MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

martedì 29 aprile 2014

Per dire...



17 commenti:

  1. FORZA BELLI, SOTTO A CHI TOCCA. CHI ESCE? CHE QUI CE BRUCENO GLI EURINI NELLE MANO! 'NNAMO, FORAAAAA. SOTTO A CHI TOCCA.

    RispondiElimina
  2. Per dire, direi che oggi siamo messi mooolto peggio in quanto a politici. Il CAF l'ho combattuto, ma col senno di poi devo riconoscere che al peggio non c'è limite. Mi consolo col fatto che l'euro metallico sarà più pesante della "vecchia" lira.

    RispondiElimina
  3. Io tirerò le lire

    ps.: non a Craxy poerello...

    RispondiElimina
  4. Adesso che abbiamo finalmente una moneta forte,con il primo turno di lanci ci si paga il fiscal compact.

    RispondiElimina
  5. stiamo rompendo i salvadanai ...
    per inciso: forse spiegato il motivo per cui alcuni piddini vogliono abolire le monetine

    RispondiElimina
  6. Ogni volta che passeggio là davanti resto incantata dalla vista, prima o poi entrerò nell'hotel a curiosare.

    Ritornando alla cruda realtà, purtroppo devo rendere merito a Malagutti per aver ideato il genere euro-gossip! (padri, compagne/mogli, mariti...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...la prossima volta che ti incontro faccio finta di non conoscerti, altrimenti finiamo su Eva 3000!

      Elimina
    2. ahahah!... o su "Eva 1936,27", una nuova testata giornalistica di cui Malagutti sarà direttore!

      Elimina
  7. La moneta pesante in questo caso gioverebbe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema e' che nessuno si azzarda piu' a sortire da quell'uscio e a beccarsela nelle gengive.
      Anzi, gia' si formano cortei di auto-intervistati del "io l'avevo detto" mentre ai cittadini normali rimarranno solo, temo, le banconote da 5 euri da tirargli addosso...

      Elimina
  8. Evvài!
    Così smaltìmo pure "a pioggia" er convertitore €/lira che l'ex-Cav ce mannò a casa...

    RispondiElimina
  9. :D Ricordo che la prima volta che vidi la famosa piazza del Raphael rimasi più che impressionato... Quel che , grazie alla sapienza delle giuste riprese tv, m'era sembrato un mare di folla non poteva assolutamente essersi assiepato in quella minuscola piazza... mezzo servizio d'ordine romano di PDS & MSI bastava ed avanzava per dare alla storia l'ennesimo falso mediatico che i giornali forcaioli prontamente amplificarono.

    RispondiElimina
  10. Qualche lira tra i sanpietrini ci sarà rimasta? Mi vengono in mente le cronache del dopoguerra in una nota e a me cara città toscana. Si racconta che per protestare contro una base NATO ubicata su codesto territorio qualcuno amava scrivere: M il dollaro! al che qualcuno aggiunse: ce ne fussero!!! Per dire: sarà stata anche "liretta" ma io in tasca la terrei volentieri...

    RispondiElimina
  11. https://www.youtube.com/watch?v=0p078rg_K1I

    accoppiamo al raphael anche questo video per favore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo farei volentieri se volessi distruggere Craxi, perché così darei l'immagine di una persona che la verità la sapeva, ha lasciato, come tutti, che il disastro accadesse (Atto Unico Europeo: 1986), poi, cacciato dal potere, quando non aveva più niente da perdere, ha detto quanto sapeva. Se a te sembra un modo di riabilitarne la memoria, mi permetto di dissentire. Ma il nostro problema oggi non è Craxi, e non perché io abbia un particolare rispetto dei morti, ma perché mi preoccupano di più i suoi sodali che Nostro Signore non ha ancora accolto sotto la sua santa e degna guardia.

      Elimina
    2. NO! lontana da me l'idea di riabilitare alcuno ma a dimostrazione che la cosa era risaputa da tutti ma siamo andati a sbattere come un treno impazzito.

      Elimina
    3. Il personaggio Craxi è senz'altro a luci e ombre: da una parte ha iniziato quel fenomeno che ha poi caratterizzato tutta la cosiddetta seconda repubblica, ovvero quello di fare politiche "di destra" da sinistra (vedi la lotta contro la scala mobile, ad esempio), in nome della flessibilità e delle minori tutele nei confronti del lavoro che già da allora iniziavano a imporsi; ma dall'altra è stato forse l'ultimo grande leader politico a cui è stato a cuore questo Paese, come si è visto a Sigonella, episodio che poi (ne sono convinto) ha pagato amaramente. Insomma, come sempre nella storia, la realtà non è manichea ma variegata. Io ai suoi tempi ero un bambino ma sicuramente se fossi stato più grande lo avrei combattuto; ricordo di essere stato contento quando scoppiò "tangentopoli" (ah l'ingenuità!), ma oggi, vedendo lo sfascio attuale, quanto mi piacerebbe che non ci fosse mai stata!

      Elimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.