MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

mercoledì 16 aprile 2014

Per i ... (2): l'inizio del declino

(...non sia mai si offendano...)


Simone ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "Troll e produttività: Minosse vs Daveri (e Travagl...":

Gentile Prof. Bagnai,

con riferimento al grafico molto interessante da lei postato, mi è venuta la curiosità di vedere dati più nel dettaglio e ho trovato una cosa curiosa:

http://knoema.com/IMFWEO2013Oct/imf-world-economic-outlook-october-2013

Confrontando la crescita del PIL pro capire (a valori costanti) tra Italia, Germania e Spagna all'85 ad oggi:

1) NON si nota alcuna flessione della crescita pro capite italiana rispetto alla Germania nel 96, ma le due sembrano andare più o meno di pari passo fino al 2003. Non sembra notarsi quindi un effetto negativo dell'Euro per l'Italia rispetto alla Germania (il presunto "vincitore" dell'Euro).

2) A partire proprio dal 96, invece, la Spagna accelera molto performando anche MEGLIO della Germania: eppure anche la Spagna si suppone sia uno dei “perdenti” dell’Euro.

Come ritiene si spieghino questi dati?
Grazie per la sua disponibilità.



Carissimo,



Digita l’indirizzo: http://ec.europa.eu/economy_finance/db_indicators/ameco/index_en.htm.

Nella pagina cerca Ameco online (è evidenziato in grassetto, in fondo al corpo del testo).

Cliccaci sopra.

Nello schema che ti si presenta, clicca sul punto 6 (Gross Domestic Product), poi sul punto 6.2 (Gross domestic product per head of population), poi seleziona la casella “At constant prices”.

Poi scorri in basso, e seleziona Next.

Nella pagina successiva, in basso, clicca su “Save to Excel, all variables”.

Il browser ti chiederà conferma prima di aprire il file in Excel. Tu dagliela.

Dovresti ottenere questo foglio elettronico.

Ora attento.

Alla riga 8 dovresti avere i dati per “European Union (15 countries)”, alla 10 quelli per “EU15 (including D_W West-Germany)”  e alla riga 24 quelli per Italy. Se ci riesci, è più conveniente che li copi e li incolli in un altro foglio. Io l’ho fatto ed è venuto questo.

Nota che i due concetti di Europa non sono identici perché, a quanto è dato capire, nel secondo non è compresa la Germania Est. Nota anche che nell’unico anno di “overlap”, il 1991, si vede che comunque il reddito medio dell’Unione Europea a 15 (comunque calcolato) è pressoché identico). Ergo, puoi usare dal 1960 al 1990 i dati per EU15 e poi quelli per European Union (15 countries).

Comunque, se vuoi fare una cosa più pulita, puoi estrapolare la serie più vecchia coi tassi di crescita della più recente, e quindi scrivere in C35 questa formulina =C34*B35/B34 e trascinarla verso il basso (oppure puoi retropolare la serie più recente coi tassi di crescita della più vecchia: sai come si fa, vero?).

A questo punto, ti consiglio di copiare le date nella colonna E del foglio elettronico, come ho fatto io. Poi, nella casella F3 scrivi =D3-C3 e premi invio. Trascina questa formula in fondo.

Ci siamo?

Bene.

Ora puoi fare il grafico, che è questo qui.



Qualsiasi economista non dati nel 1996 l’inizio del declino italiano deve spiegare cos’è quello che vediamo in questo grafico. Qualsiasi economista (come tanti che conoscete) dati correttamente l’inizio del declino italiano nel 1996, se vuole continuare a dire che l’euro non è un problema deve trovare una spiegazione che sia diversa dalla rivalutazione del cambio (fino alla parità usata per il successivo aggancio all’euro), che in quell'anno ebbe luogo.
Più in generale, direi che qualsiasi economista trascuri di considerare questo grafico come il problema italiano, forse dovrebbe fare un altro lavoro.

Al limite, il disoccupato.
 

(...quanto al resto, per il momento basterà dirti che stai usando variabili diverse dalle mie, che nel grafico in questione non parlo né di Germania né di Spagna, e che se tu avessi letto il mio libro o questo blog sapresti risponderti da solo, però se vuoi posso risponderti io, o possono farlo gli altri lettori. Prima però mettiamo un punto fermo, una volta per tutte. Poi, se vuoi, ti parlo anche del tasso overnight delle Fiji...)

12 commenti:

  1. La prima risposta a questo post penso che dovrebbe essere un semplice quanto doveroso: G R A Z I E
    Lo posto io non sapendo se chi dovrebbe lo ha fatto o lo farà (in tali casi, comunque, repetita juvant... a mantenere l'orchite der cavajere nero entro limiti accettabbbili: id est quelle di una tennis ball e non di un football ball...)

    RispondiElimina
  2. Dopo questa lezione su "i dati non sono il primo grafico che trovate in giro", me ne torno quatto quatto, nella casetta dei: BEATO IO CHE

    RispondiElimina
  3. Lei prof passerà alla storia , forse non le interessa nemmeno , il lavoro che sta facendo per tutti è immenso . Che dire GRAZIE ANCORA

    RispondiElimina
  4. appurato che si tratta di variabili differenti, nonostante io abbia letto il libro non riesco a cogliere la ragione per la quale il confronto con la singola germania non evidenzi la stessa caduta libera.

    RispondiElimina
  5. OT ufficializzate le candidature delle europee;oltre che nella circoscrizione nord-ovest,Claudio Borghi è candidato anche in quella del centro,che è la mia.(#beppestaisereno)

    RispondiElimina
  6. E pensare, Professore, che poi deve anche sentirsi dire da Claudio che lei ha un brutto carattere :)

    RispondiElimina
  7. Non voglio fare il giornalaio, ma vorrei da voi che ne capite più di me alcuni commenti per questi interessanti articoli (grazie):
    1) http://euobserver.com/economic/123866
    2) http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2014-04-16/ecco-come-funziona-cervellone-che-protegge-euro-e-perche-sud-viene-imposta-austerity-anche-fasi-recessive-111444.shtml?uuid=ABI7vRBB

    questo è invece un altro avviso di arrivo della tempesta:
    xxx) http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2014-04-16/cosa-avverrebbe-se-italia-uscisse-euro-azioni-italiane-174608.shtml?uuid=ABO7RaBB&nmll=2707#navigation

    RispondiElimina
  8. Per Simone: il problema è proprio il PIL a valori (prezzi) costanti.
    Se dallo stesso sito knoema selezioni il deflatore del PIL (che, come evidenziato nelle note, è anche una misura dell'inflazione) di Germania e Italia, vedrai che dal 1995 in poi c'è un avvicinamento delle due serie, che arrivano a incrociarsi nel 2005 per poi divergere a favore nostro. Poiché l'indicatore italiano rimane pressoché costante (l'andamento si approssima a una retta), quello che cambia è che in Germania l'inflazione si è mantenuta più bassa del "normale".
    Cosa c'entri questo con la moneta unica, a questo punto del dibattito, dovrebbe essere noto.

    RispondiElimina
  9. (Mi butto!) Il problema per caso é che anche i tedeschi hanno visto scendere i propri stipendi in rapporto alla produzione, quindi fino agli anni del surplus non si sono distaccati più di tanto? (E' corretto pensare che il capitale possa apparentemente confondersi con gli stipendi quando si parla di pil, e quindi il fatto che la produttività aumenti non si rifletta per forza sugli stipendi - ma nel pil la distinzione non sia visibile?)

    RispondiElimina
  10. https://www.youtube.com/watch?v=3St5pB5aByU

    Crisi strutturale + crisi ciclica(causa euro).

    Ma crisi strutturale > crisi ciclica

    RispondiElimina
  11. ma come mai non si nota una cosa simile anche nel periodo dello sme????

    RispondiElimina