smascherare le bufale !
    Per visionare il giornale purtroppo bisogna essere registrati:
    http://www.altroconsumo.it/pubblicazioni/soldiediritti

    RispondiElimina
  6. Ma se "Il Corriere della Sera" è la seconda chi è la prima? Io ho un sospetto...:-) cmq, il prof se n è accorto di sicuro ma lo dico a tutti i lettori, i maggiori giornali, tra cui il FQ, sono pieni di simpatici trolls, alcuni secondo me sono arrivati pure qui :-)

    RispondiElimina
  7. Intanto, un ennesimo QED…
    e se fosse la Germagna a far saltare l'euruccio addossando le colpe ai gechi grechi?
    I gechi, si sa, sono 'nu poco ciechi :D

    @federico.grendine: non è solo… questo spazio, il profilo cinguettante ed i frequenti inviti sui media dimostrano il contrario… in quanto alle "forze politiche", be', è notorio che inseguano le masse per fini contingenti più che rappresentarle...
    come mi ricordò prontamente un rappresentante di quel mondo del "lavoro" che aveva appena festeggiato 10 anni dieci di "spogliatoio" - imbosco con relativo gioco a carte :D - in Finmeccanica… sindacalizzatissimo, quasi sempre in malattia e convalescenza, lui aveva capito tutto delle dinamiche della lotta di classe... XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è però anche questa visione: http://www.keinpfusch.net/2015/01/timeo-danaos.html che sintetizzerei così: "permettere, anzi agevolare l'uscita della Grecia in modo da usarla come spauracchio per tenere in riga gli altri".

      (L'autore del post che linko vive da alcuni anni in Germania e ha posizioni sicuramente filo-euro, o quantomeno pare convinto che il problema per alcuni paesi, Italia compresa, sia la corruzione, etc. - gli piace fare l'opinionista, e anche se non è che ci prenda sempre ha spesso delle analisi interessanti).

      Elimina
    2. Il link reindirizza ad una scena porno. Giusto per avvisare le anime candide.

      Elimina
  8. O.T. Visti da fuori tratto dal corriere post precedente della serie qualcuno ha la sfera di cristallo:
    Basti pensare alla sentenza scolpita da Luciano Barca, economista del Pci e padre di Fabrizio, durante il dibattito in Direzione sul Sistema monetario europeo, l’antenato dell’euro: “È solo la mascheratura di una politica di deflazione e di recessione anti-operaia”. Era il dicembre 1978.

    RispondiElimina
  9. Contemplo il lavoro di controinformazione di Alberto in un sentimento misto di sgomento e ammirazione. So bene come funzionano le società, come procede la storia, e non mi faccio illusioni su niente e su nessuno. Eppure la violazione delle più elementari regole della discussione scientificamente fondata continua a lasciarmi sgomento. Da qui la mia sincera ammirazione per l'ormai lungo, e quasi solitario, lavoro di informazione e controinformazione di Alberto. È un lavoro duro e non sappiamo quanto remunerativo. Ma è un lavoro che ognuno di noi, nel suo piccolo, può e deve fare. Qualche mese fa ho partecipato a un seminario, organizzato da un amico, sulla world history. Già prima, l'argomento destava in me sospetto; la partecipazione a questo seminario mi ha reso tutto chiaro (naturalmente c'era il propagandista di turno educato tra Berlino e gli States, ma c'era anche un cultore di tale storia globale, cioè universale, di origini marxiste, che qualcosa di più succoso ha detto: ha detto per esempio che in questa storiografia, che polverizza le storiografie nazionali, non contano tanto i diritti e la democrazia, ma altre cose tipo scambi di conoscenze, contatti, velocità dei rapporti ecc. Eccc.). Siccome la storia universale è un'invenzione antica (tanto per cambiare), ho pensato rapidamente, per es., a Polibio e a Diodoro e mi sono ricordato, guarda un po', che la storia universale nasce quando c'è una potenza imperialista e imperiale che assoggetta tutte le varie nazionalità e viene vista in un'ottica finalista. Allora mi sono fatto forza e sfidando la mia ignoranza di storia moderna rispetto ai relatori ho chiesto: "ma non è che questa storia piace ai gruppi di potere transnazionali che hanno distrutto la politica nazionale?" È sceso il gelo nell'aula, non sapevano che cosa rispondere; il propagandista ha farfugliato qualcosa su Piketty e non ho capito bene che cosa c'entrasse; l'altro storico più serenamente mi ha detto che è la domanda centrale, ma naturalmente cerca di salvare capra e cavoli, perché lì nel mezzo deve vivere. Infine, e questo è davvero paradigmatico, ho dovuto subire il sarcasmo di una vecchia conoscenza, uno storico moderno che ha trovato bizzarro che proprio io facessi una domanda del genere, che rimandava al bel tempo antico dell'invadente presenza degli storici marxisti. Già, quando anch'egli era un comunista. Senza se e senza ma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è nessuno più zelante di un convertito.
      Se poi questo coincide col buttare giù la scala che lo ha portato in alto, è praticamente una scelta obbligata.

      Elimina
  10. Bene bene,
    anche in questo articolo ci sono 150 argomenti da trattare. E tutti interessanti.
    Però, come fa anche l'astronauta nello spazio, alla fine conviene prendere un problema alla volta, per limitarsi alla fine a calcolare 1+1=2.
    L'Argentina: non ho le idee chiarissime in merito, ma dal grafico sopra deduco che dal 2002 (anno di uscita dell'Argentina dal dollaro ?) il Pil REALE dell'Argentina ha avuto un'impennata. A dimostrazione del fatto che da quell'anno tutti i problemi argentini, di tipo economico e non solo, sono diminuiti e anche parecchio.

    Siamo d’accordo sul fatto che fra l’Italia dell’euro e l’Argentina del dollaro ci siano parecchie differenze, dovute a fattori temporali, geopolitici e socio-economici. Ma conviene, tuttavia, sgombrare il campo da ogni dubbio, anche per gli argomenti e le considerazioni in merito che vengono spesso usate dagli iscritti al Pud€.

    RispondiElimina
  11. Prof,
    the Corriere della Sera tells us that :

    " A fine dicembre, secondo quanto emerge dai dati diffusi ieri dal ministero del Lavoro e della Previdenza sociale di Madrid, i disoccupati erano 253.627 in meno rispetto al dicembre del 2013. È il secondo anno consecutivo che la disoccupazione rallenta e quello registrato a dicembre, pari a una flessione del 5,38% del tasso di disoccupazione, rappresenta il calo maggiore registrato in Spagna dal 1998"

    Do you think that this is again "a trivial spin operation" ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. If these words have been written, of course it is. An x percent decrease in the number of unemployed person DOES NOT coincide with a fall in the unemployment rate equal to x points. As I mention in this post and elsewhere il Corriere della Sera is unprofessional at best, or too professional at worst. Could you please provide a link when you quote something?

      Elimina
    2. Peter dalla foto sei un grande fan di Pippo anche tu! Siamo in tanti allora qui!

      Elimina
    3. "C.S. is unprofessional at best": Correct, especially incontestable. :D

      Elimina
    4. il Corriere della Sera is unprofessional at best, or too professional at worst

      The second you said!

      And so is (or he would like to be) the little tiger of Malaysia.

      Elimina
    5. Dopo il dicembre 2013 molti disoccupati spagnoli sono emigrati...Quanto alla diminuzione del tasso di disoccupazione, il trucco è ben spiegato nel post.

      Elimina
    6. Ritengo che il "miglioramento" pubblicizzato da tanti quotidiani dell'occupazione in Spagna non tenga conto del fatto che la popolazione attiva spagnola è diminuita negli ultimi anni a causa dell'emigrazione degli spagnoli verso altri paesi.
      Secondo ANSAdel 10 dicembre 2014, "42.685 hanno lasciato la Spagna nel primo semestre dell'anno, pari a un 15,5% in più che nello stesso periodo del 2013".
      E' chiaro che se la popolazione attiva diminuisce puo' diminuire anche il numero di disoccupati. Ma questo non significa che le cose stiano andando meglio, anzi...

      Buona vita
      Guglielmo

      Elimina
  12. Am I alone in Europe too?

    Un incubo progettato con lucidità da almeno un secolo...

    II punto è che tutti (ma proprio tutti) blaterano di "democrazia", quando solo un ristrettissimo gruppo di uomini di cultura avanti di secoli, proprio in quel 1948 tanto caro ad Orwell, ne aveva il valore.

    Tutto il resto è stata propaganda antisocialista.

    Ma il socialismo, che è l'unica via alla democrazia sostanziale (liberali di destra, centro e sinistra andate a studiare e poi vergognatevi...), si basa su un principio identitario fondamentale:l' io soggetto esiste solo dopo un me oggetto, che ha necessità di un terzo lui. Quindi l'io esiste solo perché esiste un noi.

    Essere gli unici non significa essere soli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile Bazaar,

      sono un liberale di origine (non so se di destra, di centro o di sinistra, ma certo non lo lascio decidere a uno come te). A studiare vacci tu, per favore, perché forse ti sfugge che cosa è successo nel XX secolo. La generazione, cui appartengo, per ragioni di ambiente, di contesto culturale, si è dovuta confrontare col problema del socialismo, anzi diciamolo un po' più precisamente, col problema del comunismo. Forse non ricordi la quantità di bugie e inesattezze che noi, vergognosi, abbiamo dovuto ascoltare all'epoca. O ti devo ricordare, tanto per essere provocatorio, che i gruppi più "socialisti" ci dicevano che ciò che si raccontava del Kampuchea democratico era una provocazione della CIA? (Sto parlando della Cambogia, dove un simpatico regime socialista ha sterminato circa la metà della popolazione). Forse non ricordi che cosa si diceva della Cina di Mao e che cosa poi abbiamo dovuto scoprire rispetto alla rivoluzione culturale? Naturalmente tralascio tutto il capitolo UNione Sovietica. Anche per te, come per tanti pensatori prima della conversione al pacifismo, i milioni di morti sono solo "l'inevitabile rugosità della storia"? Le tue considerazioni sull'io e il noi, che racchiudono un problema vero, è il dilemma della polarità Liberalismo/Socialismo, che tu liquidi, a mio avviso, con superficialità. Si tratta dell'opposizione libertà/uguaglianza, opposizione inerente al contrasto tra quelle che sono le due facce della stessa medaglia: il capitalismo. Liberalismo e socialismo sono ambedue industrialisti, progressivi ed etnocentrici. Ti basti leggere l'ultimo capitolo del Pensiero Selvaggio, in cui Lévi-Strauss dà l'addio ufficiale al comunismo, polemizzando sulla Storia con Sartre. Il problema, almeno per me, che non mi vergogno per niente di fronte a uno come te, è sempre stato quale punto di equilibrio trovare tra la libertà degli individui e una decorosa, non offensiva disuguaglianza tra gli individui. Equilibrio che rappresenta solo un obiettivo tendenziale, cioè che non si realizza mai, va da sé. Ma in fondo era anche il problema che aveva anche quell'individuo vergognoso che era John Maynard Keynes, che era liberale e anticomunista. Oggi io ripenso con rammarico a certe posizione che ho avuto in gioventù, per esempio sullo SME e sull'Europa: oggi capisco che avevano ragione i comunisti e che io ragionavo solo in senso stupidamente ideologico di reciproca contrapposizione. Esattamente come stai facendo tu in questo momento. Tuttavia non posso non ricordarti che sono i tuoi amici "socialisti" (si fa per dire naturalmente) che ci hanno ridotto in queste condizioni in Europa. Una iena come la Thatcher era contro la moneta unica e un assetto globale che spazzava via le nazioni. Concludo dicendo che faccio fatica, quando mi imbatto in persone come te, ad andare avanti con l'obiettivo di una unità di intenti tra diversi in vista di un bene superiore. Ma lo faccio lo stesso. Sperando che arrivi presto, questo bene superiore. Perché poi ognuno di noi se andrà di nuovo per la sua strada.

      Elimina
    2. Grazie mille, Celso, per aver raccolto la provocazione.

      Intanto prendiamo, raccolto dall'apprezzabile pathos, il cuore della secolare questione in pratica scomparsa dal dibattito da decenni: la «opposizione libertà/uguaglianza». (Noto che si dà per scontata un'opposizione).

      Quindi una nota di apertura, per cui, dallo spunto fornito sull'identità, mi chiedo se gli esempi che porti di socialismo (reale) siano pertinenti e, di conseguenza, mi chiedo quali riferimenti - con la stessa filologica coerenza - ti ponga come modello (storico e reale) all'idea di ordinamento "liberale" (cioè come voluto storicamente dai liberali, dal socioliberalismo inglese al medievalismo reazionario austriaco).

      Sarebbe interessante anche far due considerazioni storiche sul progressismo nato - di sua sponte... - dal pensiero, cosiddetto, "liberale".

      A questo punto mi sorgerebbe la domanda, essendo la "democrazia" l'oggetto delle nostre preoccupazioni: la nostra Carta costituzionale - italiana, non cambogiana né tantomeno sovietica - promuove programmaticamente il "liberalismo" o il "socialismo"? (Avendo una logica programmatica la risposta tranchant tipo: «quello derivante da un'economia mista», viene rigettata).

      In chiusura ti devo ringraziare anche di aver colto, giustamente, la fondamentale, lunga, riflessione del - più che vergognoso - "tormentato" J.M. Keynes...

      Elimina
    3. @Celso
      Mi viene da fare un piccolo appunto sull'evocazione rituale della Cambogia: che io sappia - ovviamente posso sbagliare - non ci sono vie o piazze intitolate a Pol Pot, mentre il nuovo campus dell'università di Torino è intitolato a Luigi Einaudi, con tanto di statua in bronzo a grandezza innaturale.
      Einaudi era liberista e pro gold standard, era pure favorevole all'unificazione europea e alla moneta unica con preciso divieto agli stati di "stampare moneta per far fronte alle spese pubbliche"(*). E mi pare che assomigli un tantino alle cose contro cui ci stiamo muovendo.
      Mi pare anche (ma posso ricordare male) che Einaudi avesse un certo peso nel PLI di quando ero bambino, mentre era Presidente della Repubblica (eletto con l'appoggio del PCI).
      (*)“Il vantaggio del sistema [di una moneta unica europea] non sarebbe solo di conteggio e di comodità nei pagamenti e nelle transazioni interstatali. Per quanto altissimo, il vantaggio sarebbe piccolo in confronto di un altro, di pregio di gran lunga superiore, che è l’abolizione della sovranità dei singoli stati in materia monetaria. Chi ricorda il malo uso che molti stati avevano fatto e fanno del diritto di battere moneta non può avere dubbio rispetto alla urgenza di togliere ad essi cosiffatto diritto. Esso si è ridotto in sostanza al diritto si falsificare la moneta (Dante li avrebbe messi tutti nel suo inferno codesti moderni reggitori di stati e di banche, insieme con maestro Adamo) e cioè al diritto di imporre ai popoli la peggiore delle imposte, peggiore perché inavvertita, gravante assai più sui poveri che sui ricchi, cagione di arricchimento per i pochi e di impoverimento per i più, lievito di malcontento per ogni classe contro ogni altra classe sociale e di disordine sociale. La svalutazione della lira italiana e del marco tedesco, che rovinò le classi medie e rese malcontente le classi operaie fu una delle cause da cui nacquero le bande di disoccupati intellettuali e di facinorosi che diedero il potere ai dittatori. Se la federazione europea toglierà ai singoli stati federati la possibilità di far fronte alle opere pubbliche col gemere il torchio dei biglietti, e li costringerà a provvedere unicamente colle imposte e con i prestiti volontari, avrà, per ciò solo, compiuto opera grande. Opera di democrazia sana ed efficace, perché i governanti degli stati federati non potranno più ingannare i popoli, col miraggio di opere compiute senza costo, grazie al miracolismo dei biglietti, ma dovranno, per ottenere consenso a nuove imposte o credito per nuovi prestiti, dimostrare di rendere servigi effettivi ai cittadini.” (L. Einaudi, I problemi economici della federazione europea, saggio scritto per il Movimento federalista europeo e pubblicato nelle Nuove edizioni di Capolago, Lugano, 1944 ora in La guerra e l’unità europea, Milano, Edizioni di Comunità, 1950, pagg. 81-82).

      Elimina
    4. Guarda che Keynes non era tormentato. Quando scrive "Sono un liberale?" lo scrive per dire che lo è. E considerava Il Capitale un libro sbagliato. Sull'economia mista siamo d'accordo (sono assolutamente contro la vendita di ENI, ENEL, Finmeccanica). Ho l'impressione che tu confonda liberismo e liberalismo. Su questo basta rivedere la discussione tra Einaudi e Croce. Il liberalismo è un pensiero frastagliato e come tutti i pensieri politici vive dell'impossibilità di conciliare essere e dover essere. La risposta sul tipo di società auspicabile (in senso lato ovviamente) lo trovi giustappunto nell'IPF. Comunque ci fermiamo qui, le nostre differenze non interessano nessuno e tanto meno queste discussioni politologiche in pillole (o da bar). Infine vorrei ricordarti che alcuni simpatizzanti di Alberto sono di origine liberale e anticomunista (Foa, Borghi, Gawronski). Forse è meglio, se "andate a studiare e poi vergognatevi" lo dici altrove.

      Elimina
    5. Carissimo Celso, Keynes si porrà questa domanda più volte, proprio perché - con buona pace di Croce - ab origine nell'ideologia liberale, la libertà del libero scambio è sempre presente, senza nessuna eccezione.

      Il liberismo è un'invenzione terminologica di Croce, astorica, fondamentalmente un tuffo doppio carpiato per salvare il lavoro libertario fatto dai Montesquieu, dai Tocqueville o dai Kant. Punto.

      Il termine liberalism "nasce"/"si diffonde" all'inizio dell'800 ed è assolutamente da distinguersi dal movimento di pensiero illuminista.

      Solo il Bolscevismo poteva portare a certe "contorsioni intellettuali" per salvar "capra e cavoli" come nei Popper o nei Kelsen.

      Il liberalism era - ed è! - l'ideologia della classe e dell'impero dominante; la lingua di questa élite non né è quella italiana né, tanto meno, quella del paese di Croce.

      Solo con la prima grande depressione, quando il socialismo avanza come una marea rabbiosa i liberalist reagiscono con i primi accenni di socioliberalismo che trova le radici nell'utilitarista J.S. Mill.

      Poi sei così sicuro che Keynes rigetti completamente Marx?

      Certo che Keynes rifiutava i livorosi ("catastrofici") marxisti dell'Illinois (ante litteram), e rimarrà, comunque, sempre un funzionalista, ma almeno aveva l'onestà intellettuale di esprimerlo: «…the class war will find me on the side of the educated bourgeoisie». Stop.

      A quali estreme conseguenze pensi che conduca la costituzionalizzazione del liberalismo sociale di Keynes e Beveridge per cui obblighi inderogabilmente la Repubblica a rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e la uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese?

      Non sembra proprio l'obiettivo degli ordinamenti "liberali", ovvero censitari e per cui il lavoro "è merce". Non sembra proprio l'obiettivo dei Reagan, della Thatcher o dei socialisti liberal che han trovato nella cosmesi "federalista" l'Uovo di Colombo per far ingollare ai prolet il free trade e l'ordine sociale che - con le dovute differenze - hanno sempre avuto in mente.

      (Sì, anche Rossi e Spinelli erano dei "liberali", creature di Einaudi che si è occupato di nutrirli con i vari Robbins, Röpke, Marshall e via andare)

      Sai cosa è passato, in fase costituente, del modello liberale proposto dai "socialisti liberali" alla Calamandrei o dai reazioari neoliberali alla Einaudi?

      Tra il poco e il niente.

      Per chi si ferma a Keynes (e al suo "funzionalismo") trascurando la Robinson, Sraffa e, su tutti, Kalecky, ricordo il lapidario sociologo americano Charles Wright Mills in riferimento alle origini "utilitariste" del socioliberalismo inglese: «[...] non dimentichiamo che ci sono più elementi utili nel marxismo di Sweezy che in tutti i tirapiedi di J.S.Mill messi assieme».

      Il punto è che le sovrastrutture ideologiche creano archetipi funzionali ad una falsa coscienza.

      Altro che "bar": ogni discussione che non ha queste finalità è conversazione in prua al Titanic.

      Non c'è età per cambiare sguardo sul mondo.

      Elimina
    6. @Frank

      Scusami, Frank, ma sono allibito per l'equiparazione Pol Pot/Einaudi. Non so quanti anni tu abbia, ma io ho vissuto tutto il periodo delle menzogne di sinistra, dette da coloro che poi ci hanno precipitato nel sogno europeo. Quanto a Einaudi,nper quanto mi riguarda, è la centesima volta che ripeto che ci fu una discussione tra Croce ed Einaudi e che personalmente condivido le posizioni teoriche espresse da Croce in Liberalismo e Liberismo (si trova in Etica e Politica). Temo che anche tu confonda liberismo e liberalismo. Anche a te ricordo che, se hai considerazione per Keynes, hai considerazione per un liberale (ma io sospetto che non lo sappiate e che pensiate sia qualcosa vicino a un "socialista"). Comunque fermiamoci qui, non mi interessano le vostre convinzioni politiche e le vostre preferenze di sistema. Mi interessa solo una unità di intenti contro la moneta unica e il sistema dell'eurozona (che hanno fatto progressisti, socialisti e postcomunisti, tanto per mettere le cose in chiaro). Già questa mi sembra un'impresa complicata e ardua. Passo e chiudo.

      Elimina
    7. Non arriverò mai a capire la logica di chi pretende di criminalizzare il forellino nel terreno fatto dalla minuscola formica per scavarsi la tana, mentre si volge graziosamente dall'altra parte di fronte agli alberi sradicati dall'elefante impazzito.
      Quindi non riesco a passare sopra all'ennesima reiterazione del luogo comune dei luoghi comuni, inerente la questione dei milioni di morti fatti dal socialismo, base primaria di chi sostiene l'ideologia che è essa stessa la causa prima di tutte le guerre succedutesi nella storia del mondo. Essendo sempre state combattute per conquistare territori, ovvero accedere alle materie prime, ai mercati, alla forza-lavoro e alle ricchezze del nemico, sono tutte gravate da una motivazione legata indissolubilmente al più squisito capitalismo reale, quello a sfondo imperialista
      Per il quale hanno fatto un numero di morti incalcolabile.
      Chiedo scusa, ma non riesco più a sopportare di vedere come il liberista di turno salti su con la bava alla bocca e il canino pronto ad azzannare mentre tralascia minuziosamente di considerare le proprie tare ideologiche, nella noncuranza dei più.
      Credo che al riguardo la risposta migliore la dia, sia pure indirettamente, il commento di Citodacal, riguardo il modo con cui Amato considera alla stregua di batteri le vittime fatte a decine di milioni dalle politiche attuate ai fini del più Europa. Il che fa il paio con le considerazioni dell'Einaudi menzionato da Frank, di Padoa Schioppa riguardo al rimettere l'uomo a contatto con i rovesci della sorte, di Monti che si ingegna a produrre crisi quanto più gravi al fine di concretizzare i processi di cessione della sovranità da lui desiderati in base agli impulsi inviatigli dal suo Troikacomando a distanza, dei Prodi che auspicano le crisi quale opportunità di poter usare strumenti di politica economica altrimenti improponibili. Oltre a tutti gli altri maggiordomi dell'oligarchia, selezionati dalla più tenera età per la loro indole, tale da rendere il più produttivo possibile l'addestramento impartito loro alla pratica deliberata del credo sociopatico.
      Ecco, per me sono peggio di qualunque nazista o Pol Pot, Questi ultimi, almeno, con il rinchiudere le loro vittime nei lager e fare stragi di tale portata si assumevano la responsabilità delle loro azioni. Diversamente dagli ameni personaggi di cui sopra e dei sostenitori delle loro ideologie alla Celso, che per fare un numero di vittime ancora superiore o causare tragedie come l'aumento del 42,8% della mortalità infantile in Grecia (fonte Lancet), che i Mengele e gli Eichmann non arrivavano a immaginare, non hanno avuto bisogno neppure di campi di concentramento.
      Infatti nel passaggio dal nazismo storico al tecno-nazismo attuale è obsoleto teorizzare la purezza della razza, basta idolatrare la purezza dei mercati, antropomorfizzandoli per mezzo della religione costruita sulla loro azione, quale proiezione del delirio psicopatico ordoliberista (cit.)
      Certo, io sono isolato, molte volte di più di chi dichiara in questa sede di esserlo, dato che i miei followers non sono migliaia ma appena tre.
      Del resto accumularne non è mai stato il mio scopo.
      Tuttavia persone alla Celso non vorrei mai condividessero con me il benché minimo tratto di strada, che peraltro temo abbia una probabilità su mille miliardi di portarmi alla meta. Poiché di sicuro la loro ipocrisia mi riporterebbe istantaneamente nelle condizioni di partenza, quelle che mi hanno obbligato a percorrerla.

      Elimina
    8. Caro clack, hai già dato ampia prova della tua miopia politica, del tuo non saper cogliere il contesto. Questo spiega il fatto che tu abbia un millesimo dei miei follower. Se anche esistesse la verità, saperla non basterebbe, dirla non basterebbe. Ci vuole anche dell'altro. Io non voglio avercelo, e ce l'ho. Tu vuoi avercelo, e non ce l'hai. La Natura non è democratica.

      Elimina
    9. A giudicare dalle risposte che ricevo, quando un mio post è fatto passare, mi sorge il dubbio che lo abbia scritto in uno tra gli idiomi meno comprensibili della Mongolia interna.
      Dico che sono isolato e ho tre followers che non ho mai cercato, dato che accumularne non è mai stato il mio scopo e mi vedo squadernare col più grande buon gusto il motivo per cui non ne ho e poi sottolineare mai più a sproposito e vanagloriosamente il numero dei propri.
      In altra occasione denuncio che i politici di sinistra sono una manica di rinnegati e hanno sulla coscienza il peggiore tradimento nei confronti della loro base e mi vedo accusare di appartenere alla banda der Nutella (!).
      Rilevo una contraddizione palese, pur dichiarando il mio essere d'accordo con essa, e mi vedo dare del troll.
      E se non bastasse vedo che, a scopo di contrapposizione tanto per, si arriva di fatto a tollerare il tecno-nazismo attuale se si ritiene che ciò torni utile ai propri scopi.

      Però il miope sono io.

      Il motivo di tutto questo temo dipenda dall'aver scritto in luogo qui giudicato ininfluente (dar) che alla presentazione di un certo manifesto di solidarietà, la solidarietà non è stata menzionata manco di striscio.
      E certi peccati di lesa maestà si sa che non hanno prescrizione.

      Siccome più che miope so cecato, e consapevole che quando la critica ha certe origini è segno di aver orientato la bussola in modo corretto, se

      - invece di attribuirsi di continuo il merito di aver portato un certo dibattito all'ordine del giorno si iniziasse a riconoscere che sono proprio le condizioni palesatesi da vari anni anno a questa parte ad averlo imposto all'attenzione generale e più che altro lo si è cavalcato, sia pure con competenza;

      - non si cercasse a ogni costo una polarizzazione pretestuosa, che oltreché settaria, corporativista e indice di darwinismo sociale è fuori luogo e finalizzata a un'ulteriore ricerca di visibilità che però si proclama di non cercare;

      - si spiegasse come mai tutti quanti si considerano i padri del dibattito riguardo a euro e UE sono rimasti in silenzio assoluto prima che le conseguenze della moneta unica si manifestassero nella loro compiutezza e divenissero sostanzialmente irreversibili;

      - si chiarisse perché l'unico che ha parlato di certe cose prima che quelle conseguenze si verificassero viene continuamente preso di mira a scopo di delegittimazione;

      - si dicesse che la vera priorità non è l'uscita dall'euro, da tempo battaglia di retroguardia proprio per il destino cui sono legate storicamente le unioni monetarie, ma comprendere che il ceto che ha avuto tutti i vantaggi dall'euro non ha intenzione alcuna di rinunciare a essi e farà di tutto per trarne di ulteriori dall'uscita dalla moneta unica;

      - si spiegasse che le vere colpe non sono dell'euro, che è stato mero strumento per arrivare alle condizioni attuali, ma di chi ha deciso di utilizzarlo allo scopo volendo sfuggire alle proprie responsabilità;

      - invece di dire che quando la casa brucia non si chiede la carta d'identità al pompiere, ci si decidesse a spiegare che quando si appicca il fuoco non si può essere intenzionati a spegnere le fiamme, se non per una questione puramente strumentale;

      - dopo aver accusato chi ci ha portato nell'euro di averci gettato in piscina senza chiederci se sapessimo nuotare non si attaccasse chi vuole invece un pronunciamento popolare riguardo all'uscita dalla moneta unica, dimostrando così di volersi comportare nello stesso identico modo riguardo cui ci si è strappati i capelli fino al minuto prima;

      si avrebbe una credibilità personale, prima che politica, ben maggiore.

      Se aver messo in discussione il Verbo porta con sé determinate conseguenze, saranno la base della consapevolezza che la miopia pretesa da certuni è indice di buona fede e di lealtà. Nei confronti delle proprie idee e soprattutto di chi subisce in prima persona le conseguenze delle condizioni odierne.

      Elimina
    10. Sei un meraviglioso QED. Te lo ripeto: tu sei fatto apposta per CDC. Perché vieni qui, dove rischi la gogna per il reato di lesa maestà!? E grazie per aver messo finalmente in luce la natura ortottera della tua cecità politica. Ora ti capisco meglio. Vai pure a raccogliere le firme per il referendum, noi contiamo su di te!

      Elimina
    11. E tu continua pure a contraddirti in maniera tanto plateale.
      Per la cronaca non raccoglierò firme e a dirla tutta temo che il referendum sarà un'arma a doppio taglio.
      Ma siccome ho una mia coerenza, se sono d'accordo nei confronti della denuncia riguardo all'azione d'imperio consistita nell'averci fatto entrare nell'euro a ogni costo, essa stessa mi dà la capacità di arrivare a capire che se alla resa dei conti vogliamo comportarci nello stesso identico modo di chi accusiamo con tanta enfasi, ci mettiamo sul suo stesso piano.
      E io sul piano di certa gente non ci voglio stare.

      Altrimenti prima dobbiamo dire: "ops, mi sono sbagliato, ho accusato di una mala azione chi ci ha infilato in questo casino, ma ora credo che la cosa migliore sia comportarmi nel suo stesso modo".
      E finora una cosa simile, qui, non mi sembra di averla letta.

      Se per capire una cosa tanto semplice, ma si sa che non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire, occorre esporsi al consueto insulto di cui approfitti per l'ennesima volta al fine di sottrarti alla discussione, e se soprattutto di tutto il mio discorso hai deciso che ti conviene cogliere solo la questione referendum per poter darmi dell'ortottero, credo che mai come questa volta la realtà parli per sé stessa.
      E temo che nei tuoi confronti non sia particolarmente generosa.
      Ma certo non per colpa sua.

      Elimina
    12. @Celso
      Mettiamo le cose in fila, per chiarezza.
      La Cambogia l'hai tirata in ballo tu e il regime cui alludi è stato quello di Pol Pot, anche se non hai nominato il soggetto in questione.
      Capisco che tu possa essere stato disturbato dall'irruenza di Bazaar ("Oui! Je suis socialiste!"), ma tirare in ballo la Cambogia, a freddo, nella polemica con un marxista mi sembra in ogni caso scorretto e sproporzionato.
      Ho cominciato dunque ricordando che Pol Pot è stato per noi sempre un nome lontano (cosa è Ecuba per lui, o lui per Ecuba?), usato solo per violente e ingannevoli polemiche con "i comunisti", mentre Einaudi è sempre stato, e in qualche modo è ancora, una presenza molto ingombrante nella cultura italiana.
      Credo, ma questa è proprio un'idea personale, che la dirigenza politica del PCI avesse la "buona cultura italiana" del tempo: non capisse nulla di Keynes (che Einaudi detestava abbastanza cordialmente) e si trovasse quindi nel dilemma "se non Marx, allora Einaudi" (e Keynes non datur).
      Conosco il dibattito Croce - Einaudi, ma è anche vero che Croce era prima di tutto "il" filosofo dell'Estetica ed era soprannominato "il bonzo di Pescasseroli" già dalla generazione dei miei genitori, mentre Einaudi ("il diavolo zoppo") era quello da prendere sul serio che parlava di cose concrete.
      Sulle evoluzioni e articolazioni del pensiero di ascendenza liberale, sia in Italia che internazionalmente, lascio senz'altro il dibattito agli storici; limitandomi al PLI so che Villabruna, segretario dal '48 al '53, era su posizioni "di sinistra" - almeno rispetto alla DC - ma era comunque stato messo lì proprio da Einaudi e di economia non sapeva nulla (anche se poi fu fatto ministro del lavoro: promoveatur ut amoveatur). In seguito il PLI divenne il partito di Confindustria, specie PMI, finché servì.
      Per chiudere: senz'altro Bazaar è intervenuto a gamba tesa (esuberanza, l'ho conosciuto, ma il fatto resta) e senz'altro Keynes non era marxista e si riteneva un liberale. Casomai mi chiedo se i liberali riconoscessero Keynes come uno dei loro.

      Elimina
    13. Accantonando il folcloristico clack, che schiuma di livida impotenza, permettetemi di fare un brevissimo discorso sul metodo. Innanzitutto, io VOGLIO risse nel mio saloon, ma chi attacca briga con un fiorentino poi non piagnucoli. Poi, visto che ognuno ha i suoi scheletri nell'armadio, mi permetto di ricordare che in matematica infinito più infinito fa infinito, il che banalmente significa che finché non saremo in grado di riprodurre la vita umana (se non coi consueti e piacevoli metodi tradizionali) ognuna di esse avrà valore infinito e quindi, di converso, la conta dei reciproci morti sarà un esercizio infimo. Infine, mentre Keynes era ed è parimenti avversato da liberisti e "social-comunisti" (se volete preciso), il progetto eurista è stato contestato da pensatori liberal-liberisti come Klaus, mentre non mi risultano analoghe prese di posizione a sinistra. Prima di dire cazzate, tenete presente che se a sinistra ci fosse stato UNO, ED UNO SOLO, capo di Stato in grado di dire quello che Klaus ha detto 4 anni fa, e Napolitano 40 anni fa, il mio lavoro sarebbe stato molto più semplice. Pigé?

      Elimina
    14. Se non sbaglio a schiumare livore è chi non trova di meglio che lasciarsi andare all'insulto, come hai fatto anche questa volta, non avendo altri metodi per portare la ragione dalla tua parte.
      Eppure te l'ho già spiegato una volta, ormai dovresti aver imparato che l'insulto non squalifica chi lo riceve, ma chi lo pronuncia, oltretutto in maniera tanto gratuita.
      Ma tu proprio non riesci a trattenerti.
      Detto questo, come tutte le volte in cui non trovi di meglio, hai deciso di usare una scorciatoia argomentativa, peraltro risibile, con la questione degli infiniti.
      Ma realtà è diversa e dice che chi ha tot milioni di morti sulla coscienza della propria ideologia non è nelle condizioni di accusare per il numero di morti dell'ideologia altrui che, seppure, è molto minore.
      Chi lo facesse si comporterebbe come il famoso bue che dice cornuto all'asino.
      Se poi decidi per motivi tuoi di dargli ragione, padronissimo, vuol dire che per prima cosa avrai commesso un'azione ipocrita, e poi che anche tu sarai un bue che pretende di dare del cornuto a chi corna non ha.
      Il tutto naturalmente in funzione delle convenienze del momento e pazienza se ci si mettono sotto i piedi onestà, integrità e coerenza, tanto il fine giustifica i mezzi.

      Riguardo al discorso referendum, le cose sono due:
      Se accusi qualcuno, come hai fatto per anni, di averti buttato nella piscina senza avvertirti e sapere se sapessi nuotare, nel momento che decidi di fare lo stesso il minimo della correttezza ti dovrebbe indurre a ritirare l'accusa o quantomeno a spiegare i motivi che ti hanno portato a ciò.
      Altrimenti, se vuoi essere coerente, devi adottare un modo di fare diverso, che nella fattispecie significa condividere certe scelte e non arrogarti la facoltà di imporle dall'alto.
      Ma tu non vuoi fare né l'uno né l'altro. Pretendi di continuare ad accusare il tuo avversario ogniqualvolta ti conviene, però poi ti comporti peggio di lui, oltretutto pretendendo che non si faccia riferimento alla cosa, con la minaccia di dare la stura al tuo ampio repertorio di insulti.
      Dunque ci deve essere una terza spiegazione.
      Consiste nel fatto che tu non sopporti l'esistenza di qualcuno in grado di dare alla questione dell'uscita dall'euro una visibilità enormemente maggiore rispetto a quanto potresti mai riuscire a fare tu, al di là degli argomenti e dei metodi utilizzati al riguardo.
      Siccome questo, per usare le tue parole, ti fa schiumare livore, tenti in ogni modo di delegittimare quell'iniziativa, fingendo di non sapere che in questo modo non solo ti dai la zappa sui piedi, ma smascheri la tua figura, rendendo palese la tua ambiguità, proprio in base ai punti che ho elencato in precedenza, riguardo ai quali hai preferito sorvolare.

      Riguardo all'impotenza, infine, cosa credi di aver fatto, se non cavalcare una situazione che ha causato tante sofferenze a milioni di persone, sfruttandola per fini malcelati di visibilità personale, come dimostra la tua insofferenza per qualunque iniziativa non sia controllata da te.
      Così facendo, caro Alberto, dimostri di esserti messo allo stesso livello di una chiromante, che per il proprio tornaconto decide di far leva sulle sofferenze altrui tentando di ricavarne il più possibile, ingannando oltretutto la sua speranza di un futuro migliore..
      E come ogni buona chiromante sei talmente presuntuoso da credere che gli altri siano stupidi e non si accorgano del tuo gioco.
      Mi spiace, ma le cose stanno in maniera diversa.
      Ti vanti del numero dei tuoi followers ma non vedi che, a parte un piccolo numero di fedelissimi, la maggior parte di quelli che commentavano in passato non ci sono più?
      Malgrado tutto, allora, voglio darti un consiglio: cerca di essere meno ambiguo e se ci riesci prova a dimostrare una maggiore coerenza.
      Forse così riuscirai ad allontanare meno persone di quanto abbia fatto finora.

      Elimina
    15. Clack, ti sei mai chiesto perché tutti i tuoi commenti passano? Perché dicono tanto di te e poco di me. E a me tu interessi moltissimo. Peccato che tu non abbia il coraggio di firmarti...

      Elimina
  13. Of course, this only one among dozens of sloppy attempts to hinder democracy by misleading the Italian constituency with incorrect reports of what is going on in other countries. The “Repubblica” mantra is that we are like Argentina (which is supposed to be an insult, and is actually racism), and we should “do the reforms” like Spain (which is supposed to be an economic analysis, and actually is a lie). In order to support this view, our journals, and my colleagues, distort the past, because “He who controls the past controls the future. He who controls the present controls the past”, as we all read, perhaps without fully understanding what Orwell meant. Now it is impossible not to understand it. By misreporting historical evidence the elite and their slaves in the newspapers are suggesting us that it is pointless for us to manage our economy, our lives, because when we were able to do that everything went wrong. Therefore, we must surrender democracy to the USE.

    We must fight.

    We must fight against that for our children.



















    Lei comincia a farmi paura per la sua capacità di premonizione…


    E questa NON è una battuta...

    RispondiElimina
  14. “…noi abbiamo avuto la faustiana pretesa di riuscire a gestire una moneta senza metterla sotto l’ombrello di un potere caratterizzato da quei mezzi e da quei modi che sono propri dello stato e che avevano sempre fatto ritenere che fossero le ragioni della forza e poi della credibilità che ciascuna moneta ha…”;
    estratto dalla dichiarazione di Giuliano Amato (https://www.youtube.com/watch?v=uIEAflRcSvo) in merito all’euro, adesso! Come dire: bon, l’esperimento non ha dato alcun esito significativo tra quelli attesi, svuotiamo le piastre Petri, ripuliamo le pipette e le altre vetrerie, chiudiamo l’armadietto dei reagenti e buona serata. Domani proviamo qualcos’altro… (ahò, mica ci faremo le menate per aver sacrificato qualche milione di batteri...).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le parole di Amato sono l'epitome della leggerezza con cui certe elites hanno "giocato" con le nostre vite. Ce lo dicono così, tranquilli, professorali,
      quasi autocompiacenti, senza rendersi conto che le conseguenze del loro "progettino" sono milioni di vite economicamente distrutte, moltissime anche fisicamente. Quando li sento, questi farabutti, il mio Mr.Hyde scalpita e la mia mano istintivamente cerca qualcosa sul mio fianco destro...

      Elimina
    2. Per il centenario della Grande Guerra non è male: stessa stupidità, autocompiacimento e noncuranza di molti dei generali che prendevano decisioni in quel periodo, senza nemmeno conoscere le mappe dettagliatamente: cambiano soltanto i ruoli e le uniformi, ma evidentemente le rispettive funzioni nel consorzio umano sono intercambiabili nel tempo. Eppure tutto ciò non scalfisce la mia profonda convinzione che compito etico dei più forti sia prendersi cura dei più deboli (sennò che cazzo nascono forti a fare...?), il che è sufficiente per mostrare quanto si sia pervertito il mondo.

      Elimina
  15. Sono un fiero seguace ma articoli tecnici così lunghi in inglese non sono ben traducibili con qualsiasi traslator.Eppure sono appassionato di serie TV americane che guardo quasi esclusivamente così.Ma sono,da sempre,ostile alla lingua anglosassone.
    Non chiedo traduzione,in fondo capisco ugualmente la sostanza (di questi temi ne ha parlato più volte).Pensavo ai 130.000 ciechi (quelli con l'€uro purtroppo).
    Non posso linkare a Luigi questo articolo interessante.

    RispondiElimina
  16. Lei non è da solo.

    E' isolato.

    D'altronde, non potendola mandare al confino (metodo italiano) e non potendola rinchiudere in un lager (metodo teutonico), l'unica cosa che può fare un Regime Autoritatorio è quella di isolarla.
    Chiunque pensi che l'Italia del 2015 sia una democrazia rappresentativa è seriamente disturbato oppure fa parte del Regime.

    Chinacat

    http://books.google.it/books/about/La_fabbrica_del_consenso.html?id=z4AKAQAAIAAJ&redir_esc=y

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdonami, anche qui suggerisco sfumature. Da un lato non vedo esempi storici di democrazia "ideale" comunque definita, dall'altro pur se isolato... li sto accerchiando! Non so da quanto sei qui, ma tre anni fa era impensabile che in Italia si parlasse di questi temi. Ora è importante cominciare a far passare il messaggio che chi fa terrorismo mediatico si espone al rischio di fact checking. Non è molto, ma è qualcosa.

      Elimina
    2. Bagnai-sensei, io sono qui dall'inizio. E per come la vedo io, il lavoro che Lei ha svolto in questi anni è qualcosa di assolutamente unico. Nessuno potrà mai ringraziarla abbastanza.
      Sono anche perfettamente d'accordo sul fatto che fino a tre anni fa era impensabile che si parlasse di questi temi e la mia speranza è che per quanto il Regime possa isolarla e ignorarla, Lei continui nella sua opera.

      Ma, giusto per fare un esempio, dove Lei vede "terrorismo mediatico", io vedo un perfetto utilizzo del controllo dei media da parte di un Regime. Il vero "terrorista", paradossalmente, è Lei :)
      Fare fact checking in un sistema democratico (per quanto imperfetto possa essere) costringe tutti gli eventuali interlocutori a prenderne atto.
      Farlo in un Regime equivale ad essere dei "terroristi" (nel Ventennio li chiamavano "disfattisti") oppure, nel migliore dei casi, ad essere additato come un mitomane isolato.

      Mi creda, il mio non è pessimismo, è che tutta questa "roba" io l'ho già vista. Dopo aver letto che un quotidiano tedesco riuscì a scrivere che Hitler era alto e biondo, la mia capacità di stupirmi di fronte all'exploit di un Biasco è zero.

      We shall overcome anyway.

      Chinacat

      Elimina
    3. Ri-perdonami: non incartiamoci sulle definizioni. Per me chi porta razionalità e dati un un dibattito non è un terrorista. Che il "sistema" (se esiste) possa vedere un'opera di divulgazione come elemento di disturbo è un fatto. Del resto, ricorderai che la Bibbia non doveva essere tradotta. Biasco non è un problema, assolutamente, come non è un problema che Il Mulino abbia deciso di perdere credibilità pubblicando roba simile. Direi anzi che è un'opportunità, perché consente ai nostri avversari dialettici di dare un segnale di superficialità, e permette a noi di dare un segnale di fermezza con poca spesa. Qui i disfattisti, quelli che non credono nell'Italia e negli italiani, sono loro. Punto. E sono anche collaborazionisti. Occorre altro?

      Elimina
    4. "nonviolent"... L'ha scritto tutt'attaccato!
      :-)
      Finalmente.... :-)
      (Le ci voleva un'altra lingua per "cedere"!)
      Capitino non sarà nato nel triangolo di coordinate in un precedente post fornite... Ma a suo tempo ha detto no alla tessera der partito fascista, e ha perso il posto alla normale.
      Lei sta probabilmente rinunciando per sempre a diventar barone..(non perdonano!)
      "nonviolent" tutt'attaccato ci voleva!

      Elimina
    5. Longagnani, non so cosa tu volessi dire, ma nel caso io abbia intuito, sappi che Biasco conta poco (detto con affetto), e tu anche meno, quindi attaccati qui e tira molto forte!

      Io diventerò un barone, perché baroni si nasce. Lo diventerò sulla punta della mia baionetta e delle mie pubblicazioni, con una commissione interamente bocconiana (certo non composta da quaquaraquà "de sinistra"). E poi saranno cazzi, perché io non sono buono: sono solo smemorato, ma certe cose non si dimenticano. Non mi riferisco alla tua amabile correzione da analfabeta, ovviamente: non tutti possono essere europei (anche quello, o lo si nasce o non c'è medicina, come per...).

      Elimina
    6. Prof. Bagnai...
      Ok, posto che sono un analfabeta (e già lo sapevo!) e lei è nato barone (merito della genetica e non della volontà? Non penso. Penso che ci abbia messo del suo, che sia insomma suo personale merito), vorrei pervicacemente insistere...

      *** modalità SACCENTE ON ***

      ... sul fatto che lei si ostina a scrivere in italiano "non violenza" staccato. Certo non è un errore, ma dal mio insignificante piccolo punto di vista, mi piacerebbe vederla prima o poi scrivere convintamente "nonviolenza" tutt'attaccato. Infatti una persona che come lei apprezza la nonviolenza tanto da mettere a rischio la propria carriera per amore della Verità (lo ha scritto lei più di una volta che non sarebbe mai diventato ordinario per questa sua opera di divulgazione, e sono convinto che il pericolo lo corra, ma le auguro di superarlo brillantemente!), una persona che redarguisce i piazzaloretisti nostrani con fermezza e senza ambiguità, una persona che ci mette in guardia dalle conseguenze del mentire in politica quali che ne siano le "alte" o basse motivazioni (si vedano gli apprezzabilissimi post su Grillo e l'euro), mi piacerebbe ("chiedere è lecito, rispondere è cortesia") scrivesse "nonviolenza" tutt'attaccato, rendendo così indirettamente omaggio a chi per primo ha scritto in italiano tutt'attaccato la parola "nonviolenza", e cioè Aldo Capitini (scusi il refuso del post precedente), Capitini che s'è fatto licenziare dalla Normale di Pisa per non aver accettato di iscriversi al partito fascista... (e lei penso avrebbe fatto lo stesso, non mi sembra proprio uno che piega la testa!). Scrivere nonviolenza tutt'attaccato, come argomentava Capitini, non è la stessa cosa che scrivere "non violenza". Rimando a questo link , dove il giornalista Peppe Sini (uno di quei rari giornalisti che scrivono la verità, pagandone le conseguenze ovviamente) argomenta meglio di me perché scrivere "nonviolenza" invece di "non violenza". Anche perché nel suo blog ho imparato più che altrove che "Nomina sunt consequentia rerum". E oltre alle sublimi lezioni di economia ho apprezzato le lezioni di italiano, di etica, e pure quelle di musica (pur non avendo gli strumenti per capire del tutto).

      *** modalità SACCENTE OFF ***

      Cordiali saluti da un analfabeta che sa di esserlo (non lo devo sapere abbastanza se ancora un po' me la prendo quando me lo dicono, ma ci lavorerò, glielo assicuro!).

      Elimina
    7. Scusa, avevo capito che non eri d'accordo sull'inglese. Sull'italiano devo essere d'accordo con te.

      Elimina
  17. A proposito dello "... statement that in 1977 unemployment in Italy was as high as today", volevo segnalare che anche il TG3 delle 14:20 di oggi, 7/1/2015, ha fatto lo stesso errore de "Il Corriere della Sera": la conduttrice Bianca Berlinguer ha letto la notizia che la disoccupazione in Italia non era così alta dal 1977.

    RispondiElimina
  18. Anche il TG1 delle 20 ha ripetuto lo stesso mantra: peggiore disoccupazione dal 1977.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa Stefania, ma se l'informazione che hai riportato corrisponde nel dettaglio a quella dei tg, essa è corretta sia nella sostanza che nella sintassi.

      Non è pedanteria, anche se può sembrarlo, né difesa d'ufficio di certi "professionisti della libertà" (tra i quali la Zarina di raitre è massimo esponente): il fatto è che qui si dibatte da molto sul punto*, e si è arrivati alla conclusione largamente condivisa, grazie al lavoro di Marcello Foa su tutti, che il nocciolo della questione risiede nel frame costruito e indotto con sapienza e costanza dai media mainstream (un progetto di lungo periodo, interessato quando consapevole, conformista quando inconsapevole). Il frame di riferimento è il quadro concettuale, valoriale e cognitivo del lettore/ascoltatore medio nel quale il flusso informativo che ci avvolge ogni giorno va a depositarsi per richiamarlo. Quando si parla di castacriccacorruzionestatoladrodebitopubblicolirettainflazionepiùeuropa si intende proprio questo. Ovviamente non è l'unico: quello più antico della "chiamata alle armi" contro il "nemico esterno" in difesa "dei nostri valori" sta di nuovo vibrando h24 sui nostri schermi. Una inquietante congiuntura con il frame precedente.

      Così come una informazione formalmente corretta, quale è una disoccupazione ai massimi dal 1977, si adatta al pregiudizio di chi la riceve (venendo in tal modo deformata nonché privata della sua eccezionalità), noi che il frame di riferimento lo abbiamo rigettato possiamo finire per eccesso a cacciare le streghe, quando il vero obiettivo dovrebbe esserne la rottura definitiva, colpendo chirurgicamente laddove la solita manina prescriva una dose di richiamo (come nel caso del titolo del Corriere).

      La buona notizia è che il frame di riferimento sta ormai diventando insostenibile, perché sempre meno italiani possono ancora permettersi di essere conformi alla "pubblica opinione" (quella che il mainstream pretende di rappresentare, ormai una mera speculazione di se stesso) senza pagarne il prezzo richiesto.

      * Un mio piccolo contributo sul tema, privo tuttavia dei necessari approfondimenti pubblicati in seguito dal prof.

      Elimina
  19. Io non mi meraviglio più di nulla, ogni dato viene taroccato dai media, non credo che in Italia esista una altra piattaforma mediatica realmente oggettiva e scentifica, oltre questo blog di Bagnai, sulle questioni dalla spesa pubblica sociale, alla spesa pensionistica, sui dati dell' occupazione (tasso di disocc. tasso di occup. forza lavoro, etc.), ai dati di bilancio, che vengono diffusi in base alle convenienze del momento o peggio, ignorandoli platealmente per reale non conoscenza. Questi dati, poi, i nostri, quelli italiani e quelli di altri paesi, in particolare di quelli sottoposti alle cure della Troika, vengono dffusi per confronto, con il preciso scopo di appoggiare le cure che dovremo sciropparci qui in Italia e di difendere la funzione e la logica della moneta unica, sia come vincolo esterno e sia come difesa da attacchi che ci sarebbero senza la protezione dell' ombrello della BCE (La Merkel che ci metterebbe la testa nel cesso, frase emblematica di quell' autentico ignorantissimo ma ascoltatissimo pseudo-super-saggio di Scalfari, credo sia assolutamente indicativa del degrado in cui è caduto tutto l' universo mediatico italiano); si trascurano o si celano, ovviamente le questioni che riguardano le reali cause del sempre più rapido degrado dell' economia reale del nostro e degli altri paesi e del fatto ad esempio che noi si continui a finanziare, nonostante non ce lo possiamo più permettere, i fondi del bilancio UE e del fondo salvastati(meglio salvabanche), di cui si approvvigionano quei paesi e di cui gode in maniera sfacciata la Germania ma non solo, come abbiamo visto anche in uno degli ultimi articoli di Bagnai.
    Oggi, per chiudere, passavo in San Lorenzo in Lucina e vedevo due negozi storici uno chiuso e un altro che stava svuotando per chiusura definitiva, ma tutto il centro storico di Roma, sta visibilmente perdendo attività e ci sono ampi spazi sfitti come in prossimità di L.Go Chigi; chissà se arrivando a Palazzo Chigi, Renzi abbia occhi per vedere.

    RispondiElimina
  20. Anche LA7 in serata: stesso dato sia sul 77 che sulla diminuzione percentuale dei disoccupati in Spagna.
    (lorluc)

    RispondiElimina
  21. A proposito di media che ci raccontano che gli Usa vanno bene.

    "Centro commerciale addio, negli Usa crolla il mito dei templi dello shopping"

    http://www.repubblica.it/esteri/2015/01/08/news/centro_commerciale_addio_negli_usa_crolla_il_mito_dei_templi_dello_shopping-104503519/?ref=HREC1-6

    Il giornalista, anche qui, parla di DECADE anziché di decennio.

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.