MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

venerdì 26 dicembre 2014

Trauermusik (a Luciano)








...heute wirst du mit mir im Paradies sein.

(...e pensa che quello non era lì per caso: era stato un ladrone, come Monti, tanto per restare in argomento...)

11 commenti:

  1. Condoglianze Luciano.





    Acc, glielo avevo anche chiesto il regalo musicale ma vai a pensare all'occasione

    :-(((

    RispondiElimina
  2. Ho passato la notte ascoltando il Regalo di Nat. Musica meravigliosa. Ho bevuto un bicchiere, ho chiuso gli occhi e mi son lasciato andare. La prossima notte mi ascolterò queste altre sicuramente bellissime sonate.
    Un regalo in mezzo a simil sventure ci voleva....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti ho mentito. Ho bevuto più di un bicchiere. Ma la musica era fantastica. Ho visto... chi lo sa, non saprei dirlo.
      Comunque vi ringrazio per la Vostra grande umanità.
      Già, l'umanità.....

      Elimina
  3. Caro Luciano,
    in queste circostanze si è da soli, ma sapere che alcuni pensano a noi può aiutare.
    I buoni pensieri espressi per te qui sono anche la risposta al dono di fiducia che tu hai fatto a chi legge, comunicando.

    RispondiElimina
  4. Caro Luciano,
    ti sono vicino con tutto me stesso; hai detto che tuo padre era un uomo buono e tu stesso sei la sua eredità.
    Lascia che dedichi anch' io a voi due questo struggente omaggio che parla di addio, ma anche di arrivederci. "JUST A SONG BEFORE I GO" (CS&N)

    RispondiElimina
  5. Luciano, per te
    "Hor ch'è tempo di dormire"

    (Alessandra da Firenze. Una carezza.)

    RispondiElimina
  6. Dedicato al papà di Luciano. Avrei voluto commentare prima, ma sono rimasto per lungo tempo senza parole.

    RispondiElimina
  7. NULLA È IN REGALO

    Nulla è in regalo, tutto è in prestito.
    Sono indebitata fino al collo.
    Sarò costretta a pagare per me
    con me stessa,
    a rendere la vita in cambio della vita.

    È così che è stabilito,
    Il cuore va reso
    e il fegato va reso
    e ogni singolo dito.

    È troppo tardi per impugnare il contratto.
    Quanto devo
    mi sarà tolto con la pelle.

    Me ne vado per il mondo
    tra una folla di altri debitori.
    Su alcuni grava l'obbligo
    di pagare le ali.
    Altri dovranno, per amore o per forza,
    rendere conto delle foglie.

    Nella colonna Dare
    ogni tessuto che è in noi.
    Non un ciglio, non un peduncolo
    da conservare per sempre.

    L'inventario è preciso,
    e a quanto pare
    ci toccherà restare con niente.

    Non riesco a ricordare
    dove, quando e perché
    ho permesso che aprissero
    questo conto a mio nome.

    La protesta contro di esso
    la chiamiamo anima.
    E questa è l'unica voce
    che manca nell'inventario.

    W. Szymborska

    RispondiElimina
  8. Luciano,

    volevo dirti che è vero come suole ripetere il prof. Bagnai che moriremo tutti: ma è vero anche che non moriremo del tutto.
    Non omnis moriar.

    Martinet

    RispondiElimina
  9. On ne peut pas transporter partout avec soi le cadavre de son père. ... Mais nos pieds ne se détachent qu'en vain du sol qui contient les morts.
    Guillaume Apollinaire

    Non si può portare ovunque con sé il cadavere del proprio padre, lo si abbandona in compagnia d'altri morti. ... Ma dal suolo che racchiude i morti i nostri piedi non si staccano che invano.

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.