MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

martedì 30 settembre 2014

Come muore un amore...

(ricevo da fonte assolutamente anonima - tanto lo stile è inconfondibile...)




Ho smesso di seguirti su Twitter.

Mi hai privato della possibile di guardare Valentina Nappi con serenità.

Perché lo hai fatto?

Ah, Valentina, come farò senza di te ...












(non ti sono vicino nel tuo dolore...)

100 commenti:

  1. Risposte
    1. Matrimonio in crisi, che tte devo di'... Comunque secondo l'ANVUR (xvideos) è la seconda pornostar italiana, cioè sta al porno come Tabby all'economia. E io non la conoscevo. Non sono specialista del suo settore di analisi.

      Elimina
    2. Secondo l'OECD(freeones) è la prima in Italia e 76esima al mondo.

      Sic transit gloria mundi.

      Elimina
  2. Mea culpa: ho segnalato io ad Alberto l'articolo "Contro le sovranità (e le culture) nazionali" della filosofa/pornostar Valentina. Però, si consoli il dolente: di Valentina c'è uno sterminato archivio della nostalgia.

    RispondiElimina
  3. Arbè, analisi? È mezz' ora che me sto a piegà.

    RispondiElimina
  4. SALGO SUL GOLGOTA PER LA LAPIDAZIONE

    Ma perché TRECCANI e non TRECCAGNE ?

    E' robbba vecchia, narrazioni e suggestioni dissociate dalla Cultura della Memoria.

    RispondiElimina
  5. Di Valentina Nappi mi piace solo come scopa per il resto fa parte della solita spazzatura culturale che mira alla distruzione degli stati nazionali a favore delle pseudo dittature internazionali governati dai finanzieri, dittatura che per aver successo deve spezzare i legami comunitari, culturali, nazionali anche affettivi degli individui rendendoli soli e quindi facilmente manipolabili.Tranquilla Valentina per questo ci hanno pensato gli euristi o gli euro dittatori. Mi domando se la ragazza è pagata per dire scempiaggini o è un suo pensiero. il rapporto tra uomo e donna , secondo la Nappi, è basato solo sul sesso, d'altro canto da una pornostar che cosa mi potevo aspettare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Mi domando se la ragazza è pagata per dire scempiaggini o è un suo pensiero. il rapporto tra uomo e Donna"

      Chiaramente il primo, secondo mè.

      Non credo che una pornodiva abbia una retorica del genere.
      Qui c'è dietro un mandante, è leggendo l'ultimo pezzetto mi sembra chiaro da quale ambiente venga.

      E' poi a una pornodiva di economia, politica, euro che cazzo gliene fraga.
      Vabbè che in italia non si sà mai.

      http://it.wikipedia.org/wiki/Ilona_Staller#Curiosit.C3.A0

      Elimina
    2. Ci sarebbe da fare un lungo discorso, filosofico sul serio, sull'analogia tra la visione del mondo professionale di Valentina, e la visione del mondo professionale degli economisti superliberisti, supercapitalisti, etc.; con tutto un apparato di note sulla deriva da "l'arte per l'arte" a "il sesso per il sesso", da "la critica del giudizio" di Kant a "Contro le sovranità..." di Valentina Nappi, e infiniti rimandi a Nietzsche, a Weber (da "la gabbia d'acciaio" a "la gabbia sadomaso"), a Augusto del Noce (il suicidio della rivoluzione, con il PCI che si trasforma in partito radicale di massa), e almeno un capitolo sull'egualitarismo democratico che si rovescia in universale mercificazione dell'esistente (pure dell'inesistente).
      Però, scusate ma ciò da fa', nun ce beccherei 'na lira, e quindi sorry ma declino.
      Ciao Valentina! In alto i cuori o quel che preferisci tu!

      Elimina
  6. Dalla vagina all'inno per gli stati uniti d'europa...altro che Repubblica, nel maggico mondo di Valentina gira la robba migliore

    RispondiElimina
  7. "La diffusione in tutto il mondo di una cultura della separazione netta, assoluta, fra sesso e riproduzione sarà riconosciuta come una questione sempre più urgente, e sempre più sovranazionale."

    Vibratori di tutto il mondo, unitevi!

    Bagnai-sensei, mi scusi ma:

    "cioè sta al porno come Tabby all'economia"

    nel senso che entrambi si prostituiscono? :))))

    Chinacat

    RispondiElimina
  8. Prof,
    probabilmente sono paranoico ma guardi un po' quà:
    http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/CRONACA/taser_pistola_elettrica_polizia_commissione/notizie/930292.shtml

    Non è che annusando l'aria che tira i nostri governanti si stanno preparando a sedare eventuali euro-proteste ?

    RispondiElimina
  9. Per quanto si sbatta, non sarà mai Selen...

    (Moana lasciamola al suo tranquillo riposo, grazie.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in parte con te.
      Essendo un consumatore OCCASIONALE, ripeto occasionale, trovo la Nappi volgarotta e senza stile ( ci vuole stile anche a scxxxre ), al contrario di come percepivo ( o volevo percepire, chissà) Selen ma soprattutto Moana con quella sua apparente naturalezza nel fare con grazia quello che faceva.

      Su quanto scritto dalla sedicente pornodiva non ho una precisa opinione.
      D'altronde la signorina non potrebbe non essere cosmopolita vista la sua profesione.

      Elimina
  10. In tempi di frodi, almeno sono puttanate D.O.C.G.

    RispondiElimina
  11. Scrisse Thoreau: “Al giorno d’oggi vi sono professori di filosofia, ma non filosofi”. Un altro diceva che a furia di allargar la mente, prima o poi cade il cervello in terra... oppure, finalmente il vento può spirare libero tra le pareti sempiternamente nude d'una polita e intonsa scatola cranica, che mostra d’essere la cosa più preziosa della testa. Se Marco Aurelio diceva che “Il cosmo è mutamento, la vita è opinione”, di ciò qualcuno ha fatto la bandiera propria. Peccato che lo sciocco e ingenuo imperatore premettesse come le cose non possano toccare l’anima, mentre lo possano invece proprio le opinioni, allorché facciano breccia nell’interno molle e friabile. Del resto, già il Vishnu Purana aveva predetto il radicale capovolgimento d’ogni possibile forma di buonsenso; e qui, la consumata e inane accusa d’esser moralisti, sembra il caso di dire, non c’entra proprio un cazzo! (trovandomi perciò legato da coatta scelta, continuerei a prendere in cauta considerazione Heidegger, e abbonderei la dose coll’affiancargli Junger, alla monotona e falsamente emancipata faccia di qualsivoglia opinionista da guard rail…).
    “E così son solite agitarsi le meretrici per propria utilità…” – Lucrezio, De Rerum Natura.

    RispondiElimina
  12. Francamente l'articolo è di una forzatura disarmante.
    Trovare il nesso logico tra il sesso e la sovranità.... mah.... l'unico nesso che mi viene in mente è pare che la prostituzione (anche donne sposate) sia in aumento per colpa della crisi. Attualmente stiamo andando verso un eccesso di offerta.

    È facile che questo articolo non lo ha scritto lei, ma glielo abbiano preconfezionato.
    Lei ci ha messo solo la vagi.... ehm.... la faccia.

    RispondiElimina
  13. "Piccole donne,grandi labbra"(quattro nel caso specifico!).
    Scusi prof,io sono per un dialogo proficuo e responsabile con l'opposizione.Si potrebbe(butto lì un'idea)invitare la signorina Nappi al compleanno del blog al fine di " allargare","ampliare" il dibattito....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. «grandi labbra"(quattro nel caso specifico!).»
      Boh, a me risultavano 6, 2+4, ho sbagliato qualcosa?

      Elimina
    2. Mi sa che vivi vicino a una centrale nucleare...

      Elimina
    3. Ma dai...
      due in faccia e quattro più nascoste, piccole e grandi.
      Io le ho viste così, almeno mi pareva...
      Comunque vivo vicino ad una centrale Enel, carbone e metano...

      Elimina
    4. Perdonami, le grandi labbra di Valentina, come il nostro comitato per le pari opportunità potrà confermarti laddove lo ritenga, sono quattro: due in faccia, e due in quella zona misteriosa del corpo femminile nota come vulva. Diventano sei se conti fra le grandi labbra anche quelle piccole, o se abiti accanto a una centrale nucleare.

      Un'altra possibilità è che simmetricamente al piccolo grande amore esistano le grandi piccole labbra, però allo stato attuale delle mie conoscenze questa possibilità mi sembra da escludere.

      Ah, poi ovviamente 2+2=5. Se non lo sappiamo noi!

      Elimina
    5. Sono un membro(e daje con sti doppi sensi)del comitato per le pari opportunità:confermo,il prof c'ha ragggione,son quattro e a noi piacciono così.
      Ma veniamo a un'altra questione dirimente.Da qualche tempo a questa parte tira aria mefitica di fronda.Me spiego mejo:qui c'è spazio solo per i goofyga,anti-pude e pro-pube,che amano il corpo del prof,non la sua mente.Si prega i goofy matusa,anti-pude e anti-pube di astenersi dal blog.Voi amate la mente e non il corpo del prof....
      Indegni,nun ce provate nemmeno...

      Elimina
    6. No, no, no, già son confuso coi conteggi, ma del prof. mi interessa la mente, sicuro, della Valentina le labbra, tutte...comunque torno a contare meglio, spero che non siano veramente 5
      Ciao.
      (e antipube mai....)

      Elimina
    7. Quattro le hanno le italiane che sono di una razza inferiore come tutti noi; ho sentito dire che le tedesche siccome sono razza più evoluta ne hanno sei.

      Elimina
  14. A parte l'assunto di fondo, quanto ci ha messo, quella lì, per "venire" al sodo con maggiore o minore "soddisfazione" del lettore?

    E, cacchio, per le lettrici? Non importa, intanto non è il mio tipo.

    In sintesi: ma come scrive male.
    Dico sul serio e limitatamente al mio punto di vista, perché per il voyeurisme sulla scrittura so dove andare a "pescare".

    P.S. Per i diversamente leggenti: le parole virgolettate "alludono" e anche non, come, appunto, le allusioni :-)

    RispondiElimina
  15. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  16. Si vabbé, ma al confronto er dibbbattito di "Essere donna oggi…" era na' cosa da Liala.

    xvideos, l'ANVUR de' le pippe! DAR!!!

    Ao' er terzo raicche c'aveva la Hitlerjugend, i piddini cianno la fighenjugend, alias le troientruppen

    http://youtu.be/KhFnPfSgflE

    (prego apprezzare la purezza dell'idioma ambrosiano-teutonico)



    RispondiElimina
    Risposte
    1. XVIDEOS l'ANVUR delle pippe è da Oscar! Le differenze sono più apparenti che reali: l'ANVUR si occupa di seghe mentali, nelle quali ha portato l'eccellenza italiana ai livelli che i piddini di ROARS decantano!

      Elimina
  17. Da alcune interviste (...ben microfonate) risulta evidente di come si sia lasciata compenetrare dal contatto con la "durezza del vivere".

    RispondiElimina
  18. Non mi sono mai sentito tanto orgoglioso di essere maschilista.
    L'articolo (articolo? ) d'altra parte è un'interessante campionario di strumenti retorici piuttosto malamente assemblati, quasi un esperimento in vitro. Che tristezza, che donna squallida. Aridatece Moana.

    RispondiElimina
  19. In effetti sembra la tecnica che usano qui in BBC. Se un movimento vuole essere indipendestista prendono un coglione che si crede un loro leader gli fanno un'intervista al tg cosi' la popolazione capisce di cosa stiamo parlando...

    RispondiElimina
  20. Le truppe antipud€ hanno accusato il colpo:l'arma utlizzata dal nemico è delle più potenti e micidiali, e il morale degli uomini e a terra. Ma ci rivolgeremo ad un tribunale internazionale, a parere degli esperti, la tecnica d'attacco utilizzata rientra nella categoria delle armi non convenzionali. Ci vediamo in tribunale, cara Valentina.

    RispondiElimina
  21. Non so perché ma ho la sensazione che la signora Nappi (+1 per lei se fosse parente del mitico Nippo Nappi...) sia una di quelle che auspicano un ritorno alla durezza del vivere...

    RispondiElimina
  22. Ma voi non capite il dramma di quest'uomo!

    Immaginatelo nel mentre si gusta una delle oltre 60 interpretazioni artistiche di Velentina Nappi. Immaginate ancora che durante una scena particolarmente intensa gli torni in mente, in particolare, un passaggio del famigerato articolo (penultimo paragrafo):

    «Le istanze di recupero delle sovranità nazionali sono in palese contraddizione logica ed empirica con le necessità politiche implicate dai problemi più urgenti del mondo contemporaneo, i quali richiedono sempre più una pianificazione a livello globale e sempre maggiori cessioni di sovranità nazionale/locale (sovranità che in molti casi può essere legata a interessi particolari che, se perseguiti in maniera miope, possono essere in contraddizione con l’interesse globale): si pensi, ad esempio, al problema del surriscaldamento globale…»

    Si sa, la mente compie continuamente associazioni, in modo incontrollato e quindi quella del poveretto potrebbe immediatamente associare, anzi quasi sicuramente lo farà, le parole della bella Valentina al faccione di Verhofstadt che, paro paro, batte sullo stesso chiodo (se non vi si posiziona automaticamente, andate a 30:14 - er Cavajere Nero giustamente, e sottolineo giustamente, gli ride in faccia e lo manda a fare in culo).

    Voi capite che il pensiero di Guy Verhofstadt non può che deturpare il godimento della prestazione artistica della piacente filosofa analitica del salernitano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti il gemello brutto di Austin Powers più che compensa l'effetto della piacente ventenne. Meglio così: fatti (di crack), non pugnette...

      Elimina
  23. Io non schiferei troppo il concetto (se fosse stato concepito da lei).
    Il pensiero ha un senso e lei non ne ha neppure usato uno doppio (ho letto velocemente).
    In effetti sembrerebbe sensato, ma come al solito ci si dimentica di una semplicissima cosa; l'identità.
    Tutte queste visioni unitarie della natura umana sono destinate, prima o poi, a infrangersi contro l'insuperabile scoglio dell'identità particolare.
    Io capisco quei figli di terza generazione di immigrati che tornano in quell'area geografica che va dal Marocco all'Iran per combattere guerre di cui non sanno quasi nulla. Hanno provato sulla loro pelle cosa voglia dire non essere ne carne ne pesce, non sono uomini moderni occidentali, non sono arabi, non possono nemmeno rifarsi al medioevo, non riescono a immaginare il nostro dio e non conoscono neppure il loro. Così come Roma non è stata fatta in un giorno, la coscienza non si impara a scuola o all'oratorio, né in fabbrica, né al bar e neppure in casa propria. Molto poco ci lega a loro e viceversa. Forse verranno spazzati dalla storia, chi lo sa, ma intanto il valore della loro vita, ai loro occhi, non ha peso né consistenza e tutti gli sforzi fatti per integrarli nella nostra democrazia non han dato i frutti sperati, e neppure quelli che sono rimasti non sono diventati uomini occidentali moderni, perché?

    Il linguaggio non è un'optional (optional è maschile o femm?), probabile che la coscienza venga da lì.
    Se così fosse, hai voglia a lanciare appelli sul riscaldamento globale e demografia.

    p.s. Io ho un immaginario un po' vintage, sta Nappi non la conosco, ma posso sempre recuperare :-).

    RispondiElimina
  24. Meretrice … Heidegger ... studenti tedeschi invitandoli a non seguire i ‘teoremi’ (la logica meccanica di una visione razionalista del mondo) bensì il Führer … recupero delle sovranità nazionali ... rivendicazioni ... sono incompatibili con qualsiasi nazionalismo o localismo … rifiuto della ... realtà dei fatti ... illusioni … recupero delle sovranità nazionali ... contraddizione ... con ... problemi più urgenti del mondo contemporaneo, i quali richiedono ... pianificazione ... globale ... cessioni di sovranità nazionale/locale ... miope ... contraddizione con l’interesse globale … surriscaldamento globale ... crescita della popolazione mondiale … politica globale avrà ... un carattere sempre più scientifico-tecnico.

    Ricapitolando: se sei per il recupero della sovranità nazionale, sei una meretrice nazista illusa che tromba poiché favorevole alla sovrappopolazione mondiale e insensibile al surriscaldamento globale, incapace di risolvere il conflitto di classe poiché miope, incapace a pianificare e ignorante delle più elementari conoscenze scientifico-tecniche.

    Mentre leggevo, avevo in mente questo, questo e questo.

    RispondiElimina
  25. Nel meretricio Valentina de noantri ha dimenticato la categoria che più d'ogni altra lo esalta : i giornalisti.
    Quanto al resto,oh Vale...mejo scopa' che metterse a scrive'....!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con tutto il rispetto, invecchiando comincio a godere molto nello scrivere. Quant'era bella giovinezza!

      Elimina
  26. Dal momento che c'è l'Esa2010 a regime e chiaro che chiunque si senta "in diritto" di dire la qualunque.

    RispondiElimina
  27. Il campo semantico rende evidente il sottotesto ideologico "la vera felicità non può basarsi che sulla realtà dei fatti e sulle ASPETTATIVE RAZIONALI".
    E ora digiterò Milton Friedman nella casella ricerca di youporn...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Facendolo su xvideos ho trovato "The Milton twins", due gemelline di costumi senz'altro liberi, e forse, chissà, anche liberisti. Homo sum, nihil umanum mihi alienum puto, ma anche ars longa, vita brevis.

      Elimina
    2. E quando il prof dimentica l'h sai che stava scrivendo co na mano sola... ma era per curare l'epicondilite! :D
      Scherzi a parte, consiglio di leggere anche l'articolo precedente della dotta Nappi. Ribalta completamente la reductio ad mentulam di Brancaccio (che caduta di stile scendere a questo livello, per una pornostar...). Sostiene che nazzzzzionalista non è il Cazzo (grafia orig.) ma la vulva. Mentre attendiamo che i due intellettuali giungano a una sintesi (te piacerEEEeeebbe Branca'!), possiamo solo dire che dal nazzzzzzionalismo si salvano soltanto coglioni e buchi di culo. Dite, fin qua c'eravamo arrivati? Già...

      Elimina
    3. Be', in effetti homo darebbe humanum... Come dice Elio "vi saluto con l'altra mano"...

      Elimina
  28. Urca, non ci ho capito niente! Dovrò studiare duramente per colmare i miei deficit culturali perché di sicuro si tratta di un post tennico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non posso metterti link, ma credo che tu sappia cavartela.

      Elimina
  29. Mi dispiace per Lui... .
    Sono certa che troverà modo di guarire e in questo senso,il tempo è una grande medicina!
    Per Valentina e le altre, lasciamole al loro lavoro, chi non ricorda, per esempio, la bellissima di Megara?

    RispondiElimina
  30. Cara Valentina l'euro non fa il suo dovere e a volte peggiora le cose
    credimi pensavo davvero di avere superato il momento difficile
    ed ancora adesso non mi è chiaro lo sbaglio che ho fatto se il vero sbaglio è stato il mio
    perchè dopo vent'anni ti aspettavi un euro col senso del dovere
    perchè chi si soggioga non deve dirlo a nessuno
    oppure un'imprudente enfatica area valutaria nel farti i trasferimenti girata dall'altra parte
    Ho la strana sensazione di un euro acceso esploso troppo presto fra le mani
    e cara Valentina che fatica innaturale perdonare a me stesso
    di essere io di essere fatto così male
    cara Valentina l'euro non fa il suo dovere e a volte peggiora le cose

    E tu sarai il pretesto per approfondire un piccolo problema personale di economia
    su come trarre giovamento dal non piacere agli altri come in fondo ci si aspetta che sia

    Per esempio non è vero che poi mi dilungo spesso su un solo argomento...
    Per esempio non è vero che poi mi dilungo spesso su un solo argomento...

    Valentina non è vero che poi mi dilungo spesso su un solo argomento

    Valentina non è vero che poi mi dilungo spesso su un solo argomento
    per esempio non è vero che poi mi dilungo spesso su un solo argomento
    per esempio non è vero che poi mi dilungo spesso su un solo argomento
    Valentina, Valentina non è vero, non è vero...

    RispondiElimina
  31. Mo' manco du pippe in santa pace se possino più fà...

    RispondiElimina
  32. dopotutto, la durezza, del vivere, e il contatto frequente con l'internazionalismo (o era 'interrazialismo') sono due aspetti che ella vive in prima persona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non solo: è anche di ampie vedute in tema di unioni omosessuali, con effetti esteticamente sublimi. Sai, il povero Marco me ne parlava sempre, m'è toccato documentarmi. Insomma: un'autentica paladina dei diritti civili cosmetici...

      Elimina
    2. E cos'altro le è toccato fare, così, visto che ha cominciato a parlare....?

      Mi avete fatto venire il mal di stomaco e mi è passata la fame...


      Marco s mi sembra una persona un po' piu equilibrata.....oltre che spiritosa

      Elimina
    3. Signora, lei sì che mi capisce!

      Un mese di CAR a Macerata non è dunque passato invano! Cos'altro potrebbe dare a un uomo quella leggerezza di spirito e quell'allure internazionale che lo fanno distinguere in società?

      Elimina
  33. Che il mondo dei politici e dei giornalisti abbondasse in puttane e' cosa scientificamente accertata; per cui concludo: una piu' una meno....
    La donzella ha capito benissimo da che parte schierarsi, e come cavarsela alla grande senza lavorare e faticare, cosa tanto VOLGAVE, come sa l'ex compagno dalle mutande di cachemire.

    Ah naturalmente questa minus habens non lo e' affatto una meretrice eh? Infatti fa un mestiere "nobile" (a pagamento).; tutor: Rocco Siffredi, uno che va per la ..maggiore.
    Del resto se pontifica uno spezzaferro puo' pontificare anche questo scarto del pensiero subumano.

    Caro Goebbels, ma perche' sei morto? Oggi avresti vissuto in uno stato di permanente eccitazione orgasmica, tanto per rimanere in tema filosofico-pornografico, di cui questa mente eccelsa di 20 anni pare essere "maestra".

    Kafka sarebbe orgoglioso di vedere come i suoi sogni onirici hanno preso forma nel mondo reale, e godrebbe come un babbuino in calore.

    P.S. Valentina, facci un piacere, vai a fare un lavoro vero, quello che ti spezzerebbe la schiena e il fondoschiena in due; vai in un altoforno o in miniera, non fare l'intellettuale ammiraglia della Balduina, dammi retta. Dillo a zio Flores D'Arcais...

    RispondiElimina
  34. Dimenticavo: l'ANAL-ista di cui sopra e' la rappresentazione plastica della societa' di oggi, il vero che diventa falso, il falso vero. Orwell, anche tu, resuscita per favore; godresti anche tu come un mandrillo a leggerti queste righe pornografiche della intellettuale ANAL-ista. Sara' per quello che vuole che il popolo intero diventi ANAL-ista. Non si preoccupi, anche grazie a lei, ce lo prendiamo tutti i gorni li'; stia serena.

    Mi viene un conatino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...t'è andato qualcosa di traverso?

      Elimina
    2. Il "socialista" Orwell, paladino degli antitotalitarismi, viene spesso sbandierato a casaccio come icona del liberismo, o come un suo precursore (ed è la logica equazione dell’interruttore acceso/spento, per cui o non si è liberi di fare niente, oppure si deve esserlo di fare tutto il porco cazzo che si vuole). Eppure una volta, e per motivi del tutto plausibili e comprensibili a chi perseveri nel far fare una scomoda ginnastica ai propri gangli cerebrali, disse di provare qualcosa di simile alla commozione nel veder sventolare le bandiere nazionali ed ascoltare gli inni (sporco nazionalista!).

      Elimina
  35. "Le istanze di recupero delle sovranità nazionali sono in palese contraddizione logica ed empirica con le necessità politiche implicate dai problemi più urgenti del mondo contemporaneo, i quali richiedono sempre più una pianificazione a livello globale "

    Ma come, secondo questa Valentina dobbiamo "pianificare"??? Non era morta, l'economia pianificata dall'alto, con l'esperimento sovietico?
    Non era, quel mondo, un feroce soppressore delle istanze di sovranità Estoni, Lettoni, Lituane, Bielorusse, Ucraine, Tagike, Kazake, Georgiane e chi più ne ha più ne metta in nome di più "nobili" interessi che esigevano "una superiore pianificazione a livello globale"?

    Non sapevo che gli alfieri del libero mercato e delle libertà democratiche (la famosa "autodeterminazione dei popoli" dove è finita?), fossero così sovietici. Temo che l'occidente stia arrivando al capolinea....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La logica eurista continua a darci soddisfazzzzzzzzzioni...

      Elimina
  36. E siamo tornati dove si è cominciato, agli anni '80, con esempi del prossimo gradino evolutivo, giovani, belli, geniali, multitasking e multiskill, lo spessore psicologico di una macchina utensile. Soldatini di latta dell'Irrealismo Assoluto lanciati alla conquista del futuro, armati anche di "provocazioni" e "trasgressioni".
    E a Micromega non li riconoscono?
    Certe cose non sono scritte nel Fato, ma nei bilanci.
    Raschiano il fondo del barile.

    RispondiElimina
  37. Ho fatto una fatica boia a leggere l'articolo della Nappi!
    Ma alla fine cosa voleva dire?
    Che se vuoi uscire dall'euro ti piace Hitler, mentre se vuoi riavere i tuoi diritti li devi chiedere al governo mondiale (che te li toglie).
    Alla base di tutto c'è una supposta logica che se non conosci quel tal filosofo tedesco a cui piaceva Hitler (ma che cazzo c'entra?) non puoi capire.
    #DAR

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti....
      Trattasi di "reductio ad Hitlerum" infarcita di citazioni "dotte" (mischiate a sproposito), per cercare di risultare "credibile" agli occhi del piddino medio. Niente di più.....

      Elimina
    2. Trovo che "supposta logica" sia proprio ben detto ...

      Elimina
  38. Ma saremo noi vicino al professore, perché lui è vicino al nostro dolore, a un dolore che ormai sta diventando un dolore di tutti.....
    Con affetto
    M


    "Un peso ben sopportato diventa più leggero"
    Ovidio

    RispondiElimina
  39. http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/09/29/euro-stiamo-zitti-e-spingiamo-il-maledetto-aratro/1136757/ di Lucio di Gaetano. Dopo le performance della nostra Nappi ecco qua Lucio de Gennaro che per giustificare l'euro la prende dal 10.000 A.C. quando gli uomini erano organizzati in società nomadi. Ora mi aspetto che l'euro mi guarisca dal raffreddore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fantastico sto Lucio Di Gaetano!
      Storico, sociologo, economista, e capace di riassumere migliaia di anni di storia in poche righe e un paio di esempi.
      Non possiamo mica tornare indietro di fronte al precipizio. Saltate tutti! E' la selezione naturale che ce lo chiede.

      Elimina
    2. Non dal raffreddore , ma (l'euro )ti evita l'ebola e chissà cos'altro!
      Scherzo, ma mi aspetto che qualcuno possa dire, prima o poi alla stregua della Nappi, che uscendo dall'eurozona peste ci colga.
      Sapete com'è, l'euro ci protegge anche dalle malattie oltre che dalla svalutazione...

      Elimina
    3. C'è addirittura chi asserisce che possiamo fornicare con assoluta serenità con chiunque, purché facente parte dell'eurozona, perché l'euro ci protegge anche dall'aids!
      L'euro è come un enorme profilattico.

      Elimina
  40. Nella mia personalissima classifica, quando sento Nappi penso a quel nasone di Marco Nappi del Genoa o a Michele Nappi del Perugia di Castagner e della Roma dello scudetto 82-83.
    Questa qui francamente è solo una persona con un gran culo, nel senso che ha pescato il jolly della vita senza particolari meriti.
    Penosa nella fellatio, espressione facciale priva di qualsivoglia erotismo, prevedo un seno cadente molto prima di arrivare ai 30-35 anni.
    Ma si sa che per soddisfare il voyeurismo internettiano basta poco, mica i palati son tanto fini da quelle parti.

    Quando scrive poi mi ricorda una simpatica ragazza di Frosinone conosciuta in rete una decina di anni fa che si dilettava a scrivere frasi non particolarmente compiute ma molto articolate e infarcite di un vocabolario ricchissimo.

    Mah, che dire... sono quelle vicende umane adolescenziali irrisolte che ogni tanto salgono per caso agli onori della cronaca.

    Cmq posso capire il tremendo disagio del ns amico, son brutte bòtte queste.
    :-)

    RispondiElimina
  41. L'articolo è una tale supercazzola che farebbe impallidire Ugo Tognazzi.

    RispondiElimina
  42. Da "La Settimana Onanistica", il passatempo più sano ed economico:

    Cambio doppio

    "L'articolo della Nappi"

    (xyxxxzxxx kk xuxxxvxxx)




    (Soluzione: macrosega su micromega)

    RispondiElimina
  43. Ma il pensiero della sinistra ha perso del tutto la bussola. Come si può elevare a maître à penser una povera ragazza che ha deciso di abbracciare consapevolmente la logica della mercificazione del proprio corpo, della dignità della propria umanità e del proprio essere donna. Cosa c'è di buono nel perseguimento di questo libertarismo generico e anarcoide che fa dell'arrivismo, della competizione, dell'affermazione di sé ad ogni costo, le nuove categorie di un vivere "razionale", che spazza via ogni valore, ogni utile diga alle pulsioni più basse del proprio ego. Ci stanno chiedendo di barattare la nostra umanità con il diritto a consumare senza limiti e a partecipare ad una mercificazione altrettanto senza limiti che svende tutto quello che siamo. Come può la sinistra chiederci di rinunciare a sentirci comunità abbandonando ogni spirito mutualistico e di condivisione, e rinunciare al diritto alla propria sovranità come individui, come comunità, come nazione, quando a livello internazionale, il più forte di turno, fomenta guerre e "rivoluzioni", con il chiaro intento di sottrarre ad altre nazioni le proprie risorse e la propria autonomia. A chi serve questo libertarismo radical chic alla Pannella che fa eleggere in parlamento personalità senza le qualità utili per trattare del bene comune, portatrici solo della bandiera dell'antimorale? Un libertarismo che fa passare di tutto anche cose inaccettabili come l'imposizione ai bambini di una morale transgender, o, attraverso lo strumento dell'educazione sessuale, far passare l'idea che sia giusto avere già da piccoli interesse per il sesso, fino a rendere plausibili rapporti tra adulti e minorenni. La sinistra ha subito una trasformazione mostruosa, un processo di ingegneria genetica che ha sostituito il gene del diritto di cittadinanza, dei diritti civili, politici e sociali come quello al lavoro, all'istruzione, alla salute, con il diritto ad una libertà e una democrazia formale; che ha sostituito l'internazionalismo dei popoli con quello del mercato e del capitale; l'impegno alla pace con un pacifismo di facciata che mimetizza un imperialismo tout court e nasconde il sostegno a regimi neonazisti. Qualcosa che si muove al di fuori di qualsiasi orizzonte etico, strumento perfetto per una strategia del caos.

    RispondiElimina
  44. Ci vuole niente a ritrovarsi in crisi coniugale… Come si fa ad accettare che un uomo ormai in età matura, non uno sfigato adolescente che dispera di poter mai trovare una donna disposta a stare con lui, possa passare il suo tempo a guardare le imprese erotiche di una persona che ha fatto del suo corpo un contenitore per la raccolta indifferenziata… Ma è proprio così interessante? Poi vi vengono le paranoie sulle dimensioni, e quando vi trovate nella situazione in cui finalmente le fantasie potrebbero diventare realtà vi tocca farvi prescrivere il Viagra. Investite un po' più di tempo nel comunicare, ma comunicare veramente, con la persona che avete accanto, potreste avere delle sorprese.
    Nello specifico dell'articolo, Micromega con la rubrica della pornostar va molto d'accordo col recupero operato dalla sinistra dei film di Bombolo, di quelli di quel regista fissato con le tettone, Russmeyer mi pare, il cinema italiano comico con le soldatesse, le infermiere, le cameriere e via dicendo… Beh, certo, da quando Marx non lo leggono più hanno dovuto riempire il tempo libero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e con questo ti sei meritata la presidenza del comitato pari opportunità del blog!

      Elimina
    2. ...a proposito, passi tu dal medico per la ricetta? Grazie, amore!

      Elimina
    3. La bocca della Verità indiscutibile.Viva la Signora Rockapasso!Gliene ha cantate quattro a questi trogloditi maschilisti
      Prof:servo della gleba a testa altissima,ha sposato un angelo.
      P.S.
      Nun se preoccupi,ho già contattato Vale N.(risposta affermativa).Porto pure un vecchio film de Lino Banfi che fa schiatta'...

      Elimina
    4. ...e alla fine coca-cola con aspirina per tutti.Dai prof. che ce divertiamo come alla festa della medie!
      Mi raccomando,silenzio assoluto...

      Elimina
    5. Come si fa ad accettare che un uomo […] possa passare il suo tempo a guardare le imprese erotiche di una persona che ha fatto del suo corpo un contenitore per la raccolta indifferenziata… Ma è proprio così interessante?

      No che non lo è!

      La risposta alla sua domanda l'ha data un artigiano tempo fa:

      http://ilmondocristiano.ilcannocchiale.it/2008/09/17/san_paololettera_ai_romani_7_1.html

      Intendiamoci, nulla di scientifico, una cosina così alla buona...

      Elimina
    6. Del resto come di fa ad accettare che una donna che "ha fatto del suo corpo un contenitore per la raccolta indifferenziata", sentenzi supercazzole sulle sovranità mettendoci dentro di tutto, dal sesso alle prostitute, dall'ecologia ad Hitler, come appunto un qualsivoglia contenitore indifferenziato.
      È come minimo una offesa al buon senso.

      Poi è piuttosto evidente che le paranoie sulle dimensioni ce le ha la nostra "eroina". È lei a desiderare governi mondiali, stati enormi ed economie planetarie. Grande è bello, piccolo è brutto.... mah.... sarà che si è abituata fin troppo bene.

      Elimina
    7. Ma è proprio per non avere sorprese e per non doverselo misurare anche in HRB, semplice no?

      Elimina
    8. "ha fatto del suo corpo un contenitore per la raccolta indifferenziata"

      Trovo che sia un'espressione meravigliosa

      Elimina
    9. Lei mi scuserà, gentile signora, ma attiro la Sua attenzione su un fatto, triste quanto si vuole ma perentorio: che la pornografia si guarda proprio perchè NON si ha voglia di comunicare, nè con la persona che ti sta accanto, nè con altri.
      Perchè ciò avvenga, e a chi o Chi si debba addebitare la responsabilità di questo sciagurato stato di cose, io non saprei. Le interpretazioni e le eziogenesi possono essere le più varie. Qualcuno di cattivo umore, o con un vissuto poco appetitoso, potrebbe anche dire che comunicando con la persona che ti sta accanto, a volte si hanno sì delle sorprese, ma per nulla liete. Fatto sta, che avviene.

      Elimina
    10. Diceva Simone Weil che si comunica davvero soltanto tra santi, i quali lo fanno attraverso la santità, che è unica e medesima. Qualche 99,999 periodico percento di soggetti troverebbe questo comunicare "in una sola cosa" mortalmente noioso, pertanto ricorre all'ammazzarsi reciproco e individuale nei più svariati, alienati e differenziati modi, e spesso con abbondante strato di glassa e copertura di zucchero al velo (quando Nanni Moretti aveva ancora qualcosa da dire, se ne uscì col leggendario "Continuiamo così, facciamoci del male,..."). Per comprendere quel che diceva la Weil bisognerebbe essere santi per davvero. Nell'attesa che il cammino meni colà, sapere e voler conoscere un'altra persona nel suo intimo reale ed accettarla com’è, così come se stessi, richiede un candido e adamantino coraggio degno della prima linea. L’innamoramento sfavilla, ma l’amore è scomodo…

      Elimina
    11. Balle! Sono giustificazioni che non stanno in piedi. È un fatto che per la maggior parte degli uomini masturbazione e pornografia sono passatempi che accompagnano tutta a vita. Ma se tutto sommato sulla masturbazione la penso come Woody Allen ("è fare sesso con qualcuno che ami veramente"), la pornografia mi sembra triste, deprimente, e credo che alla fine non aiuti ad avere un buon rapporto col sesso. Certo, io sono cattocomunista, che ci volete fare...

      Elimina
    12. Tesoro, quando sarai first lady queste parole mi si rivolgeranno contro! Meanwhile, apprezzo il fatto di aver trovato un elemento di rigidità nel tuo simpatico Dio sessantottino a geometria variabile!

      Hai una bella penna, vuoi farmi da ghost writer?

      Elimina
    13. @ rockapasso hai ragione solo che le persone guardone sono la grande maggioranza delle persone e non solo quelle che consumano materiale pornografico, basta pensare ai tifosi di calcio che esultano o piangono per undici uomini in mutande o le fissate delle telenovelas che si innamorano degli attori. La televisione è diventata la tomba di qualunque rapporto umano.

      Elimina
    14. Anche le donne si masturbano.
      Un paio che ho frequentato me lo hanno confessato.
      All'ultima gli chiesi perché e lei mi rispose: "beh, anche io quando sono sola ho le mie esigenze..."

      Elimina
    15. Però qui sei off-topic, perché il dibattito non è sulla masturbazione, ma sulla pornografia. Sono due cose diverse.

      Elimina
    16. LA PORNOGRAFIA E' IL SESSO DEGLI ALTRI ( W. ALLEN )

      Elimina
    17. OH VALENTINA SVESTITA DI NUOVO
      SU MICRO OMEGA MO’ TE RITROVO ?
      MEZZA PUTTANA , UN PO’ MERETRICE
      DIO MIO COME SONO INFELICE !
      PENSA A GENNAIO , IL FUOCO NEL CIOCCO
      IO TI AMAVO, MA ERO UNO SCIOCCO
      MENTRE RAPITO TI BACIAVO LA FICA
      TU MI DICESTI : IO AMO GUSTAVO PIGA
      TI ODIAI CON TUTTO ME STESSO
      E TI DISSI : CON TE MAI PIU’ SESSO
      A STRONZO . IO CHIAMO LA NEURO
      TU SEI PAZZO VUOI USCIRE DALL’ EURO !
      OH VALENTINA OLTRE ALL’ AMARE
      OLTRE AL FICCARE OLTRE AL CANTARE
      DOVE E’ LA FELICITA’ ?
      DOVE E’ LA VERGINITA’ ?
      SCRIVI ORA SU MICRO OMEGA
      TI LEGGO ,TI PENSO ,MI FACCIO UNA SEGA !

      Elimina
    18. Volendo andare sul tragico-serio, conforme l'esempio di Valentina Nappi, la pornografia non è "triste", e neanche "deprimente": la pornografia è "infernale", come insegna l'unico film pornografico a me noto (ma non sono un esperto) che meriti anche la qualifica di prodotto estetico, se non proprio di "arte": "The Devil in Miss Jones". Qui la protagonista (Linda Lovelace), una donnetta dalla vita sessuale deprimente, saltuaria e repressa, si suicida, e va all'inferno. Colà, per contrappasso, ella sperimenta una prodogiosa quantità di varianti dell'atto sessuale: ma non può venire MAI. Tutto ciò, s'intende, dura per l'Eternità. Questa cattiva infinitudine di una attività di primo acchito piacevole o addirittura esaltante, ma che per definizione non può mai dare vera soddisfazione e autentica gioia è la migliore definizione a me nota non solo del porno, ma di tanti, più rilevanti e celebrati aspetti della vita umana in questa Valle di Lacrime post lapsum: ad esempio, la lotta per la potenza (e forse più in generale la Storia).

      Elimina
    19. Caro Roberto come al solito fai delle osservazioni molto acute .
      Quello che tu hai previsto mi è capitato di osservarlo sul campo.
      Un mio collega d’ ufficio tre mesi fa ricercando un rapporto più intimo
      e confidenziale con la moglie si è sentito dire , dopo dodici anni di matrimonio, che era innamorata di un altro .
      Così d’ impatto alla bruta e senza nessun sospetto di crisi , almeno così mi ha raccontato . Ora ha chiesto ed ottenuto il trasferimento al ministero a Roma .
      Sai Roberto che segnalando il post della Nappi hai aperto un fronte molto delicato ?
      Non mi sono scandalizzato per nulla che Valentina abbia scritto su MICROMEGA .
      L’ ho immaginata come un eterea dell’antica Grecia che era stata ammessa ad un simposio .
      Sono anche convinto che l’articolo è di suo pugno .
      Si sente già dall’incipit : io disprezzo ed odio le meretrici .
      Questa è una tipica affermazione femminile generata probabilmente dalla paura della concorrenza e dalla perdita di fonte di lucro .
      Noi uomini , non fosse altro che per interesse , non nutriamo né disprezzo né odio verso di loro .
      Altra fissa femminile? La meretrice si fa pagare . Spesso le senti dire nei nostri confronti ‘’ poveri fessi ‘’
      Si vede che le meretrici credono nel libero mercato . dove è lo scandalo ?
      Bisogna diffidare enormemente di quelli che non si vogliono far pagare . Di solito ti chiedono prezzi maggiori in seguito .
      Questa è un usanza molto comune nel sud , io non voglio soldi da te però tu ora
      sei in debito di riconoscenza con me e non puoi rifiutarmi un domani il favore , che di norma è più salato di quello ricevuto . Anche questa è mafia. Il Padrino insegna .
      Ma Valentina purtroppo non sa che il termine prostituta viene dal latino pro =davanti stature =mettere .porre che nell'antica Roma si diceva delle donne SCHIAVE che venivano messe davanti alle botteghe dal loro padrone, che era in pratica il loro magnaccia .
      Quindi è tutto il contrario di quello che dice la Nappi sulle meretrici e le prostitute .
      Tipico errore al femminile .
      Per quanto riguarda ‘’ le santarelline che non la danno o non la danno a chi vogliono loro ‘’ altro topos della psicologia femminile io mi sono sempre regolato così : LE DONNE CHE ARRIVANO IN
      RITARDO VANNO SCARICATE IN ANTICIPO ‘’
      Poi l’equazione meretrice = sovranità nazionali bruttosporcocattivo mentre prostituta = globalismo
      bellopulitobuono è solo un espediente retorico usato già dai sofisti di Grecia e Roma antiche .
      Ciao .


      Elimina
  45. A questo punto urge invito a Rocco Siffredi a Goofy 3 e adeguata tavola rotonda. Per parlare della FED invitiamo Sasha Grey.

    Mi candido a moderatore (e sospetto che ci sarà bisogno di moderare).

    RispondiElimina
  46. Mi risulta sempre più difficile esprimere pareri e commenti, tanto è oppressiva la coltre di cacca che si accumula giorno dopo giorno, senza affidarmi al R&R, quello anglosassone. D' altronde c' è una risposta a tutto, con ciò che non morirà mai.

    RispondiElimina
  47. Micomega, Repubblica, Valentina... E' tutta una gang (bang)

    RispondiElimina
  48. E dai, sbraghiamo: questa è il prototipo del piddino medio, sempre pronto a mettersi a novanta!

    RispondiElimina
  49. Scusate, ma, a questo punto, proporrei di ribattezzare Micromega in "Microsega"

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.