MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

mercoledì 21 maggio 2014

Un external compact per rilanciare l'Europa



Il fallimento dell’Eurozona è nei numeri. L’ultima edizione del World Economic Outlook certifica che l’Eurozona è l’unica macroarea dell’economia globale a non essersi ripresa dallo shock Lehman del settembre 2008, e i tempi di recupero si presume siano di diversi anni. Questo se per recupero intendiamo il ritorno al livello di reddito pro capite precedente alla crisi. Se invece per recupero intendiamo il ritorno sul precedente trend di crescita, allora, in tutta evidenza, occorreranno diversi decenni: nel 2018 il gap rispetto alla tendenza pre-crisi apertosi con lo shock del 2008-2009 sarà ancora ben lungi dall’essere colmato. Tutto questo, beninteso, nelle previsioni spesso rosee degli analisti del Fondo Monetario Internazionale.

Il messaggio populista che i governi europei hanno diffuso ai propri elettori, quello secondo il quale l’origine della crisi sarebbe da attribuire all’insostenibilità dei debiti pubblici, cioè al comportamento inappropriato o corrotto dei governi precedenti, per cui, in definitiva, responsabili della crisi sarebbero gli elettori stessi (che quei governi avevano in qualche modo concorso ad insediare), si sgretola di fronte all’evidenza dei fatti. Non è ormai più possibile nascondere che l’esplosione dei debiti pubblici è posteriore allo scoppio della crisi, e quindi non può esserne causa, ma ne è...






















































(e il resto? Qui)

73 commenti:

  1. L'ho preceduta prof., l'ho gia postato su twitter direttamente dal sito di Asimmetrie oggi pomeriggio :).
    Un paper chiaro, comprensibile ed esaustivo. Mi chiedo come si faccia a non capire la necessità e l'utilità dei cambi flessibili.
    La credibilità dell'euro è la tomba dell'Europa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi permetto di risponderle io.
      C'è un problema di linguaggio.
      Se ad esempio, si parla di:
      "accumulazione senza precedenti di debito privato".
      l'italiano medio ti dice: "non è vero non ho fatto debiti".

      Forse certe cose sono evidenti agli esperti del settore, ma magari qualcosa di più terra terra. del tipo:
      "le banche hanno prestato miliardi di euro ai costruttori, e ora siamo pieni di immobili che le banche preferiscono lasciare invenduti piuttosto che vendere a minor prezzo, per non dover svalutare i propri patrimoni" sarebbe più chiaro.
      Questo perchè la gente ha contezza che si è costruito troppo, mentre i maneggi operati coi loro risparmi dalle banche sono fuori dalla loro esperienza quotidiana.
      I correntisti hanno il brutto vizio di disinteressarsi ai soldi che affidano al Sistema Bancario.
      Tanto per dire.

      Saluti

      Ovviamente io sono un sostenitore del professore. Solo, ogni tanto occorrerebbe esempificare un po' di più. Non dico che tutto il lavoro del mondo debba farlo Bagnai, per carità.
      Però è un fatto. La crescita economica non è mai astratta, è costituita da salari, negozi, vino, salame, automobili, Ikea, Carrefour, etcc. Queste sono le cose che la gente capisce e conosce.
      Se si parla di Ikea, o di bilancia dei pagamenti della Svezia, alla fine parliamo abbastanza della stessa cosa, penso vi sia chiaro.
      Però Ikea lo capiscono tutti, bilancia dei pagamenti no.

      Stefano P

      Elimina
  2. Dedicato a quelli che dopo ore di martellamento sui mutui, le materie prime, la pace europea e altre amenità simili, dopo averle sistematicamente distrutte tutte, ti fanno: si ok, in effetti l'€ è antidemocratico ed ha avvantaggiato i più forti... Ma dopo? Dopo?
    Ecco !
    (grazie)

    RispondiElimina
  3. Non lo so: per la prima volta comincio a temere cosa potrebbe accadere.

    Hanno diffuso un video molto interessante, in cui raccogliendo una serie di ricerche socio-antropologiche, viene spiegato cosa accadrebbe agli europei, diversi e non, senza l'euro: sarebbe l'Apokalisse, kolla "A" majuscola.

    RispondiElimina
  4. Da leggere, rileggere e da recitare come il rosario nel mese di maggio!

    RispondiElimina
  5. "Questo se per recupero intendiamo il ritorno al livello di reddito pro capite precedente alla crisi."

    Sembra che Napolitano le abbia risposto in anticipo:
    «Non credo ad un'Europa che torna indietro»

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 10/400 circa pag...Vs ....0000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 MINCHIATE, POI GLI "SFIGATI", dicono, SI ALCOLIZZANO E SI DROGANO, (i writers nn riesco a giustificarli), ma che cazzo di vita è se chi credi siano i tuoi tutori, protettori, madri, padri, maestri, ISTITUZIONI, alzano polvere e mentono sapendo di mentire? 10 righe. la risorsa sprecata piu' preziosa dopo la vita forse è il tempo. sono ubriaco vado a dormire notte. negli alveari nn si dorme mai, è un grosso punto interrogativo

      Elimina
  6. Un piccolo refuso, a pag. 2 del paper, terzo capoverso, rigo 2: "provato" (sarebbe "privato").

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce n'è più di uno, di refusi... ma è la sostanza quella che conta :-)

      Elimina
  7. Scaricato e letto, le riletture seguiranno.
    Ora mi scuso perché so benissimo che frenetico lavoro lei stia facendo: il paper è piacevolmente scorrevole, ma non si sarebbero potuti inserire i collegamenti ipertestuali per le tavole e le figure? Qualunque WP lo fa, è giusto un piccolo tocco finale, invisibile su carta.

    RispondiElimina
  8. "...i tempi di recupero si presume siano di diversi anni. Questo se per recupero intendiamo il ritorno al livello di reddito pro capite precedente alla crisi ... Se invece per recupero intendiamo il ritorno sul precedente trend di crescita, allora, in tutta evidenza, occorreranno diversi decenni ... Tutto questo, beninteso, nelle previsioni spesso rosee degli analisti del Fondo Monetario Internazionale." E meno male che il sottoscritto, tanto per essere pessimista, aveva detto 20 anni. Ma se volessi farmi una famiglia non farei prima ad emigrare? Ché delle due l'una: o facciamo più figli e li mandiamo per strada a mendicare, oppure nell'attesa di tempi migliori, non ne facciamo estinguendoci per denatalità.

    RispondiElimina
  9. Impeccabile, come sempre, per chiarezza e potenza argomentativa. Chi proclama di voler combattere l'austeritá mantenendo la rigiditá del cambio nell'eurozona è, a questo punto, il più subdolo dei populisti: un lupo travestito da a agnello che convince gli agnelli a rimanere dentro la tana dei lupi.

    RispondiElimina

  10. Raffaele e Assunta sono napoletani, e hanno tre bei bambini: Ciro, Gennaro e Immacolata.
    Vivono a Genova, e stufi di essere discriminati perchè meridionali, decidono di seguire il consiglio di un amico:
    "Se fate tutti il bagno nelle acque di San Fruttuoso a Portofino, il Cristo degli Abissi vi purificherà e vi farà diventare genovesi!".
    Detto fatto, ecco i nostri che su una barchetta vanno nelle acque di Portofino e si tuffano per essere redenti: prima i bambini e poi i genitori.
    Sono quasi tutti in acqua, solo Assunta è ancora in barca e vede con terrore che Ciro, il più piccolo, è in difficoltà e sta per andare a fondo: "Mammà, Mammà, ajut!!!"
    "Maronn'u'Carmn"! Raffaé! Raffaè! O piccirill! O uaglione!!! Ciroooooo! Ciroooooo!"
    E il padre, con forte accento genovese: "Oh belin Assunta, lascilo perdere, tanto o l'è un terron"

    Non assomiglia tanto alla storia di "fare i compiti a casa"?
    Perchè sentiamo questo bisogno di sentirci uguali ai "paesi virtuosi"?
    Sono davvero virtuosi? (Grazie Prof per la citazione del Giocatore)
    Pensiamo che quando saremo virtuosi saremo più bravi e buoni, o saremo solo più stronzi e avremo perso qualcosa di irrinunciabile?
    Anche dal punto di vista biologico, Darwin ci ha insegnato che il futuro è nella varietà e non nell'omologazione.
    Mi sa tanto che chi vuole meno Darwin nelle nostre scuole sia molto vicino, se non siamese, con chi ci propone "più Europa".

    Il fatto è, che noi vilan...

    ehh sempre allegri bisogna stare,
    ché il nostro piangere fa male al re,
    fa male al ricco e al cardinale,
    diventan tristi se noi piangiam.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo blog mi ricorda i film dove i sopravvissuti alla catastrofe riescono finalmente a contattare qualcun altro, ed esclamano abbracciandosi: non siamo soli! Non siamo rimasti soli su un blank planet...

      Elimina
  11. Prof,
    mi potrebbe spiegare la relazione, se c'è, tra il suo "external compact" e le ipotesi del "Manifesto di solidarietà europea" ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Recente commento di questo signore su FQ a proposito del prof. Bagnai: "Il dato preoccupante è che questo individuo insegna all'università".

      Elimina
    2. Un commento che la dice lunga sul fascismo dei piddini, tanto quanto la sua domanda la dice lunga sulla loro intelligenza. Perché mai una proposta politica che presuppone la flessibilità del cambio (l'external compact) dovrebbe essere incompatibile con una proposta di smantellamento concordato dell'euro? La prima è la logica prosecuzione della seconda. Ma quando si parla di piddini Aristotele bisogna dimenticarselo: era un pigro corrotto improduttivo. Meglio Fichte.

      Elimina
    3. Non buttiamolo giù troppo il Dott.Fichte. Aveva visto lungo lungo anche lui
      ( vedi Minima Mercatalia di Diego Fusaro, Bompiani ).

      Elimina
    4. A me questo blog piace molto anche perché ci si sente come studenti in una classe affiatata: con il prof si scherza molto, ma sempre con affetto, stima e, soprattutto, rispetto. Poi, purtroppo, capita il discolo disadattato, che non si inserisce in classe, non sta attento alle spiegazioni ed è pronto a vendere il prof per 29 denari (causa deflazione). Questa è la triste essenza della piddinitas, la regressiva antropologia dell'homo piddinus, una neo-specie ibridata che speriamo si estingua presto.
      Al prof la solidarietà che deriva dall'affetto e dall'ammirazione, anche per il cristallino paper.
      Marco

      Elimina
    5. Il paper è simply fantastic !
      Complimenti Prof.Bagnai !

      Elimina
    6. Prof,
      non mi sembra di aver sostenuto che l'external compact sia incompatibile con il "Manifesto", ho solo chiesto di avere un chiarimento circa l'eventuale relazione.

      Nel "Manifesto" si ipotizza che lo smantellamento dell'€zona avvenga "trovando un accordo su un nuovo sistema di coordinamento delle valute europee, volto alla prevenzione di guerre valutarie e di eccessive fluttuazioni dei cambi fra i paesi Europei."

      In pratica si tratterebbe di un ritorno allo SME

      Nel suo nuovo paper Lei propone un percorso comune per rilanciare un'Europa senza € che dovrebbe essere basato "su regole simmetriche e sul coordinamento delle politiche" e tende a considerare la flessibilità del cambio (la svalutazione) come un'arma difensiva nel caso in cui determinati accordi venissero disattesi piuttosto che un'arma offensiva usata unilateralmente per recuperare competitività.

      Quindi è vero che non c'è incompatibilità tra il "Manifesto" e l'external compact, l'esito però , in entrambi i casi, è un ritorno allo SME cioè ad una esperienza fallimentare.

      Elimina
    7. Caro Peter, sei molto simpatico nel tuo gesuitismo da bar dello Sport. Lo Sme ha fallito quando ha voluto essere "credibile", cioè quando si è trasformato da un crawling peg in un accordo di cambio fisso, cioè, per dirla in modo che tu possa capire, quando la Germania si è impedita di rivalutare. Lo stesso motivo per il quale sta fallendo l'euro. Esistono molti accordi di target zone che non prevedono la creazione di una valuta "basket" come ancora di riferimento. Quindi non capisco proprio il senso del tuo discorso. Ovvio che i riallineamenti sono una misura difensiva, e il risultato di una non distorsione delle forze di mercato. Le svalutazione "aggressive" che vi ossessionano, se uno va a mettere in fila i dati, semplicemente NON esistono. Ma questo non implica il ricordo a una basket currency e ad accordi di cambio tipo SME. Sono abbastanza in sintonia con Nordvig quando dice che una basket currency di riferimento potrebbe risolvere i problemi legati alla ridenominazione di alcuni tipi di debito cross border. Se ne può parlare. Poi, però, ci sono i problemi di struttura del sistema monetario internazionale, che l'euro non ha risolto e che Cina e Russia, come saprai, stanno risolvendo a modo loro...

      Elimina
    8. Non è detto che sia lo stesso Peter Yanez dei commenti a mitraglia sul FQ....

      No, un attimo... sono andato a riguardare i commenti di questo simpatico individuo... è proprio lui!
      Piccolo compendio:
      "Propongo un breve abstract per chi non avesse lo stomaco per digerirlo" (riferendosi al paper)

      "il "fogno europeista" di Bagnai è solo aria fritta perché uscendo dall'€ prenderemo tanti di quei cazzotti in faccia da rimanere tramortiti per almeno un decennio."

      "Contenuti ? Io leggo solo baggianate"

      "non è corretto far credere di essere stato da sempre un convinto assertore dell'insostenibilità dell'€ perché non è vero"

      "Ma siamo sicuri che l'abbia compreso ? Ammesso e non concesso che l'abbia compreso, siamo sicuri che la terapia che lui propone sia quella giusta ? "

      "Cambiare opinione è normale, il problema è che Bagnai adesso insulta quelli che dicono le cose che lui diceva nel 2010."

      "L'economia non è una scienza e quindi bisogna rispettare le opinioni altrui, quando Bagnai comincerà a rispettare le opinioni altrui, allora anche lui sarà rispettato."

      ...
      ...
      Ora, io non voglio entrare in polemica con nessuno, non me ne frega una sega sinceramente.. non sono paladino del Prof (anzi mi son preso anche qualche legnata sui denti da lui e l'ho dovuta digerire obtorto collo).
      Però io dico una cosa: se uno ti sta così sui coglioni e lo ritieni un imbecille, cazzo ci vieni a fare su questo blog a rompere il cazzo?
      No, domando... lo fai 1, 2, 3 volte... e poi ti dedichi a qualcos'altro, no?
      Io non frequento quelli che mi stanno sulle palle.
      Quindi questo Yanez o è un masochista, oppure è pagato.
      Come dice la mi nonna: "se non hai niente da fare, piglia un martellino e acciaccate i diti, o i sorbi".

      Elimina
    9. Infatti. Non vado sui blog pd per dirgli che non li stimo.
      Ma soprattutto Yanez, se sei così forte, invece di fare domande al prof, dacci tu le risposte.

      Elimina
  12. Se Atene piange, Sparta non ride.
    La recessione/stagnazione in Europa comincia a colpire duro anche negli USA.

    http://theeconomiccollapseblog.com/archives/27-huge-red-flags-for-the-u-s-economy

    L'ordoliberismo cieco delle multinazionali e della finanza rapace, la sete insaziabile di maggiori profitti in danno della quota salari stanno portando ineluttabilmente il modello occidentale al collasso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che questa sia la vera causa dello svelamento dei retroscena Obama/Merkel+Sarkozy. Gli USA si sono scocciati di questa crisi mondiale indotta da una UE miope.

      Elimina
    2. Luca ho dato un occhiata al tuo link. premetten do che faccio fatica a leggere in inglese, ma qualcosa sono riuscito a capirlo.
      Credo che qualcosa stia già succedendo..

      Elimina
    3. Copio il commento di tale MeMadMax, per risollevare lo spirito fra un eurista e l'altro, pure gli yankee c'hanno i loro piddini...

      I find that the people that react in the similar fashion as your mother are:
      1. Women(not all thou, of course)
      2. Democrats
      3. Have misplaced hope on the gov.
      4. Are single(which reinforces 3).
      5. Like to repeat "catch phrases"
      6. Like the "catch phrases" because of 3.
      7. Don't research anything because of 3.
      8. Are actually angry.
      9. Are followers and not leaders.
      10. And finally, in reality, don't care(3 again)

      Elimina
  13. Io alle varie erinni che si cimentano in tivù, come ad esempio quella che si esibisce in una trasmissione chiamata "Canotto_e_mezzo" (copyright Lameduck) e fa la parte di saperla lunga sulle cause della crisi, risponderei con una domanda: "perchè odia così tanto gli italiani, Signora Gruuuberrr"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perche' non Italiana, sebbene Austroungarica ella e'?

      Elimina
    2. Perché è una donna di mondo, una cittadina del mondo, che parla varie lingue, che ha un compagno all'altezza della sua dimensione internazionale, che frequenta gli ambienti che si devono frequentare.....mica è una provincialotta come te e me......

      Elimina
    3. Sarà la solita spocchia legata alla superiorità morale e anche sostanziale degli intellettuali di sinistra.
      Tutti gli altri sono merde... tanto semplice.

      Elimina
    4. Una bella domanda alla signora Gruber gliela aveva già fatta Enzo Biagi nel 1992:

      "Cara Gruber, non le ha detto nulla la mamma?".

      Caro Enzo Biagi, lui aveva già capito quale fosse la "stoffa" della Signora Gruber ben 22 anni fa...

      Elimina
    5. La Gruber è una tsipriota in pectore ( Dio...ma che volgari questi euroscettici, così ignoranti e poi puzzano... ) che lecca gli sitvali di Renzi per convenienza.

      Elimina
    6. Ah perche' la Dietlinde Gruber sarebbe una intellettuale????

      E da quando?

      Vabbe' una patente da intellettuale oggi non la si nega a nessuno...

      Elimina
  14. Ieri sera avevo cominciato a leggere il suo bel lavoro postato su asimmetrie ( prime 10 pagine ) ma all'una di notte mi è venuto sonno. Lo finirò stasera.
    Anche se forse è ot, posto il cenacolo tenuto 15 maggio u. s. organizzato dalla FULM.
    I video, per chi fosse interessato, sono 1 2 e 3.
    Mi pare che sia lei che Il prof. Savona, ne abbiate le scatole piene, di dire sempre le stesse cose. E soprattutto Savona ( dando ragione a lei ) ha detto che non parteciperà più a nessun convegno, sull'euro, per i motivi che conosciamo.
    Hai voglia di ripetere le cause di quello che stiamo vivendo, ma chi non vuole o non può capire, forse non capirà mai.
    I dati macroeconomici trimestrali eurozona, usa, brics ed altri, non promettono nulla di buono. Il buco nero eurozona, sta via via trascinando nella stagnazione gli alti paesi.
    Ho idea, che il redde rationem si avvicini a spron battuto. Forse se stiamo "fermi",
    chi vuole più europa, non farà altro che accelerare la caduta di questa follia.

    RispondiElimina
  15. Ecco, questa è la mia paura.
    (ho notato che nessun politico italiano, in questa campagna elettorale europea, ha parlato dei problemi del popolo greco o spagnolo)


    Se in Grecia la sanità non è più permessa a tutti, se a Cipro, hanno tolto i soldi dai conti correnti, se in Italia e in Spagna hanno cambiato i governi senza elezioni, se tutto questo è avvenuto per problemi di soldi, di bilance dei pagamenti, di spread e di tutte queste corbellerie che non sono essenziali per la sopravvivenza, cosa potrebbe accadere in caso di una carestia o di un evento tragico che potrebbe mettere in discussione la sopravvivenza?
    Cosa può accadere se un giorno, per un epidemia dovessero morire milioni di mucche, oppure se le cavallette distruggessero milioni di ettari di grano, cosa può accadere, se per un punto di inflazione in più o in meno, questi signori sono stati capaci di ridurre interi popoli a condizioni di fame.

    No, non riesco neanche ad immaginarlo, ed ho paura.

    Ho paura, che l' esercito e la polizia non saranno con noi a difenderci da chi non ci venderà il suo grano.
    Ho paura che la magistratura agirà per legittimare chi comunque pretenderà che gli sia data la sua quota latte.

    Ho paura che qualcuno ci convinca che è giusto produrre solo quella quota di latte perchè siamo europei, ma che poi ci convinca che è giusto che noi non abbiamo il grano perchè siamo italiani.


    Posso affidare la mia vita e quella dei miei figli a questa società civile. Posso accettare che ci siano principi economici a governare i popoli? No, non posso.
    Io sono cattolico.
    Io sono nato a pochi km dal cupolone.
    Io respiro ogni giorno l’ aria intrisa dell’odore del sangue di migliaia di martiri che sono morti per rilanciare il messaggio di amore e misericordia di un Uomo morto duemila anni fa.
    E ora questa aria fatta di punizioni esemplari per chi non è competitivo è irrespirabile.
    E’ mai possibile che in una campagna elettorale per le europee, nessun politico ha parlato della Grecia, nessuno ha fatto notare che in Spagna la disoccupazione è al 25%.
    Tutti preoccupati solo degli italiani e poi cosa ci aspettiamo che i tedeschi si preoccupino di noi.
    E cosa dovrei scegliere, ora, chi ci promette di uscire dall’ euro per salvare l’ Italia e dimenticare che nel frattempo i greci, per l’ euro, non possono più curarsi?
    Oppure dovrei scegliere chi ha creato questa situazione in Grecia.

    Ecco questa è la mia paura,
    che non ci sia alternativa all’odio,
    che non ci sia un messaggio d’amore.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo blog e' fondamentalmente un lungo, ininterrotto thread d'amore.

      Elimina
    2. @Alessandro13
      condivido ciò che dici. Io non sono cattolico, ma sposo assolutamente il tuo umanesimo.
      Non ha importanza da dove veniamo ( cattolico, ateo, buddista, ebreo, etc etc ), ma dove vogliamo andare, e qui, come molti fuori dal blog, l'abbiamo capito.
      Vorrei girare quanto dici, se mi autorizzi. Forse qualche piddino, anche uno solo, potrebbe fermarsi a riflettere. E tu che sei cattolico, sai cos'è la speranza.
      Saluti

      Elimina
  16. Scusate sto facendo la guerra con un piddino , non riesco a trovare , sono imbranato ,
    il documentario sulla Grecia . Potreste darmi indicazioni o linkarmelo grazie.
    Prof . ottimo lavoro molto chiaro , potrebbe anche capirlo un piddino se volesse....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'han fatto i 101 dalmata
      il titolo è: Grecia, il più grande successo dell'euro

      questo è il trailer
      http://tv.ilfattoquotidiano.it/2014/04/09/documentari-esce-grecia-piu-grande-successo-delleuro/273789/

      Elimina
    2. totalmente inutile dopo averlo visto ti risponderà una delle seguenti: 1) Che colpa ne ha l'Europa se i Greci non hanno voglia di lavorare 2)Beh vabbè quella è la Grecia da noi è diverso 3) è un servizio con immagini montate ad hoc x esagerare...prova poi facci sapere :-)

      Elimina
    3. Aggiornamenti sul documentario La Grecia è il più grande successo dell'euro", a cura di I 101 Dalmata, con il trailer più varie ed eventuali.

      (Alessandra da Firenze)

      Elimina
    4. Lo trovi sul blog "voci dall'estero", a fianco,manon ti servira'

      Elimina
  17. http://temi.repubblica.it/micromega-online/leuro-e-lillusione-del-ritorno-alle-piccole-patrie-monetarie/
    se avessero letto il lavoro del prof. non avrebbero scritto questo cumulo di stronzate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intendi dire "questo coacervo di lievi imprecisioni"? Io non ho tempo da perderci. Segnate voi, i conti si fanno alla fine...

      Elimina
    2. Già fatto disdire 5 abbonamenti SKY per le disinformazioni terroristiche di Sarahhhh Varetto sull'€ exit.I conti li faccio già da tempo.

      Elimina
  18. Prof. ma perché Brancaccio continua a stuzzicarla:

    http://www.emilianobrancaccio.it/2014/05/19/uscire-o-no-dalleuro-gli-effetti-sui-salari/
    "I sostenitori dell’uscita dall’euro senza se e senza ma confidano nella opinione di quei commentatori secondo i quali «l’esperienza storica non presta particolare supporto alle preoccupazioni» riguardanti i salari e la distribuzione dei redditi [3]"

    In questo articolo ci sono pari pari le cose che stanno scritte sul suo libro, da dove nasce questa contrapposizione che non si basa su alcun fatto concreto?
    Io non capisco, invece di capitalizzare le energie le disperdiamo, mah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per dire di averlo detto prima e meglio? E' un ipotesi

      Elimina
    2. posso rispondere io? è una questione di vision. Brancaccio, che sa come andranno le cose, si sta preparando il terreno per una nomina politica e dunque deve provare a tracciare un solco tra se e i "genny a'carogna anti-euro"

      Elimina
    3. Non saprei, ho due ipotesi:
      la prima è che non le perdona il fatto di intrattenere rapporti intimi con chi più volte ha invitato il vesuvio a eruttare.
      Ma a pensarci bene Brancaccio faceva l'antipatichello già da prima che Salvini si convertisse sulla via del no-euro e iniazasse a partecipare ai suoi dibattiti.
      Magari non gli va giù il fatto che a lui non se lo caga nessuno, e i non addetti ai lavori non capiscono come mai un teatro romano possa firmare articoli di economia

      Elimina
  19. Arriva la SStoria

    http://www.cattaneo.org/images/comunicati_stampa/Analisi%20Istituto%20Cattaneo%20-%20Europee%202014%20-%20Opinione%20cittadini%20sulleuro_22.05.14.pdf

    RispondiElimina
  20. Non è una lettura semplice ma non credo che sia diretta a coloro i quali si approcciano all'argomento. Se non seguissi questo blog da un annetto credo che sarei rimasto spaesato, e probabilmente avrei smesso di leggere dopo qualche pagina.
    Ho notato quello che probabilmente è un refuso a pagina 7, primo capoverso: "per la contradizion che nol consente".
    Poi, mi sono chiesto come mai a pagina 15 traduce PIGS (o forse era PIIGS?) con porco e non con porci.
    Comunque l'ho apprrezzato molto perché ritengo che sia un buon sunto del problema (per chi è già informato) e credo che lo rileggerò in futuro. Infatti l'ho già salvato sul mio PC nell'apposita cartellina dove conservo una selezione dei suoi pezzi forti.

    RispondiElimina
  21. Siglitz, Freefall, pag.17

    "There was a bubble, and it broke, bringing devastation in its wake. The bubble was supported by bad bank lending, using as collateral assets whose value had been inflated by the bubble."

    "e così come chi si indebita incautamente deve assumersi le proprie responsabilità, altrettanto dovrebbe fare chi presta incautamente, soprattutto considerando che chi presta è sempre un professionista del settore e dispone di maggiori informazioni di chi prende in prestito."

    Se ho ben capito (e Stiglitz ci va giù molto pesante) abbiamo costruito un sistema bancario demenziale: prestare male o bene è uguale.
    Se va fatta bene, ci teniamo i soldi; se va fatta male, pagano i cittadini (statunitensi oppure europei è lo stesso).

    RispondiElimina
  22. Non dovrei ma come si fa a resistere? :)

    Elezioni Europee 2014, Istituto Cattaneo: "L'Italia Paese in cui sono aumentati di più i cittadini sfavorevoli all'euro"

    Bagnai 1 - Pude 0

    Yanez, rosica.

    RispondiElimina
  23. Gli Euroburocrati della EC sono proprio arrivati alla canna del gas.

    http://www.repubblica.it/economia/2014/05/22/news/istat_da_2014_droga_e_prostituzione_in_calcolo_pil-86847923/?ref=HRER1-1

    Sono disposti anche a riscrivere tutti i libri di macroeconomia pur di drogare il PIL (i.e. valore al prezzo di mercato di tutti i beni e servizi FINALI prodotti in un paese in un dato periodo di tempo)!

    Ammesso che sia possibile stimare il consumo dei vari tipi di droga (analizzando i liquami delle fogne? distribuendo dei questionari ai consumatori?) ed il numero/tipo di rapporti mercenari (ci saranno pure i guardoni autorizzati della EC?), come valorizzare 'al prezzo di mercato' queste attivita'? Con un listino ufficiale EC?

    Ed i rapporti del clero, mercenari o meno, contano o no?

    E quando anche attivita' illegali, droga e prostituzione non basteranno piu' a drogare il PIL, cominceranno pure a contare i beni ed i servizi prodotti e consumati all'interno delle famiglie?

    Spendi due ore di permesso per accompagnare l'anziana mamma dal dottore e costi all'azienda 35 Euro/h?
    Bene, ecco il solerte burocrate di Bruxelles (o di Strasburgo) che immediatamente aumenta di 70 Euro il PIL del tuo Paese.

    E se fossi disoccupato? Quanto PIL valgono due ore di un disoccupato che accompagna un familiare da qualche parte? Qualcosa devono pur valere, perche' in un mondo di disoccupati cronici non puoi permetterti un PIL pari a zero, che altrimenti il debito del disoccupato diventa insostenibile...

    Coltivi insalata nell'orto 'di guerra' dietro casa e cogli i tuoi limoni dall'albero in giardino?
    Ecco che, sulla base delle foto satellitari, una volta escluso che non si tratti di specie vegetali non iscritte all'albo EC (fattispecie per cui interviene direttamente Eurogendfor e ti arresta), il PIL viene aumentato del prezzo corrente dell'insalata e dei limoni presso l'Auchan piu' vicino.

    Ti ripari da solo il rubinetto che perde ed il vicino lo denuncia alla EC?
    Ed ecco comparire per magia altri 100 Euro di PIL.

    Nel mondo distonico che la EC ci sta preparando ci saranno molti PIL: il PIL calcolato col criterio della spesa, il PIL calcolato col criterio del valore aggiunto, ma che Dio ci scampi dal metodo di del PIL calcolato in base al reddito!

    Il PIL calcolato col reddito no, quello va proprio eliminato, in fondo in un mondo di schiavi INDEBITATI a che serve misurare il reddito?

    Confesso, 'I have a dream': trovarmi a passare in auto mentre uno di questi geni attraversa la strada.

    Il giorno del processo, al giudice che mi domandera' incuriosito come sia stato possibile anche l'investimento a marcia indietro, rispondero' con semplicita' che avevo ingranato la retromarcia per vedere bene di quale tipo di m@@a si trattava.


    RispondiElimina
  24. Ho capito, Profe, ho capito anch'io, vedendo i video del Cenacolo Fulm, specie il terzo (grazie a Ciardello), le ragioni della sua incazz... ops, arrabbiatura, di qualche post fa (lettera di Gawronski), comprese le speranze (che non ci danno speranza) di Savona, che ripropone un film dal finale già visto sugli schermi teutonici. E anch'io, si parva licet, mi sento incazz... pardon, arrabbiato. Della serie: "Le risoluzioni che non risolveranno".

    RispondiElimina
  25. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  26. Grazie tutti . Vi saprò dire ma credo che la risposta sarà :prima o poi doveva succedere . La cosa incredibile è che si sentono orgogliosamente di sinistra, quelli che negli anni 70 : ogni coca cola è una bomba a mano in più per gli americani . Non riesco a capire perché siano così miopi .

    RispondiElimina
  27. A proposito di terrorismo mediatico:
    http://www.huffingtonpost.it/2014/05/21/uscire-dalleuro-perche-non-ci-conviene-_n_5366060.html?1400760502&utm_hp_ref=italy
    no comment

    RispondiElimina
  28. Mi sta dicendo : voti lega ????? Ma se fosse per loro morirebbero tutti .
    Non ce la posso fare , gli ho mandato un link del blog e vaffanculo

    RispondiElimina
  29. c'è un provato al poso di privato
    pagina 2, terzo paragrafo, seconda riga

    RispondiElimina
  30. Presto torneremo a crescere! Renzi potrà quindi dimostrare al mondo tutta la potenza della sua magistrale manovra anticiclica. Finalmente la forza espansiva della "riduzione del cuneo fiscale" (80 €) potrà liberarsi producendo crescita e ricchezza aggiuntiva.
    Peccato che tutto dipenderà dalla modifica dei criteri del SEC (Sistema Europeo dei Conti Nazionali) che a partire dal 2014 includerà nella determinazione del PIL anche gli introiti derivanti da sfruttamento della prostituzione, traffico di droga e contrabbando.
    Questo avrà due benefici effetti per il governo Renzi:
    1- Il PIL crescerà in termini nominali;
    2- La pressione fiscale diminuirà, giacché a parità di numeratore (entrate fiscali) -per definizione prostituzione, traffico di droga e contrabbando NON PAGANO TASSE - il denominatore crescerà (PIL).
    Peccato che non gli abbiano fatto sto regalo prima delle elezioni del 25 maggio. Mi chiedo perché! Chi è che trama contro Renzi alla Corte Europea?

    RispondiElimina
  31. Puonciorno,
    dopo la Piller-asfaltata (LOL++) di oggi - VIDEO - sarebbe interessante chiedere all'altro socio - @PillerGumpel - cosa intendesse con questa affermazione...

    "...Magari per assumere altri 10mila dipendenti all’ASL di Salerno, per portare il totale a 30mila, a confronto dei 2mila di Verona, stesso bacino d’utenza" Fonte

    CIOÈ? "Sull'overbooking"... gita turistica nel... bosco di faggi? È questo che intende il krukko?

    Ah dimenticavo, eppoi quest'altra ppperla (always krukka)...

    "Ma lo sa che non esistono premi Nobel? Quei premi li dà la banca centrale svedese ad economisti americani loro amici. E quegli economisti americani fanno gli interessi degli Stati Uniti, non dell'Europa"

    Maledetti yankee... Ma vuoi mettere "questo" con il Friedenspreis des Deutschen Buchhandels...


    RispondiElimina
  32. Grandioso stamattina vedere a TGCOM 24 il prof che rispondeva per le rime al tetesko spocchioso che credeva di venire a darci la lezioncina e ad assegnar altri compiti a casa. Che bacchettata. C'è rimasto male: è troppo abituato agli italiani che si prostrano alla razza superiore. E invece il prof gli ha fatto fare la figura di un ripetente zuccone.

    RispondiElimina
  33. Per chi non avesse visto il video del prof. 'stamane a tgcom24 è qui
    Prof. l'ho trovata esilarante, soprattutto quando ha detto che il re in francia fu accorciato :-D
    Riguardo piller nulla da dire, asarebbero tasti sprecati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Viviamo in un mondo di eufemismi, ho voluto mettere la mia monetina alla banca del politicamente corretto (pur sapendo che sta fallendo).

      Elimina
  34. “Possiamo affermare con Meade (1957) che il cambio flessibile è il peggior regime di cambio, eccetto tutti gli altri”

    Il ministro dello Sviluppo Economico, Alexey Ulyukaev, ha reso noto che «la crescita della produzione industriale in Russia nel periodo gennaio-aprile di quest'anno è pari a oltre il 2%
    [...]
    A suo parere, tale risultato è stato ottenuto grazie alle modifiche dei rapporti di cambio. "Il deprezzamento del rublo nei confronti del dollaro e dell'euro crea grandi opportunità per la sostituzione delle importazioni" - ha detto il ministro. Secondo lui, questa risorsa deve essere usata correttamente».

    Curiosamente, a Pietroburgo nessuno è caduto in deliquio, né si è scandalizzato al sentir parlare di svalutazione come accade in Europa.

    RispondiElimina
  35. Professore, ma per chi voto alle Europee? Io, come pensiero, sono vicino a tali persone http://www.sceltaeuropea.it/manifesto/, ma quel primo punto non mi permette la scelta.

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.