MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

giovedì 6 marzo 2014

Titanic Europa




(...)

60 commenti:

  1. Ci sarà da divertirsi... Auguri professore!

    RispondiElimina
  2. Proferrore Bagnai,per si e per no si porti il bicarbonato,per loro naturalmente,si sa mai.

    RispondiElimina
  3. Ma G. Cuperlo verrà evocato durante la seduta oppure si presenterà sotto spoglie mortali?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahaha...geniale...ce lo vedo il prof nei panni del negromante a intonare un danza macabra....però nella line-up noto con piacere la presenza di Guerrieri, uomo che stimo, se non altro perchè è riuscito a bruciarmi un 28 in microeconomia per 15 minuti di ritardo alla verbalizzazione

      Elimina
  4. Cercando il documento ho poi letto questo:

    "poiché un taglio della spesa (pubblica) accompagnato da una corrispondente riduzione di tasse ha documentatissimi effetti recessivi"

    Devo informarmi meglio, non vorrei fossero altre "macchie solari"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è strano, si spiega con il diverso valore dei moltiplicatori di spesa pubblica e tasse. Se ne parla ad esempio qui

      Elimina
  5. PenZa un po'...vi sarò vicino...

    RispondiElimina
  6. Che senso ha invertire la rotta quando la carena è ormai squarciata?
    Meglio cambiare nave
    e rotta
    e comandante
    e anche l'orchestrina non sarebbe male.

    RispondiElimina
  7. Dai nomi mi pare di capire che si discuterà del "come" più che del "perché" e del "quando". Mi sbaglio?
    Spero che a qualcuno di quelli non venga in mente di litigare in nome di sofismi ormai inutili quali destra/sinistra/centro proprio adesso che ci hanno legato la pietra al collo e ci stanno per spingere giù con una sonora pedata...

    RispondiElimina
  8. Interessante..... Qualcosa si muove.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi associo, molto positivo, speriamo che qualcuno registri il dibattito
      bravo Alberto...Fassina si sta liberando?

      Elimina
    2. scusate ma siamo alle solite: la Fessina si distanzia dall'austerita' brutta e cattiva, ma alle cause manco un' accenno, senno' poi je tocca di' che pure l'e e' brutto e cattivo ...

      Elimina
  9. Il salto della quaglia, uno fra gli sport più praticati (...) #megliotardichemai?

    RispondiElimina
  10. :D contrordine compagni!
    " si ode uno squillo a destra... asini-stra uno squillo (alfin) risponde!"

    PS
    non mi formalizzerò troppo ma già mi immagino l'amico imprenditore con cui "litigo" tutte le sante mattine - si abbevera alla fonte repubblichina dell'oracolo di Largo Fochetti - "hanno ragione, è colpa nostra... del nostro dddebbbito pppubbblico, della nostra inaffidabilità..." diventare, hoplà, dopo il prossimo 8 settembre il più fervido fustigatore dell'€urismo germano-centrico...
    ( siccome sono carogna ho registrato le sue attuali autodafé XD )

    Una supplica: qualcuno registri, vogliamo il video :D

    RispondiElimina
  11. Fassina: http://www.huffingtonpost.it/stefano-fassina/da-bruxelles-cecita-ideologica-e-autolesionismo-renzi-reagisca-e-con-il-jobs-act-cambi-verso_b_4903799.html
    Dai su un altro piccolo sforzo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Grazie" alle manovre di Berlusconi e Monti, il debito pubblico italiano è salito dal 104 al 135% del Pil e continua a aumentare. Rimanere sulla rotta dell'austerità e della

      salutazione

      del lavoro vuol dir condannare i nostri figli, non soltanto alle catene di maggior debito pubblico domani, ma anche assenza di lavoro oggi e domani."

      salutazione?
      Un lapsus freudiano?

      Elimina
  12. Sarebbe divertente un bis della gustosa risata che fece in faccia a Boccia quando teneramente e beatamente disse che voleva regalare al figlio il sogno degli Stati Uniti d'Europa... ma chissà se ne è ancora tanto convinto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eggià memorabile: "io ai miei figli voglio lasciare un sogno"

      Invece ai miei vorrei lasciare un futuro.

      Elimina
  13. Pensavo Renzie fosse il nuovo Fonzie piuttosto che lo Schettino di turno.

    RispondiElimina
  14. E' casuale che nel titolo di questo post sia scomparso il '?' presente invece nella locandina dell'evento?
    :-)

    RispondiElimina
  15. A occhio sono 40-45 relatori e dando 10' di spazio ad ognuno significa una conferenza tra i 400 e i 450 minuti, cioè circa 7h, con un intervento a capoccia e senza pote' nemmeno replicare: dire tutto, per non dire un benemerito...

    RispondiElimina
  16. Certo prof che devi proprio avere "l'anticorpi coi controcoglioni" per sopportare certi minuscoli personaggi tipo Boccia e compagnia brutta..
    Ma come cazzo fai?
    C'è un segreto?
    No perché io se devo parlare con dei coglioni, allora parlo coi miei.. abbasso la testa verso il basso e ci dico due parole.. almeno nun me rispondono.
    Tu invece hai la capacità di restare calmo di fronte all'imbecillità, cosa per me inarrivabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per esserti accorto della mia pazienza (un dato caratteriale che per lo più sfugge ai miei interlocutori). Se non volete che la perda, però, vorrei che foste un pochino meno accesi nei vostri commenti. L'on. Boccia sta sicuramente attraversando un periodo di maturazione e di riflessione, e se non lo sta facendo lui, lo sta facendo la SStoria per lui, quindi è inutile essere aggressivi.

      Apprezzo molto l'immagine plastica del dialogo fra un uomo e i suoi coglioni (che almeno non rispondono), ma in questo momento... mi diverto di più quando parlo con chi mi risponde!

      Se non vi date una regolata, mi sarà impossibile alzare il livello del dialogo, perché mica possiamo diventare una versione etnicamente ripulita del Pollaio der Cotenna, no? Non posso invitare persone di livello in un posto nel quale non andrei...

      Se semo capiti?

      Bene?

      Ok.

      Elimina
    2. In effetti mi ero subito "pentito" del tono, ma una volta inviato non si può modificare o cancellare un msg.
      Prenderò un po' di bromuro per rispetto della serietà di questo luogo e di chi lo frequenta, ma certe persone (on. Boccia e tanti altri) mi mandano in ebollizione il sangue.
      Non tanto perché hanno idee sbagliate, ma perché non si pongono con la necessaria umiltà davanti a un interlocutore, rimangono saldati alle proprie posizioni in modo preconcetto e fazioso.

      A parte questo, se semo capiti perfettamente.. ricevuto forte e chiaro!

      Elimina
  17. A dibattere con economisti "tolemaici"..... In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  18. Lo sapete chi sarà il peggiore? Su dai che lo sapete. Bisogna uscire da qui e non da lì. Si n'zomma, quello abituato a mettere i puntini dove mancano le i.

    RispondiElimina
  19. C'e' pure Galli! In che versione sara' , negazionista o riposizionatrice? Questo e' interessante.

    RispondiElimina
  20. Qualcuno faccia qualcosa... perché io vorrei vederlo sto dibattito.... voglio quantomeno sentirlo!

    RispondiElimina
  21. Segnalo la seguente chicca: che i crediti di qualcuno siano i debiti di qualcun'altro e che la cosa ci stia stritolando ora lo dice anche il ministero dell'economia tedesco ... poveri piddini, come faranno a salvarsi dal fango della SStoria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Lo stesso documento governativo accenna solo marginalmente alla responsabilità delle aziende tedesche e riconduce le cause a una "serie sfaccettata e complessa di fattori". Tra queste la scarsa capacità competitiva degli altri Paesi e delle loro imprese, incapaci di reggere il confronto con la dinamicità delle aziende tedesche."

      La questione è razziale, chiaro?

      Elimina
    2. certo, la bugia del Nord va' difesa anche quando l'€-titanic affonda!

      Elimina
  22. Manca il pupazzo Uan e poi ci sono tutti...

    RispondiElimina
  23. Visto il numero inconsueto di partecipanti, quanti giorni rimarrete riuniti in assemblea?

    RispondiElimina
  24. Fassina, folgorato sulla via di Damasco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene. Che problema ci sarebbe (se fosse, per quando sarà)?
      Ognuno di noi è stato folgorato sulla sua propria via di Damasco, per qualsiasi evenienza personale o motivazione sia capitato, o siete nati tutti antieuro? Io no.
      Fassina non è il benvenuto? E' uno in più (e uno che conta, peraltro).
      Che fatica aprire gli occhi a uno in più. Ognuno nel suo piccolo è stato deriso, avversato o nella migliore delle ipotesi considerato come uno stravagante (noioso) per l'idea blasfema di uscire dall'euro (e dall'UE), tirando fuori l'argomento nei contesti più impensabili, dal macellaio, al dipendente, al cliente, alla madre del compagno di scuola dei figli, ecc. E con quale titolo poi, arrogarsi di prendere una posizione controcorrente su temi economici, senza alcun titolo accademico in materia!
      Poiché vogliamo, credo, che la più gran parte della popolazione italiana comprenda quale sia la causa della crisi e quale la soluzione, dobbiamo accogliere con soddisfazione ogni noeuro, anche se dubitiamo della "purezza" delle motivazioni, senza tante dietrologie.

      Elimina
    2. Più che di un Saulo, mi dà l'idea di un povero Faust che si sta accorgendo che l'anima era un prezzo un po' alto...

      Elimina
    3. Sai chiara ped, è proprio sulla "purezza" delle motivazioni e sull'onesta intellettuale di chi avendo compreso, non il problema macroeconomico (quest'ultimo gli era noto da anni), ma il cambiamento di clima in atto che si innesta la mia polemica. Vedi anche Alemanno,o meglio Salvini.
      Un redento, abbandonerebbe la scena politica per una violenta crisi di coscienza. Codesti si preparano al cambiamento adoperandosi per la conservazione del loro status.

      Elimina
  25. Il FQ da conto di una manovra a tenaglia sull'Italia per la patrimoniale:

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/03/05/patrimoniale-lultima-spiaggia-di-renzi-che-piace-tanto-alla-germania/889585/

    Come volevasi dimostrare ...oro alla Patria

    RispondiElimina
  26. Avete letto l'ultima del Beppe? Imperdibile!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poveretto.... vedremo cosa scriverà quando scoprirà l'esistenza della "greenshoe"

      Elimina
    2. Riserva frazionaria?
      Secondo me una questione da affrontare, ma quel tono lì non da nessuna possibilità di risoluzione, sembra un triste annuncio, qualcuno direbbe menagramo d'un menagramo.

      Elimina
    3. Ma carissimi! Ci sono decine e decine di blog di dilettanti che ne parlano! Accomodatevi... Tornate all'oro e alla riserva al 100% (ma prima accatastate molta legna in legnaia: l'inverno sta finendo, però poi torna...).

      Elimina
    4. Esatto, se non ci fosse la ris. fraz. non ci sarebbero nemmeno i prestiti ed è chiaro che la ris. fraz. da sola fa ben poco come già ampiamente dettagliato in questo blog.

      Elimina
  27. :D i figli della Leopolda li va già a trovare...

    Che nemesi per il Partitone... l'ex virgulto Migliorino passito a cianciar di ulivi e amenità bucoliche col Friedman e Il Giovin Astro, già ex balilla AGESCI, a seppellire definitivamente cotanta istoria nella riedizione 2.0 scarsa del ventennio dell'era dei treni in orario... XD

    RispondiElimina
  28. Oggi un pensiero mi ha colpito come un sasso alla testa, ne ho ancora il segno. Dopo "la banalità del male", e "la banalità della banana" (quella presa in quel posto dalla maggioranza di noi), "la banalità del banale", ovvero come spiegare tutta questa sofferenza inutile senza neanche avere chessò un
    piano per il dominio del mondo, ma solo un piano secondo il quale noi dovevamo entrare nell'euro perché sarebbe convenuto alla Germania e quindi di riflesso avremmo avuto i posto tra i beati in Europa. Solo che il riflesso non c'è stato; in compenso c'é stato il riflusso. Gastrico. E quindi benvenuto a Fassina figliuol prodigo.... non si offenderà se non ucciderò l'agnello.... quello "so' se o magnati da 'mpezzo".

    RispondiElimina
  29. Non so se sia già stato notato che l'immagine del Titanic (che va a schiantarsi contro l'iceberg) è mutuata dal dialogo che Bagnai ebbe con Fassina a Servizio Pubblico.
    Omaggio silenzioso e prudente, sia pure con punto interrogativo, al prof, vedi mai che abbia ragione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente è un omaggio al titolo del libro di Vladimiro (che non aveva il punto interrogativo). Avesse voluto omaggiare me, avrebbe intitolato: "Il tramonto del PD?". Ma non chiedo tanto!

      Elimina
    2. Non mi piace il paragone col Titanic. Certo, calza ora che sappiamo come andò a finire quella storia. Stupefacenti le attinenze esposte da Piga, ma col senno di poi.
      Per l'Europa dell'euro è arduo avvalersi dell'alibi della concomitanza di una serie di circostanze avverse. Già dal giorno del varo si sono trascurate le mappe, che segnalavano la presenza di secche sulla rotta, e gli esperti, che avvisavano che la stazza non avrebbe retto la forza di una tempesta atlantica.

      Elimina
  30. Grazie del chiarimento: ignoravo il libro di Giacché, di cui conosco solo Anschluss.

    E' sempre un interrogativo, cauto, circa posizioni loro proprie tuttora non messe in dubbio e finora graniticamente propalate, la prima ipotesi pubblica che forse qualcosa non va.
    Sono curiosa di vedere se e come ci sarà una ricaduta sullo zoccolo duro dei "seguaci", Fbookiani e non.

    RispondiElimina
  31. Unica consolazione è che la prima ad incocciare sarà la Padoan-Polena ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La fine del sorcio la fanno sempre i passeggeri di terza classe dei ponti inferiori, ricorda, e, al massimo, i poveracci coperti d'olio della sala macchine che eseguono ordini senza vedere la rotta. Di comandanti disposti a morire con la nave non mi pare di vederne.

      Elimina
  32. Cuperlo non potrà che deludere. Auguri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ha detto delle stupidaggini. D'altra parte, vi rendete ben conto che due anni fa un incontro del genere non sarebbe stato concepibile, e molto è anche merito nostro.

      Elimina
  33. Ho appena ascoltato il primo giornalista: diamogli pure l'attenuante di non aver potuto studiare come noi, ma non sa nemmeno parlare!!!
    E nemmeno si è preparato, nonostante il tempo per rimuginare le sue considerazioni e magari scriverle su un foglietto, esercitarsi ad esporle o anche solo a leggerle.

    Quasi ho nostalgia degli "interventi" di molti compagni, circostanziati e millimetrici e detti tutti di fila: eh già, non ci sono più le assemblee di una volta (pensiero nostalgico).
    O sarà invece che questi balbettanti sono figli di quelli là, solo che ora la moda è questa? (pensiero reazionario).

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.