Per sostenere questo progetto contribuisci ad a/simmetrie.

lunedì 3 dicembre 2012

Modicum, et vos videbitis me

Intanto vi ringrazio per la partecipazione. È stato bello incontrarvi, spero vi sia servito a stringere relazioni e soprattutto a rafforzarvi nella speranza che possiamo riuscire a fare qualcosa, per un motivo tanto semplice quanto evidente: siete la parte migliore della nazione. Non ve lo dico io: è quello che qualsiasi persona (collega o meno) si sia avvicinato a questo blog ha immediatamente percepito e mi ha immediatamente riferito, meravigliandosi e complimentandosi. Il livello delle discussioni in giro per il web spesso è questo, ma qui immondizia simile non se ne trova, un po' anche perché non è ammessa (e ormai, sapendolo, non bussa più nemmeno alla porta).

Quindi, sì, forse sarà un po' anche merito dell'aver condotto il blog con mano ferma, ma che il risultato sia stato superiore alle aspettative lo prova il fatto che dopo un anno sono ancora qui a interessarmi di questa cosa che in fondo non mi interessa, e l'interesse me lo avete contagiato voi.

Di fatto, la moneta buona ha attirato quella buona. Meglio così. Gli argomenti dei simpatici "un'altro" che ogni tanto bussano a questa porta o su Twitter vanno dal fatto che sono senza capelli, al fatto che siete dei seguaci decerebrati di un guru (calvo), al fatto che ce l'ho piccolo (ovviamente non l'ego)... Con argomenti di questo tipo, ed eterografie di kuesto tipo, difficile dubitare di essere dalla parte della ragione!

Penso che anche per i miei colleghi due giorni fa, come per me da un anno a questa parte, lo spettacolo di una platea così composita, così interessata, così interessante, possa essere stato un'esperienza significativa, e una conferma del fatto che dedicare un po' di tempo alla divulgazione sia, oltre che un ovvio dovere civile, anche una fonte di enormi soddisfazioni umane e personali. Molti lo sanno perché ci si dedicano già, come Gennaro, o Claudio, o Lidia, e ad altri avete chiesto voi di dedicarcisi, aprendo un blog, come a Cesare Pozzi.

C'era il rischio che l'evento fosse un po' troppo "nostro", ma mi sembra che si sia "aperto" con grande ascolto e grande attenzione ai contributi scientifici degli altri partecipanti, che mi son sembrati contenti (non ho ancora fatto in tempo a ringraziarli tutti).

Avrei voluto avere più tempo a disposizione per ognuno di voi, ma appunto, ora parliamo di questo. Vi segnalo i miei prossimi appuntamenti, con annesso social programme nel corso del quale sarà possibile passare un po' di tempo insieme, ma, spero per parlare d'altro!

Perugia, 6 dicembre

Alle ore 17:30, presso il 110 cafè (via Pascoli), presentazione del libro in collaborazione (forse) con la Libreria Grande.



Spero di rivedere i vari amici umbri (Giuseppe, pilon, xabax, ecc.). Appproposito: potrei avere bisogno di ospitalità per il 6 notte.

Parma, 11 dicembre

Alle ore 17:30, presso l'Aula congressi della Facoltà di Economia, incontro dibattito Crescere di può. Con o senza euro?, promosso dall'Associazione Tyche. Partecipa il prof. Francesco Daveri, che presenta il suo libro Crescere si può, modera il prof. Giulio Tagliavini, che ringrazio per l'invito. Ho una mezza idea di fermarmi il giorno dopo a Bologna a pranzo col noto provocatore Guerani, se c'è qualcun altro che è del parere fatemelo sapere, ma non fatemi far tardi, perché poi c'è:

Roma, 13 dicembre

Alle ore 17:00, presso i Magazzini Popolari di Casalbertone (l'indirizzo non me l'hanno detto perché sono piddini, quindi sanno di sapere, ma non sanno che io non so, e su Internet non si trova), presentazione del libro con nientepopodimeno che due complici, volevo dire, membri del governo Prodi (dai, compagni, si scherza): Alfonso Gianni e Paolo Ferrero (più una probabile comparsata di un economista "de sinistra" che però mi ha dato un preavviso di buca, forse perché la vista del sangue lo turberebbe... si rischerza, ovviamente). Poi ci si riposa e si parte per Milano dove il 14 sono in diretta su TeleNova (che potete vedere anche sul digitale terrestre), e poi avanti verso nuove avventure:

Milano, 15 dicembre

Alle ore 17:30, presso la Sala Buozzi della Camera del Lavoro di Milano, Corso di Porta Vittoria 43, incontro Uscire dall'euro, con presentazione de "La trappola dell'euro" e "Il tramonto dell'euro". Introducono Andrea Fumagalli e Claudio Messora.

Attenzione: qui i costi li dobbiamo coprire noi, perché la sala non è gratis. L'organizzatore, Paolo Cianciabella, ha attivato una raccolta Kapipal con contributo minimo di 5 euro. Chi preferisce può fare un bonifico sul conto Banca Etica IBAN IT76V0501801600000009000177, o fare un versamento in contanti sul posto. Mo' nun famo come ar solito, che siete partiti che in teoria volevate fa' li banchetti pe' raccoje 50 euri, e adesso in pratica nun ne cacciate manco cinque... Paolo è stato molto cortese, si è anche incaricato della diffusione dei testi, non fategli mancare il vostro supporto.

Ma non finisce qui: Genova 20 dicembre

Eh già! Anche Genova. Ma i dettagli li sto aspettando. E poi Pescara 29 dicembre, e una località segreta della Toscana (in mezzo alla Toscana) il 12 gennaio, e... insomma: 'sta storia che Bagnai nun va dar popolo ha dda fini'...



225 commenti:

  1. Fatto. E credo proprio di venire (a Milano) salvo contrattempi dell'ultimo secondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Si', fa 'n po' come te pare... A mme chi mme cerca me fa un favore, e chi nun me cerca me ne fa due...




















      (Ci hai creduto?)

      Elimina
    2. Sì ci sono cascata... c'ero rimasta malissimo! Ahahhahahah

      Vedo che è di ottimo umore e in forma smagliante! Perugia le ha dato la carica, eh?
      Bellissimo l'articolo del Fatto, sempre più esplicito e coraggioso! invece con il libro sono ferma...

      Elimina
    3. Silvia non mi confondere i novizi: semmai Pescara ha dato la carica al Cav. Nero, che invece sarà a Perugia domani, 6 Dicembre 2012.

      Elimina
  2. Salve professor Bagnai, innanzitutto grazie per la sua opera di divulgazione ( si seulement il y avait plus de personnes comme vous!). Vogliamo organizzare delle conferenze incentrate sui temi del blog e del libro e volevamo sapere se conosceva economisti su Pisa o Firenze che possano intervenire ed illustrarci la situazione reale, insomma le cose si muovono.

    Poi se vieni qui in Toscana direttamente lei è meglio...

    Grazie ancora!

    RispondiElimina
  3. Si Prof., Napule ti aspetta. Siam mica piddini da abbandonare al loro triste destino ;-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora organizza. Vedi il Cianciabella a Milano? Seguite l'esempio della capitale morale...

      Elimina
    2. Organizzo molto volentieri. Avrei bisogno però di qualche indicazione: date in cui sei disponibile etc.

      Possibile organizzare una presentazione anche a Salerno, magari proprio nel campus.

      Aspetto indicazioni.

      Elimina
    3. Organizziamo allora! Qui c'è da rifare oltre alla Lira/Fiorino/Ducato che dir si voglia, pure il Tornese. Perché se il protezionismo Brancacciano non basta (posizione goofynomicsiana), qui ci vuol la Banca nazional-meridionale e moneta annessa per uscire dal guado.
      Contiamoci! Noi PIGS al quadrato abbiamo parecchio da dire...

      Elimina
  4. Nelle discussioni che riguardano la crisi dell’euro l’Italia viene spesso abbinata alla Spagna alla Grecia etc. Ma la storia è del tutto differente. Non ci sono stati massicci afflussi di capitale; il debito è elevato ma non lo sono i deficit. Ciò che più colpisce dell’Italia è l’andamento notevolmente fiacco della produttività a partire dalla metà degli anni ’90.Paul Krugman
    http://keynesblog.com/2012/11/30/paul-krugman-sullitalia-e-se-il-crollo-della-produttivita-fosse-solo-apparente/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ragazzi, ormai siete grandi, è ora che sappiate che Krugman è neokeynesiano, non postkeynesiano (che poi vorrebbe dire keynesiano e basta).

      Elimina
    2. qua il riassunto di un interessantissimo dibattito tra Steve Keen e Krugman sulla endogenità/esogenità della moneta.
      Molto divertente :D

      http://unlearningeconomics.wordpress.com/2012/04/03/the-keenkrugman-debate-a-summary/

      Elimina
    3. Per completare... neokeynesiano vuol dire neoclassico.

      Elimina
    4. Esatto. Infatti il famoso Aristide è un neokeynesiano. Chiaro, no?

      Elimina
    5. Un buon indizio per indagare una delle poche identità ancora ignote...(la curiosità non è solo femmina).

      Elimina
  5. Sappi che 'l vaso che 'l serpente ruppe
    fu e non è; ma chi n'ha colpa, creda
    che vendetta di Dio non teme suppe

    Questi che ci hanno portato in questo casino resisteranno fino all'ultimo: "vendetta di Dio non teme suppe". So' cazzi, so'!

    RispondiElimina
  6. In mezzo alla toscana? viene a casa mia professore?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lievemente ad ovest, se non ricordo male (dove abiti).

      Elimina
    2. Se ha ancora bisogno di alloggio a perugia un mio amico che porterò alla presentazione sarà lieto di ospitarla

      Elimina
    3. Mi ospita un collega, che sta un po' a sud, così il giorno dopo sono di strada.

      Elimina
    4. Prof., non mi dica che c'è un professore a Perugia che la pensa come lei?! Sarebbe luce nel deserto!

      Elimina
  7. Altro che agenda Monti, vedo che l'agenda di Bagnai è sempre più fitta per fortuna. Io se riesco una scappata a Milano la faccio ma non posso garantire.
    Professore ma a tutti quelli che parlano del fantomatico DIVIDENDO dell'euro,io vorrei parlargli del SOTTRAENDO dell'euro, cioè di tutti lì sordi che c'hanno torto e ce tojeranno da e tasche !
    Ma vallo a spiegare ai Piddino, ai Grillini, ai Sellini, ai Pidiellini, ai Fema Declini e a tutti i cretini che fuori dall'euro c'è a guera civile e o Zimbabwe !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A questo proposito vorrei proporre l'organizzazione dell'iniziativa umanitaria (pro bono nostrum naturalmente): invia anche tu un cosino in Zimbabwe, sottotitolo così la smette di rompere i coglioni.

      Elimina
  8. Farò di tutto per esserci a Roma, e se serve credo l'indirizzo sia "Via Baldassarre Orero" civico 61.

    RispondiElimina
  9. Ma se ghe penso... allora, Profe, ci vediamo lì, e non dia buca con la faccenda che siamo sparagnini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi sei genovese? Non farmi parlare delle mie esperienze...

      Elimina
  10. Prof, che belle notizie! Già Genova è più raggiungibile per me, Parma credo pure e se viene in Toscana...il top! Spero di poter passare prima della fine dell'anno, così magari ci si scambia pure gli auguri.

    Le faccio sapere in anticipo, chiaramente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Casa mia..."mia" è in Sicilia ma io sto a Pisa! Per Parma comunque non ci saranno problemi, dei miei amici vivono a Colorno (15 km da Parma) e mi ospitano loro (ho colto l'occasione per unire il loro invito a passarli a trovare ed il suo a venirla a sentire)!

      In Toscana immagino non ci saranno problemi a prescindere e se ci saranno non sarà per colpa mia (ma per colpa di Trenitalia)

      Quindi a Parma la passo a salutare sicuro, per la Toscana devo prima sapere con esattezza il dove. Ma non penso ci saranno problemi.

      Elimina
  11. Che cazzo è la "moneta debito" di cui parla il monnezzaro? mah...
    Sono stato a Roma alla sapienza, sono rientrato felice.
    Grazie Professore, per me il blog ha dato decisamente oltre quello che uno normalmente si aspetta da questo tipo di fonti, a segno che dipende chi c'è dietro; delle "armi" qui distribuite io ne faccio tesoro ogni giorno.

    RispondiElimina
  12. Ciao Alberto volevo chiederti se è possibile riprendere la presentazione da parte della troupe di Trg per farne un servizio. A te non dico un'intervista ma almeno due domande te le potranno fare? Sarebbe utile per la nostra regione... mi dispiace ma non ho possibilità di ospitarti ho casa senza riscaldamento (sai la crisi....) e non è adatta per gli ospiti visto che farà freddo, io ci sono abituato oramai....ma gli altri....Si andrà a mangiare assieme? Spero di si! Comunque se ti dovesse servire ,una soluzione la possiamo trovare. Salto i complimenti per il Goofycompleanno,a volte il tuo blog sembra un cesto di lumache...piuttosto preparati! qualche anatroccolo in muta ci sarà a sentirti, non essere troppo duro però, mi raccomando, sono bravi ragazzi tutto sommato....magari poi non ti faranno domande!
    Un saluto
    Giuseppe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per le riprese penso proprio di sì. Per l'ospitalità non preoccuparti. Per i vari donaldisti anonimi (quelli che hanno deciso di smettere) la cosa più importante da far capir loro, visto che sono partiti dalla scelta di un guru, è che il problema non è se il guru dice cazzate o meno (e il loro le dice): il problema è che devono ragionare con la loro testa. Quindi io di base li mando al diavolo, poi se tornano si vede.

      Elimina
    2. dare fiducia ad una persona che non la merita non è una colpa, il problema è quando non si capisce quando la si deve togliere.....

      Elimina
  13. Se le interessa un'amica a cui ho provato a far leggere il bellissimo post "Il romanzo di centro e di periferia" la accusa di essere un sessista misogino per aver detto che il centro è maschio e la periferia femmina. Poi mi ha mandato il link di fermare il declino...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che gentile! Prima ti ha dimostrato di essere un'idiota, e poi ti ha dato la prova del nove, caso mai ti fosse rimasto un dubbio... Sì, direi che tutta la letteratura è sessista, tranne Saffo (e giù di lì), dato che i protagonisti normalmente sono di sessi diversi, anche quando l'autore preferirebbe di no (vedi Proust). Capisco sempre meglio perché abbiamo l'euro, grazie! E sono contento di sapere che i fermatori hanno almeno una elettrice. L'ultima dei loro cani (parafrasando un noto titolo).

      Elimina
    2. Secondo me la tua amica scopa poco...

      Elimina
    3. Così, a occhio, visto che tifa per "fermare il declino" mi viene in mente che potrebbe essere molto siliconata e collagenata... Quindi non contate su di me!

      Ma non voglio fare illazioni. Il mio dovere è invece quello di impartire una severa reprimenda a frate Alex per la sua battuta sessista! Penitenziagite!

      Che tte porto da Roma, oltre alla panza?

      Elimina
    4. A proposito di sessismo, ma anche di tesori femminili sepolti a Pescara, domenica ho fatto un giro turistico per la città: lungomare, pineta dannunziana, quartiere INA Casa, museo Cascella naturalmente chiuso, mercatino delle pulci e infine la casa natale di D'Annunzio. "Casa borghese ottocentesca di provincia" opprimente per le sue dimensioni, per le camere passanti e per l'arredo ancora prima che per le persone che la abitavano... comunque non so perché ho avuto il privilegio di una simpaticissima visita guidata offertami dalla più giovane delle custodi che a un certo punto si è trasformata in una appassionatissima critica della concezione che il vate aveva della donna, dell'amore e del sesso... dopo circa un'ora ho avuto l'impressione che saremmo passati a una dimostrazione pratica ma purtroppo il treno stava per partire. :)

      Insomma, se vi capita andate a visitare la casa natale di D'Annunzio ma chiedete la visita guidata! :)

      Elimina
    5. Giorgio te possino: 'o vedi che quando vuoi sei precisazionista per le cose giuste?!?

      Elimina
  14. Mr. Goofy,

    quando a Venezia? Magari all'Arsenale che fu una grande impresa pubblica dove hanno inventato la partita doppia e ragionato sull'organizzazione aziendale. Qui il tramonto è molto bello e i Veneziani sono stati sempre curiosi alle novità ed al sapere che venivano dalla campagna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La risposta è semplice: quando i veneziani organizzano qualcosa. Faccio già l'autore, l'agente librario, il fattorino (filmato da Lidia Undiemi), l'autista, lo sguattero, il cuoco, il baby-sitter, il clavicembalista, l'organizzatore di convegni a casa mia... A casa degli altri ci devono pensare gli altri! Coraggio, ragazzi, dateve da fa'...

      Elimina
  15. Purtroppo buona parte dei commenti sul web sono influenzati dalla интеллигенция imperante. Quindi .. indulgenza? Personalmente la mia simpatia per Grillo ed i Grillini è direttamente proporzionale al fastidio che stanno suscitando nei dottor Purgon/Don Mariano assiepati al capezzale del malato (purtroppo tutt'altro che immaginario).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, facevo anch'io questo ragionamento, solo che non detesto abbastanza la moglie-Monti perché tagliarmi i coglioni con Grillo sia una strategia praticabile. Ho descritto chiaramente il come e il perché ho cambiato idea, ma questo non vuol dire che debbano cambiarla anche gli altri!

      Elimina
    2. Beh, l'ipotesi da Ella paventata fu felicemente praticata qualche anno or sono da un suo illustre Collega. Ma certamente un Grillo non vale una Eloisa.

      Elimina
  16. E a Milano conto proprio di esserci anch'io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora caccia li sòrdi... Non mi lasciate solo il soldato Cianciabella...

      Elimina
    2. Non si preoccupi Prof. A casa mia, come a casa sua, la mia agenda va verificata sempre con quella della moglie :-) Appena ho l'ok provvedo con il versamento :-)
      (e se non posso lo faccio lo stesso)

      Elimina
    3. Eh sì, sono su quella strada :-)

      Prof, tra viaggi all'estero per lavoro, corse podistiche in giro per la Lombardia, ringrazio il cielo che i miei figli sappiano ancora come mi chiamo!

      Intanto ho provveduto a cacciare i sordi!

      Elimina
  17. In Toscana penso proprio di venire a meno di contrattempi... Sil-viar sei pronta?????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stavolta mi tocca venire con figliola e cagnaccino... (è la mia famiglia quella raffigurata accanto al nome)

      ...Vediamo se riesco a organizzarmi (per Pescara ho impegnato 3 amiche).

      Elimina
  18. Per il 12 gennaio in Toscana, ordini da evadere permettendo, vedo di passare le consegne e uscire dalla trincea (chiassa' perche' penso sara' a Siena.....)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma porterà anche dei libri da vendere visto che qui al momento si trovano con difficoltà?

      Elimina
    2. Sta discriminando i toscani ;-)
      sono gli unici a non conoscere la località; ci dia un altro indizio......

      Elimina
    3. Tu dimmi dove abiti (comune) e io ti dico quanti chilometri devi fare...

      Elimina
    4. Prof Bagnai io abito vicino all'uscita a1 valdichiana..quanti km da li?(se non è segreto )

      Elimina
    5. Da Sinalunga son 90 km (devi passare da Siena): un'ora e venti minuti.

      Elimina
    6. Geometricamente parlando direi proprio al centro (della Toscana): Poggibonsi. Ho la vaga impressione che i km saranno circa 30..... mi sbaglio?

      Elimina
    7. Voto per Poggibonsi. Sono 10 minuti. Posso ospitare qualcuno. Ottima cucina e ben referenziata (se questo aiuta)

      Elimina
  19. Professore, piccolo particolare, forse OT, forse no, io ci provo: checchè ne dica il nemico Lei non è calvo, proprio no, ha solo la fronte molto spaziosa e aggiungo NON inutilmente, ecco da dove nasce l'invidia. (Per i più giovani ricordo Fortebraccio, corsivista dell'Unità anni 70/80, che definiva Tanassi, ministro della Difesa socialdemocratico, 'dalla fronte INutilmente spaziosa'.)Saluto con un volterriano "écrasez l'infa^me".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male che qualcuno se n'è accorto!

      Elimina
    2. Ancora di Fortebraccio: -Lo sportello dell'auto si aprì e non scese nessuno, era il ministro Tanassi.-
      Bei tempi! i piddini erano i socialdemocratici, i piccini stavano studiando per....

      Elimina
    3. Avevo notata anch'io la non calvizie, ma non ho osato fare un'osservazione così personale.

      E poi il prof dice che siamo pettegoli!

      P.S. Pescara è stata anche questo divertimento, oltre al piacere di conoscere alcuni portatori di nick. Per timidezza non sono andata a leggere tutti i cartellini, ma solo qualcuno. Alla prossima.

      Elimina
  20. Fantastico Prof, ci vediamo a Parma lì ci sarò sicuramente, a costo di venirci in bicicletta! Magari cercherò di portare qualche proselite, dubito di riuscirci, tuttavia mai dire mai.

    RispondiElimina
  21. Mi scusi Prof, mi piacerebbe moltissimo anche venire a pranzo a Bologna, purchè non si vada a mangiare al Baglioni...in futuro ci farà sapere tutte le modalità?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi affido al buon Torny (che il cibo non lo fotografa solo, lo magna pure).

      Elimina
    2. Piacerebbe anche a me un incontro a Bologna, magari solo per un bicchiere. Purtroppo non sono riuscito a venire a Pescara.
      Tito

      Elimina
    3. Il buon Torny l'ho invitato anche a casa mia... Che dici Alberto mi conviene di più comprargli un vestito che farlo mangiare? É logico che se passi da queste parti l'invito vale anche per te... Gemma (mia moglie) ai fornelli é un portento! Piatti tipici del cilento (da dove viene la madre) e della cucina toscana (dove é nata e cresciuta) da le
      ccarsi i baffi... Ora cerco di organizzare qualcosa anche con i miei colleghi vivaisti e poi le faccio sapere...

      Elimina
    4. Se se tratta de m'briacasse io ci sto!

      Elimina
    5. Il vino della casa proviene dalle colline di San Gimignano e l'olio é produzione propria delle colline pistoiesi. Senza limiti di consumo.... Alla faccia del rigor Montis. Siamo troppo più coloriti!

      Elimina
  22. A Milano ci sarò, diffondo l'invito....

    RispondiElimina
  23. Stavamo proprio a 'spettà a lloro.....

    "....there is no presumption that full liberalization is an appropriate goal for all countries at all times....

    Indeed, as the recent global financial crisis has shown, large and volatile capital flows can pose risks even for countries that have long been open and drawn benefits from capital flows and that have highly developed financial markets.
    For example, in several advanced economies, financial supervision and regulation failed to prevent unsustainable asset bubbles and booms in domestic demand from developing that were partly fueled by cheap external financing.
    .....
    The temporary re-imposition of CFMs under certain circumstances is consistent with an overall strategy of capital flow liberalization. In particular, when a country faces an inflow surge or an outflow crisis introducing CFMs may be appropriate under certain circumstances.
    ....
    Policies of countries from which capital flows originate are also relevant, since flows are influenced by both push and pull factors. Push factors include monetary and prudential policies in systemically large economies and global risk appetite; while pull factors include institutions, policies, and macroeconomic fundamentals, including growth prospects, in recipient countries. Empirically, push factors seem to influence whether inflow surges occur and the riskiness of flows, while pull factors determine the direction and magnitude of such surges.
    ...."

    Avvisate Giannino che anche l'IMF è stato infiltrato da pericolosi comunisti.....

    RispondiElimina
  24. Alberto, credevo mannaggia che l'incontro a Perugia si facesse di sabato, perché io giovedì sera sono a scuola ad AR. Comunque cerco di diffondere al massimo - per l'ospitalità, io ho una "casa rurale in corso di ristrutturazione (da una vita)" a circa 50 minuti di macchina da Perugia in quel di Sansepolcro, ma è abbastanza calda. Se la cosa ti può interessare saremmo onorati di ospitarti e Felice (marito) sarebbe felicissimo di trasportarti.

    RispondiElimina
  25. gli ex-paladini del libero mercato?
    Il Fondo Monetario Internazionale ufficializza una svolta storica sui flussi di capitale: misure di controllo possono rivelarsi giustificate e utili per evitare che interi Paesi soccombano a terremoti finanziari. I “capital controls”, dunque, diventano una nuova arma nell'arsenale dell'Fmi a difesa della stabilità di economia e mercati globali.
    http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-12-04/lfmi-volta-pagina-controlli-063901.shtml?uuid=AbPUpu8G

    RispondiElimina
  26. Ok. Sono felice perchè da Repubblica apprendo che lo "Lo spread torna sotto quota 300: per lo Stato un risparmio di 50 miliardi". La matematica non è una opinione ed a me, in qualità di facenteparte del suddetto Stato, spettano 50 miliardi/50 milioni (escludiamo neonati ec.) = 1000 eurozzi. Prevedo un grasso Natale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maddeche! Un misero 0,5% in meno sul decennale (da 5% a 4,5% nel 2007 era 4,8%) 50 miliardi?!? Lo volemo capi' che 'o spread misura la rendita della germania (interessi reali negativi) sul suo debito pubblico! Repubblica peggio di Goebbels!

      Elimina
    2. E quand'anche non c'avesse ragione Marco (ma ce l'ha), quei 50 miliardozzi se ne volerebbero comunque via giusti giusti per la prima rata del ....
      fiscal compact

      Elimina
    3. In quanti anni, se non sbaglio è dal 1999 che paghiamo circa 70 miliardi l'anno (1).

      http://keynesiano.wordpress.com/grafici/

      Elimina
  27. Non c'entra nulla con il post in questione, ma con il tramonto dell'euro sì.

    Nel rapporto di novembre dell'Indipendent Annual Growth Survey 2013 pubblicato dalla Commissione europea, in cui si esamina la crescita economica annuale dell'Ue, c'è un'appendice dedicata alla Germania (pag. 30) dall'eloquente titolo “I nodi vengono al pettine”, in cui si prevede un peggioramento dell'economia tedesca per il 2013.
    Così ora tocca a Merkel fare i “compiti a casa”.
    Il rapporto suggerisce di ritardare il consolidamento fiscale secondo quanto previsto dalle norme di bilancio dell'UE, e constata che le politiche di austerità fin qui perseguite in Italia e negli altri Paesi mediterranei sono controproducenti e concorrono ad aggravare la crisi, anziché risolverla.
    La sostenibilità dei debiti pubblici, si legge nel rapporto, “è uno scopo da perseguire in più anni, rispetto invece all'urgenza attuale di rimediare alla chiusura delle fabbriche e alla disoccupazione”, che sta facendo precipitare il Pil in Spagna, Grecia, Portogallo e Italia.
    Bene, anzi, male. Ciò che un anno fa, qui su Goofynomics, è stato ampiamente evidenziato e previsto si sta verificando. Ma siccome supermario non è intelligente al punto da capire che la sua missione è partita male e finirà peggio, continuerà a dissanguarci inutilmente fino all'inevitabile disastro.
    Meno intelligente di Monti si sta rivelando Bersani che ieri annunciava giocondo la creazione del suo “squadrone di governo”. Inutile precisare che lo squadrone si lancerà sulla strada fallimentare del “rigore” già tracciata da Monti. Destinazione: Balaclava.

    Nota di colore: sabato scorso ha compiuto il proprio volo inaugurale il nEUROn, l'aereo da combattimento europeo...

    RispondiElimina
  28. Attenzione! Ho inviato alla redazione del FQ un nuovo post. Considerando che me lo chiedono da tre mesi, lo pubblicheranno in fretta. Daje a ride! Si ricomincia con Contezeroneuroni e tutta la corte dei miracoli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Professore ma non ho capito una cosa del suo post(quello appena fatto sul fatto), anzi è una cosa che volevo chiedere da tempo, lei scrive :

      "Ma la buona fede, è evidente, non c’è: c’è invece l’ovvia intenzione di favorire i creditori esteri"

      Ecco, ma se tutto questo non ha senso, cioè fà solo danni, ma perchè a Monti , o a qualunque altro tecnico, dovrebbe fregare di garantire i creditori esteri?Che interesse c' è a fare questa cosa?

      Elimina
    2. Stai scherzando, vero? Le parole Goldman Sachs cosa ti ricordano?

      Elimina
    3. Ma davvero una persona può consapevolmente distruggere una Nazione per favorire una banca?
      Non è che forse è veramente convinto(sbagliando) che le sue manovre prima o poi produrranno crescita?
      Sarebbe più logico.

      Elimina
    4. In questo momento siamo già a 200 commenti. Daje a ride davvero Prof.

      Elimina
    5. "Che mi rilieva me che colui che mi offende lo facci per ignoranza e non per malignità?Anzi,è spesso molto peggio,perché la malignità ha e fini suoi determinati e procede con le sue regole,e però non sempre offende quanto può.Ma la ignoranza,non avendo né fine,né regola,né misura,procede furiosamente,e dà mazzate da ciechi".
      (F.Guicciardini,Ricordi,168)

      Elimina
    6. Genewen, applica il rasoio di Occam: " A parità di fattori la spiegazione più semplice è da preferire"

      Ora, qual è la spiegazione più semplice?
      1) che il prode Mario Monti, professore di economia, tenti con tutte le sue forze, ma sbagliando proprio nei fondamentali che insegna all'Università, di salvare l'Italia e gli Italiani;

      oppure

      2) che M.M. risponda agli interessi delle aziende per le quali ha lavorato più o meno ininterrottamente per tutta la vita, e grazie alle quali ha ottenuto il prestigio e la posizione sociale che occupa;

      Occam è Occam ...

      Elimina
    7. Credo che Monti sia convinto sull' austerità come soluzione.
      E' un' idea di Hayek, in contrapposizione a Keynes, il quale credeva che solo con l' austerità le crisi si sarebbero risolte.
      Affermava che inondare di denaro, avrebbe consentito ad aziende non piu competitive di restare sul mercato; non solo, ma si creano i presupposti per creare la prossima bolla.

      Elimina
    8. benedetto, io occam l' ho applicato solo a temi di natura religiosa, ma non credo se ne possa parlare qui nel blog ;-)

      Elimina
    9. Ah, ecco, se applichi la logica alla religione allora capisco bene perché ti poni delle domande inutili. Ma siamo sicuri di sapere di cosa stiamo parlando?

      Elimina
    10. Pochi interventi e mi hanno già bloccato!
      Eppure mi sono guardato bene non solo dall'offendere (non sono il tipo) ma anche dall'essere caustico.
      Misteri del FQ.

      Mi consolerò stringendo la mano al Cavaliere Nero (se lui vorrà naturalmente!) in occasione della data Toscana (per caso in zona San Gimignano o Chianti intorno ad un bicchiere di vino buono? :)

      Se non è troppo presto per saperlo ha mica un orario approssimativo dell'evento?
      Al lavoro stanno già preparando i turni di gennaio e nel mio settore si lavora in egual modo anche le notti ed i festivi.

      Valter

      Elimina
  29. http://ec.europa.eu/news/economy/121129_it.htm

    Gustavo Piga di tutto il mondo, unitevi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "God save thee, ancient mariner!
      From the fiends, that plague thee thus!--
      Why lookst thou so?" "With my crossbow
      I shot the albatross."

      (ma se non sei venuto a Pescara nun la poi capi'...)

      Elimina
    2. "With heavy thump, a lifeless lump, They dropped down one by one"
      ... magari fosse... sul sole24h Lops produce un "tie' (ci manca giusto una foto sua mentre fa le corna), l'estate e' passata, lo spread e' calato e l'euro è ancora qua alla faccia di Roubini, Feldstein e tutti gli altri uccellacci del malaugurio"...

      Elimina
  30. Ospitalità? mi casa es tu casa, e organizziamo anche una sonora magnata (e bevuta). La mail ce l'hai, il cell pure mo' vedi te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma il riscaldamento ce l'hai? Sto facendo arbitraggio fra andare a Nord e stare al caldo, o andare al Sud e stare al freddo. Poi ti chiamo...

      Elimina
  31. Casal Bertone, ma vieni! Più popolo de così!
    "Mangiato che ho, ritorno nell'hosteria: quivi è l'hoste, per l'ordinario, un beccaio, un mugnaio, dua fornaciai. Con questi io m'ingaglioffo per tutto dí giuocando a cricca, a trich-trach, e poi dove nascono mille contese e infiniti dispetti di parole iniuriose;"

    Ricordo ai lettori atei, miscredenti e materialisti come me che il 13 dicembre è Santa Lucia, e non è un caso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e che io nacqui per lui.

      L'anacoluto più intenso della nostra letteratura. A vederti nun te davo du' lire, e invece guarda un po', ti scopro parte dell'élite! ;)

      Elimina
    2. E' perché so' stato fortunato con i professori; tu sei il terzo, in ordine cronologico, che mi cambia la vita (@ giuseppe mattoni, niente bava, solo gratitudine, ho già dato e non mi serve un cazzo). Cmq all'università sono stato buono e non ho chiesto nulla perché non mi sembrava il caso, ma a casal bertone la copia con dedica te la vengo a battere prof,me l'hai promessa di tua sponte! ;)

      Elimina
  32. A Milano: presenti! Ottima anche la sede, tutte le cose serie si fanno lì. Anzi, stasera faccio subito il bonifico, che verba volant. Sto spargendo la voce e raccogliendo amici, scelti con cura tra quelli intelligenti (che le obiezioni stupide prima mi divertivano, poi mi irritavano, ora mi fanno venire male al fegato).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinite stolidos venire ad me... che ce pensa er cavajerenero!

      Elimina
    2. Conto di venirci anch'io.... a proposito, domanda stolida: la sede non è una libreria, ma ci sarà la possibilità di acquistare il libro?

      Elimina
    3. Sì, a Milano sì, a Perugia forse, a Parma no, e Roma... non pervenuto.

      Elimina
    4. Confermo, sono arrivate oggi 35 copie all'organizzatore, Paolo Cianciabella, quindi a Milano le copie ci sono.

      Elimina
  33. @Genewen
    mi perdoni.. ma cosa sa di Monti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poco so di Monti, sinceramente il suo curriculum non l' ho studiato. Lei sa molto?
      Ce lo spieghi allora , ascolto volentieri.
      Io credo che lui sia un convinto Neoliberista e che crede alla sua teoria economica(sbagliata).
      Non credo, o non voglio credere, che sia andato li dicendo :
      "Ok, faccio il mazzo a questi italioti stupidi così goldman mi rinnova il contratto da 1000000 di euro".
      Lei come la pensa?

      Elimina
    2. Mi dispiace, genwen, o sei troppo ingenuo, o sei un troll. Il tuo percorso per ora finisce qui. L'alternativa che tu poni è insulsa, i meccanismi attraverso i quali il potere economico condiziona gli equilibri politici sono più raffinati e pervasivi, io ho aperto il blog per parlare a chi queste cose le capisce, non mi interessa spiegarle a chi non vuole capirle. È stato bello.

      Elimina
    3. Perchè troll?Io sono venuto qui per imparare, non ho offeso nessuno(nè fatto battute su nessuno).
      Non è vero che non voglio capirle, certo che se ci sono dei meccanismi reffinati e pervasivi all' inizio può darsi che non si capiscano bene, e si può anche chiedere qualcosa che sembra sciocco a chi li sa.

      Elimina
  34. Contributo versato (prima pago, poi commento). Vedo di portare altre persone.

    RispondiElimina
  35. L'incontro a Roma del 13 Dicembre potrebbe rappresentare un svolta per la presenza di Paolo Ferrero che durante la trasmissione Ultima Parola annuiva con il capo ogni volta che il professore diceva qualcosa. Potrebbe essere l'inizio di una presa di posizione contro l'euro da parte della sinistra italiana o mi sto illudendo? Comunque farò di tutto per esserci. Ad maiora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non ricordo male proprio durante quella puntata de l’Ultima Parola; il buon Ferrero, oltre ad annuire con espressione vagamente “sevedevista” (Borghi copyright)e sigaro d’ordinanza stretto fra le dita; aveva confidato fuori onda al professore di essere sostanzialmente d’accordo con lui ma che i tempi non erano ancora maturi per una battaglia politica di questo tipo (immagino secondo una sottile e ben ponderata strategia dello stesso…). Ora, verrebbe da consigliare, al leader di un partito che sta al tre punto qualcosa percento, (ma è un consiglio che mi sentirei di dare anche ad altri) che in tema di strategie politiche ci sono senz'altro margini per audaci aggiornamenti…
      Farò di tutto per essere a Genova o a Milano!

      Elimina
    2. Ti stai illudendo. "Della bomba atomica non si parla finché non scoppia", questa è la posizione ufficiale di RC sulla permanenza italiana nell'UEM.

      Se dovesse cambiare la posizione del cartello delle sinistre francesi, magari con il tacito appoggio dei socialisti contrari al "più Europa" (per ora minoranza, anche al governo), a fronte di una eccezionalità politica non più rivendicabile nell'Eurogermania del fiscal compact (vedi recente dibattito sulla necessità di un "accordo sulla produttività" con i "compagni" sindacati - non ricorda qualcosa di attuale nel nostro paese? - l'ormai prossima introduzione dell'obbligo di pareggio di bilancio nell'ordinamento francese e l'allarmante deficit estero da rifinanziare)... allora vedrai che si faranno improvvisamente loquaci sul tema, anzi, loro l'avranno sempre detto.

      Per ora fanno "movimento" (o ammuina?)...

      Elimina
  36. Su Telenova ha fatto il botto dei video scaricati Prof. a gennaio in Toscana perfetto...a occhio, Pisa? Conto di esserci.

    RispondiElimina
  37. The best of youth:)
    E ci siamo tanto divertiti:))))ora però c'ho da fare devo anna' a caccia di piddini su FQ (uno sporco lavoraccio, ma moi c'ho il grembiule rosa shocking).
    Non ho ancora decifrato la frase in francese (non perchè sono cecata , e lo sono, ma per la noncalligrafia) però l'intuito mi dice che è un sottile insultone su moi...c'est l'Ingratitude des Rois.

    RispondiElimina
  38. @Genewen
    poteva essere che il nanetto usasse la politica per i suoi scopi?
    diciamo che ognuno ha i suoi interessi più o meno ignobili.
    c'è da dire che nn è questione solo di GS ma di tutto il sistema che ha condotto Monti al potere...
    su Monti: è una persona che crede in ciò che fa e basta sentirlo parlare.
    quando negli anni 90s parlava di soldi come un bene limitato (come risorsa) si doveva capire cosa aveva in mente.
    e poi non dimentichiamoci che per questa gente deve prevalere la visione di Von Hayek e buffoni simili.

    PS: ma lei risponda.. cosa sa della nostra politica? mi sembra uscito l'altro ieri come se avesse 18 anni!

    RispondiElimina
  39. Prof. Cosa ne pensa del programma ME-MMT? Lei ha descritto in maniere esaustiva le cause della crisi, ma qual'è il vostro programma in caso di uscita dall'euro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senti, insulso e petulante seccatore, questo commento mostra chiaramente a quale livello di ottusità siete arrivati. Ho scritto un libro di 441 pagine per dire qual è il programma, ne ho esposto i contenuti in televisione e nel blog, e tu vieni a chiedermi qual è (senza apostrofo: ma se non foste degli analfabeti non seguireste uno psicopatico e un incompetente) il mio programma? Quello che sta scritto nei libri di economia, bello, non le idiozie miracolistiche di quel poraccio di Mossler. Quanto durerà insieme al noto psicopatico? Quale altra esilarante trasformazione del guru-pensiero ci proporrete? Le tue sciatte provocazioni mi hanno seccato. Stattene a casa tua, che è meglio. Accetta un consiglio, per una volta. Siete inutili, quindi dannosi. Io me ne sono accorto per primo, ma non sarò certo l'ultimo.

      Elimina
    2. E' interessante il punto n. 15: 'l'Italia incoraggera' le importazioni in quanto costituiscono ricchezza reale che entra....'

      Elimina
    3. Siamo al delirio criminale. Chi disinforma, in democrazia, è criminale quanto e più di chi gestisce la cosa pubblica nell'interesse privato dei creditori stranieri, per il semplice motivo che chi disinforma inquina irrimediabilmente il processo democratico. Se non ci fosse stato 'sto cojone, certo non potrebbero liquidarmi come "donaldiano" o "ortottero", no? E voi capite bene cosa intendo quando parlo di movimenti fascisti di intercettazione del dissenso. Significa anche avere un'arma per banalizzare uno dei pochi esperimenti seri di corretta informazione in questo paese. Bene: sappiamo da che parte stanno. Basta non dimenticarsene.

      Elimina
    4. «Ho scritto un libro di 441 pagine»

      Solo 414 pagine, purtroppo...

      Elimina
    5. Hai ragione, non mi ricordavo bene, volevo solo spaventare il giovane: non mi sembra uno che legga libri senza figure, vedendolo corposo magari si sarebbe allontanato definitivamente. Le 27 pagine mancanti le trovi in questo blog.

      Elimina
    6. Pensa che il poraccio è andato a lamentarsi dai troll del FQ. Chi si somiglia si piglia. Per curiosità, visto che anche li continuava con la sua insulsa tiritera, lo ho googlato: ha un passaggio da signoraggista, è evidentemente irrimediabile. Allora ho googlato il suo guru, 'sto Mosler (bucce di post-keynesiani che la vita ha sputato): su EconLit ha meno pubblicazioni di me, e sono per lo più in riviste borderline. Ma... Sarà anche un genio, ma la mia sensazione è che al povero Donald siano rimasti gli scarti. Parla tanto contro gli economisti italiani, e si ritrova uno che sta sotto le mediane della nostra abilitazione nazionale! Non mi sembra un buon segno, anche se è perfettamente compatibile con l'idea balzana che un paese si arricchisca importando. Questi sono fuori come un terrazzo! Guardate la Spagna quanto si è arricchita importando nel XVII secolo (e aveva tutto l'oro delle Americhe per pagare)... Non capiscono proprio niente, non capiscono che l'eccesso di importazioni porta alla deindustrializzazione, non capiscono che le importazioni si pagano, non capiscono che non puoi stampare da te la moneta con la quale paghi se non hai la forza militare per imporla agli altri, non capiscono niente, niente, niente... E per questo sono pericolosi, perché chi non capisce niente è intrinsecamente fascista e violento. Sono molto scontento di tutti i miei colleghi che danno corda a questa gente.

      Elimina
    7. E si è anche offeso perché ho dato del criminale a chi disinforma... Coda di paglia, eh?

      Elimina
  40. l'aspettiamo a Palermo dove e' attesa anche la presentazione del nuovo best seller di Boldrin.
    www.negozimondadori.it/eventi/altre_citta.html

    RispondiElimina
  41. Ho 33 anni e seguo la politica da molto, so bene chi è Berlusconi(e chi sono gli altri), non a caso frequento questo blog, e non il giornale o repubblica.

    Quindi la sua illazione finale gratuita se la poteva francamente risparmiare.

    E poi se Lei dice Monti è una persona che crede in ciò che fà cade in contraddizione quando lo paragona a Berlusconi("che usa la politica per i propri scopi") dicendo che ognuno ha scopi più o meno ignobili, dato che uno che crede in ciò che fà(nel senso che crede che quello che fà sia un bene) non ha scopi ignobili, se mai fà danni perchè il suo pensiero non rispecchia la realtà, anche se lui crede che sia così.

    In definitiva volevo capire se era una questione di ideologia o di interessi privati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che domanda è? Ma cosa significa? Non potrebbe essere questione di entrambi? Comunque, mi sembra sufficientemente chiaro che gli interessi privati c'entrano, no? Hai mai letto un libro, dico uno, cazzo, di storia? Mica pensi che le crociate le abbiamo fatte per convertire i poveri arabi? Ovvio che gli interessi privati c'entrano. Ma di cosa stiamo parlando su questo blog da un anno? Io sono esterrefatto. E poi, scusami, se vedi che uno distrugge il tuo paese, sapere che è "in buona fede" perché è "solo" ideologico cosa cazzo ti cambia? Che vai lì a dargli una pacca sulla spalla e a dirgli "bravo, hai fatto il possibile, peccato che il tuo paradigma ideologico sia un po' sfasato con la realtà, ma continua così". A che vi serve fare delle domande inutili? Me lo volete spiegare? Anzi, meglio di no...

      Elimina
    2. Giusto. Una risposta sprecata.

      Elimina
    3. Scusi forse mi ero espresso male ma certo non intendevo dare una pacca sulla spalla a Monti, buona fede o no.Per me non doveva nemmeno andarci.
      Era solo per capire quanto coscientemente una persona può fare queste cose, tutto qui.
      Era una mia riflessione personale, forse ho sbagliato a scriverla e dovevo tenerla per me, ma sinceramente non gli davo tutta questa importanza, sicuramente non volevo generare una discussione di questo tipo.

      Elimina
    4. Vediamo... Di recente il professor Monti è stato rettore dell'Università Bocconi, Presidente Commissione Trilaterale in rappresentanza europea, consulente Goldman Sachs in Europa, Commissario europeo per la concorrenza, Presidente dell'influente think tank eurista "Bruegel" (per inciso Monti ha lasciato la carica nel 2008, due anni prima che Microsoft diventasse corporation partner dell'istituto; attualmente è solo membro onorario, mentre Trichet, ex-presidente Bce, è presidente).

      Ora è senatore a vita e Presidente del Consiglio (è stato anche Ministro del Tesoro nei primi sei mesi di governo). Nel frattempo, sotto ispirazione del governo tedesco, ha ricevuto a Berlino il "Responsible Leadership Award" da parte dell'European School of Management and Technology (un premio di produttività...), e lunedì scorso è stato eletto da Hollande all'Accademia delle scienze morali e politiche (sic!). Per i servigi resi, in futuro avrà solo l'imbarazzo della scelta: nuovamente PdC, Presidente della Repubblica, Presidente della Commissione Europea, Commissario Europeo agli Affari Finanziari o al Mercato Unico, Presidente del Consiglio Europeo, superministro del poco futuribile bilancio unico dell'Eurozona (entità che qui tutti speriamo non veda mai la luce).

      Direi che il denaro conta fino a un certo punto, qui stiamo parlando di Potere. Come diceva quello in galera? Cummannari è megghiu ri futtiri...

      E' molto probabile che Monti abbia Fede nelle devastanti politiche economiche del suo governo (che sono poi quelle incardinate nell'ordinamento comunitario espressione della teologia mercatista tanto cara alle nostre oligarchie), è un liberoscambista convinto che lo Stato debba ritirarsi dal governo dell'economia, fanatico propugnatore della "benefica" distruzione creatrice ad opera delle "libere" forze del mercato (aka "svendita della ricchezza nazionale in ossequio alla legge del più forte"). Dopotutto che sia ideologizzato o meno non è così importante: stiamo sempre parlando di un economic hitman di alto livello come tanti nella storia, vede nella democrazia dal basso un ostacolo alla tutela degli interessi che rappresenta - ad alcuni piace chiamarli Stati Uniti d'Europa, forse perché ad alcuni piace dormire...

      Elimina
  42. Sono quasi a metà libro....
    Però Prof, dica la verità, quante volte le è scappato di scrivere piddino al posto di luogocomunista così...quasi di istinto? :)

    Spero di riuscire a venire a Parma, magari portando anche un amico imprenditore, a cui ho fatto una testa così sulla goofyeconomia durante alcune uscite in barca a vela (barca sua e non mia ovviamente).
    Sembrerà strano, ma è la persona, tra tutte quelle che conosco, che sente meno la crisi e allo stesso tempo è più interessato e recettivo nei confronti di questi argomenti.
    Tra colleghi e amici salariati, precari, disoccupati, ecc. non riesco ad andare oltre la parola euro: partono in acrimony mode ON.

    Spero anche che un giorno si riesca ad organizzare un incontro in Veneto, magari ad unipd (ce n'è d'un bisogno).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Carlo P.

      Sei tuoi amici malmessi sono orientati a sinistra, si capisce l'acrimonia, perché parlando male della "creatura" battezzata € parli indirettamente male dei (loro/nostri) partiti di sinistra che dell'€ si sono fatti vanto e religione.

      Invece il tuo amico imprenditore, comunque orientato, è abituato a farsi due conti in quanto imprenditore e forse "di pensier in pensier, di conto in conto" (ricalcando e distorcendo il Petrarca, anch'egli agiato) ha capito che con l'€ qualcosa non va.

      Elimina
  43. Professore ogni tanto però è duro!
    anch'io ridevo (o meglio, sorridevo) per le domande che o sono ingenue o in piena goliardia (non oso pensare altre cose).
    mi chiedo pure io come si possa essere "monti" o "prodi" però poi mi guardo in giro e penso alla mia terra e mi rispondo: "sì, cambiano abiti, armi e accenti ma la sostanza è la stessa".

    purtroppo ci sono persone che credono che il mondo sia a compartimenti stagni per cui da una parte ci sono quelli alti e belli e dall'altra quelli brutti, bassi e di carnagione scura (toh, i siciliani).

    RispondiElimina
  44. @Genewen
    a bello.. c'è un intera rete pieno di notizie su Monti per ricostruire il suo CV.
    e pure sapere quanti soldi ha in banca e quanto valgono i suoi immobili.
    bah, rimango basito..

    RispondiElimina
  45. @Genewen
    quindi non ha 18 anni?
    le consiglio vivamente di studiare il percorso formativo di Monti... poi di riscrivere.. ma deve passare del tempo, mica subito!
    in politica ci si muove per interessi propri, altrui, ideali e un mix di queste cose.
    Se lei conosce poco o niente di Monti non è colpa nostra.

    Ciò premesso, il blog è servito per far capire gli strumenti che sono utilizzate da questa oligarchia per piegare interi popoli.
    penso che lei non colga nemmeno questo passaggio.

    insomma, rimandato a Settembre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusami ma non perdo tempo a studiare il CV di Monti e a contargli gli immobili, per capire che non dovrebbe stare li basa il fatto che non è stato eletto.
      Ho fatto prima, hai visto?
      Se tu hai bisogno di conoscere bene Monti per capire se è legittimo o mono che governi non è colpa mia.Per me non è necessario.

      "Ciò premesso, il blog è servito per far capire gli strumenti che sono utilizzate da questa oligarchia per piegare interi popoli.
      penso che lei non colga nemmeno questo passaggio"

      Credo che pensi troppo degli altri in base a una frase scritta su un forum.

      "quindi non ha 18 anni?"
      "insomma, rimandato a Settembre"

      Non mi piacciono i flame quindi non rispondo a queste battute sciocche che fanno ridere quanto quelle di zelig(e ho detto tutto).A questo punto sarei io tentato a chiedergli quanti anni ha, ma lasciamo stare.
      Se siamo qui per imparare qualcosa cerchiamo di farlo in toni civili.

      Elimina
    2. Monti sembra avere una visione molto simile a quella dell'etica protestante descritta da Weber: il capitalismo come sacrificio, con quel pizzico di antropologia negativa tipica del cattolicesimo, che giustifica una conecezione sprezzante della democrazia, neccessaria affinchè le scelte giuste vengano messe al riparo dal processo elettorale, per guidare il popolo verso la scelta giusta. Tutto questo ne fa un uomo autenticamente ideologico e reazionario, non stupisce che per costui la moneta unica sia uno strumento di moralizzazione (moralità come austerità) delle masse lavoratrici, che l'austerità sia uno sprone alla laboriosità, feconda di quel pauperismo francescano che esalta le virtù cristiane. Basta mettere assieme tutte queste cose e appare subito chiaro come per Monti servire la causa di alcune Elite che hanno nostalgia del mondo prima di Keynes significa soddisfare in pieno la sua concezione del mondo, un mondo fatto di sacifici e sufficentemente al riparo dal processo elettorale."Quale caso di scuola"...

      Elimina
  46. Alberto,ho provato a postare prima in risposta a Genewen,ma ogni tanto OpenId dà i numeri.Comunque visto che la questione ricorre periodicamente,se il blog fosse mio appenderei da una parte questa perla:
    "Che mi rilieva me se colui che mi offende lo facci per ignoranza e non per malignità?Anzi,è spesso molto peggio,perché la malignità ha e fini suoi determinati,e procede con le sue regole,e però non sempre offende quanto può.Ma la ignoranza,non avendo né fine,né regola,né misura,procede furiosamente e dà mazzate da ciechi".(Francesco Guicciardini,Ricordi,168)

    RispondiElimina
  47. Famose du risate con questi soloni che davanti a un banco di alghe si affrettano a gridare "terra! terra!"
    http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2012-12-04/speculazione-abbandona-euro-111647.shtml?uuid=AbOwkz8G

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì ma questa testa del Sole che preconizza un futuro luminoso per l'€ come opera più rilevante ha scritto "Il mutuo perfetto"...de che stamo a parlà?

      Elimina
  48. Versamento effettuato, stiamo arrivando Milano!!! Penso che vederLa dal vivo mi causerà emozione... Prof Lei ha ragione a non ritenersi un guru o un santone. Ne abbiamo avuti già troppi, già dato. Lei è tutto quello che l'Italia fatta di gente 'normale'(lavorativamente parlando, professori ordinari, rappresentanti, dottori, operai, imprenditori, chi più ne ha più ne metta) si aspettava da un po'. Un economista NORMALE ( come si definisce Lei) con tanta ironia e intelligenza in più, il cocktail è servito, è perfetto. Se vedemmu a Milan (ma anche a Zena, perdoni il genovesismo)

    RispondiElimina
  49. 'Normale economista' per il mio scarno vocabolario alias ortodosso s'intende..... :-)

    RispondiElimina
  50. Prof, stia attento in Toscana, ci vivo, è terra piddina, non vorrei Le tendessero un'imboscata. L'odio nei suoi confronti e l'amore di patria europa potrebbero affratellare anche i filo-bersaniani con i filo-renziani.

    Ah, avrà visto questo simpatico articolo sul Sole 24 ore.

    http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2012-12-04/speculazione-abbandona-euro-111647.shtml?pager.offset=10&cq_comments_order=DATE&cq_comments_order_dir=DESC&#comments

    "E ora chi paga per le previsioni sbagliate e i danni fatti agli Stati sovrani?"
    E i danni dell'Euro fatti agli stati sovrani?

    Ma come Lei c'insegna diamo tempo al tempo e inodi verranno al pettine. Aggiungo di ricordarsi facce, volti, nomi di questi signori. Non si dica mai che oltre che improduttiviecorrotti, si sia anche un popolo senza memoria.

    Stia bene, veda lei se pubblicare il commento.

    RispondiElimina
  51. Nun ja posso fà!!! Ar settimo commento m'è venuto da vomità!!!
    C'ho avuto un remake di sabato sera a cena quando ho avuto la spiacevole idea, visto che mi sono rimposto una fantastica carbonara(la pasta), di auspicare un'uscita dell'Italia dall'Euro come regalo di Natale. Sono stato sommerso dai soliti luoghi comuni che i frequentatori del blog conoscono bene tipo la nostra deficienza di materia prime(solo di quelle?) da acquistare tramite salasso e la svalutazione collocata al 50%(minimo). La ciliegina sulla torta(sarà stato un caso che è arrivata con il dessert?) è stato l'auspicio di una vendita in massa di tutte le nostre aziende(tutte) ad investitori stranieri per la nostra manifesta incapacità. Al momento dei saluti mi ha messo al tappeto il proposito dei miei interlocutori di andare a votare alle primarie per il ballottaggio. Sono arrivato a casa stordito sperando di aver sognato ma era tutto vero, ho "incubato" ad occhi aperti. Non ce la faccio più! La cosa grave, ma che non meraviglia visti i tempi, è che a fare questi discorsi sono persone che si ritengono COMUNISTE e iscritti alla CGIL, come ho scritto una volta ce n'è voluto di tempo e di pazienza ma dopo Napolitano e company, anzi soci(sono italiano e mene vanto), sono MIGLIORISTAti un sacco di compagni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tratto dal libro di Nino Galloni "Chi ha tradito l'economia italiana?":
      "Già durante gli anni '60, e a maggior ragione dopo, si manifesta, quindi, la spaccatura tra l' "alleanza dell'economia reale" che esclude i Comunisti e l'economia finanziaria, che piuttosto, esclude i democristiani e apre gli uffici studi delle banche ai figli della nomenklatura di sinistra."
      Forse l'incubo della cena ha origini lontane. Che ne pensate?

      P.S.: non appena finisco questo, leggo il suo: non mi bacchetti! :D

      Elimina
  52. ...dimenticavo, ho scritto la mia letterina a Babbo Natale.
    Caro Babbo Natale quest'anno per la natività portaci la Lira o anche un'altra moneta se il nome è carino e familiare, così potremo ritrovare la nostra sovranità e non sarà più qualcuno che non conosciamo a dirci come dobbiamo comportarci. Ce la meritiamo perchè siamo stati bravi e sottomessi seguendo tutto quello che i nostri tecnici paternalisti ci hanno imposto. Ci stiamo provando ma anche se loro ci dicono che dobbiamo essere più bravi e stiamo migliorando noi continuiamo a farci la bua. Spero che tanti altri italiani ti scrivano questa lettera, accontentaci. A chi non te la scrive ci penserà la Befana a gennaio portandogli il carbone così eviteranno di spendersi le poche Lire svalutate e un po' di materia prima ce l'avranno in dote. Spero che ci accontenterai e dall'anno prossimo promettiamo che ci comporteremo come prima del divorzio tra mamma Banca d'Italia e papà Tesoro. Falli tornare insieme perchè promettiamo che non daremo più ascolto agli estranei, nemmeno se abitano nello stesso condominio. Grazie.

    RispondiElimina
  53. Ho letto qualche commento sul FQ, all'inizio avevo anche voglia di rispondere, poi ha prevalso la nausea per il luogocomunismo terminale. Onore agli amici che continuano ad impegnarsi a morte. Temo che sia fatica sprecata.
    Però nell'articolo il prof mi ha fatto vincere una facile scommessa con mia moglie, riciclando abilmente l'incaprettamento di landiniana memoria. Non pensavo aspettasse così a lungo, ben tre giorni!

    Ripensando a pescara, mi sono sorti un paio di dubbi:

    1- Mi è sembrato che il vulcanico Pozzi, nel suo intervento, fosse un pò pessimista sul futuro post-euro. Vede il nostro tessuto produttivo ridotto ad un tale deserto da non riuscire ad esportare più nulla, costringendo la nuova moneta a svalutarsi molto di più rispetto al differenziale d'inflazione accumulato, fino a rischiare un tasso di cambio che definisce insosteniblie.
    Mi sarebbe piaciuto che nascesse un bel dibattito in aula, ma al conclave abbiamo tutti preferito il cibo.
    Dove posso chiarirmi le idee se non qui? Vi prego, rispondete che non ho capito una mazza, perché mi sono un po' preoccupato...

    2- Qui vengono le cose serie: dopo l'abolizione del Divorzio, si potrà introdurre la bigamia? Così posso sposare Lidia Undiemi...

    Grazie prof, grazie a tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In relazione al Prof. Pozzi, su IDEAS trovi i link ad alcuni articoli. Io ho trovato di particolare interesse Il destino dell’euro e la sorte della teoria e La globalizzazione, il formalismo
      e la politica industriale
      (sono articoli a pagamento).

      Elimina
  54. Una delle tante cose per cui ringrazio Bagnai è anche il fatto che non tollera commenti approssimativi nel suo blog. Questo garantisce che i commenti siano tutti un po' ragionati prima di essere postati (a parte una piccola parte di new entry che viene stroncata senza pietà). Leggere i commenti sul Fatto Quotidiano è molto meno divertente (mi vien da dire deprimente) rispetto a leggere i commenti del suo blog.

    Io non so chi vincerà la guerra, se riusciremo a tornare alla lira prima di aver completamente deindustrializzato l'Italia, prima che sia troppo tardi. E se penso che un Professore di Provincia (con rispetto parlando), usando il metodo scientifico, riesce a mettere in scacco tutti i ragionamenti dei maghi dell'economia e della finanza di Università ben più prestigiose di quella di Pescara, ho speranza che in questo paese ci siano le capacità e il buon senso necessari per avere ancora un po' di tempo per risollevarsi. Mai a questo punto mi sarei trovato ad amare così tanto il mio Paese e mai mi sarei riscoperto di sinistra se non grazie a lei. Mi toccherà tirar fuori la maglietta del Che, colpa sua.

    Comunque a giudicare dalle battaglie sui commenti del Fatto mi sembra che abbia fatto molti proseliti. Congratulazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa la presto al prof.:

      Molti mi crederanno ragionevol mente poter riprendere allegando le mie prove per essere contro all'alturità d'alquanti omini di gran riverenza apresso de' loro inesperti iudizi, non considerando le mie cose essere nate sotto la semplice e mera sperienza, la quale è maestra vera.

      Elimina
  55. Su FQ è pieno di New Trolls, ma è sparito wilfattoquotidiano, un po' mi dispiace, c'ho il virus der Prof. che s'affeziona ai troll, devo chiamare un'esorcista...
    Quasi 900 commenti ci sono pure tanti casi umani...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sandrina non ti fare ingannare! Gente come vivailfatto o contezero sono capaci di cambiare nick perchè il vecchio è oramai bruciato dalle prese per i fondelli! Marco Marci è sempre lì, Barondel pure Gallus idem. Il nemico è sempre il solito, noioso, ripetitivo. Ricorda che l'unica vera utilità nel postare è smontare i luogocomunismi vari a suon di numeri. Ci sono tante persone che leggono e non postano. Alfeo (conosciuto a Pescara venerdì sera) per esempio mi ha confessato di aver frequentato Goofy dopo che vi avevo fatto riferimento ancora prima che Alberto vi aprisse il blog. Quindi animo e coraggio e soprattutto prendiamola a ridere visto che in un altro modo l'abbiamo già presa... O era un altro posto? Vero Alberto???

      Elimina
    2. Io non sarei cosi' pessimista... Giro su FQ da ben prima che Goofy sbarcasse su quei lidi, e devo dire che l'impatto dell'opera divulgativa del professore si vede, eccome se si vede. Pensate che una volta imperversavano quasi indisturbati Pallacorda e contezeroneuroni, sempre tra i piu' popolari. Ormai hanno quasi rinunciato a farsi vedere e si sono rinchiusi nella loro tana trollesca (quella dei caproni, tanto per intenderci - la centrale dei troll piddini).

      PS Tanto piacere di avervi conosciuti! Specialmente Sandra (non solo per cavalleria...)

      Elimina
    3. Marco io mica intendevo affezione in senso stretto, ma in senso lato, per i casi umani:)
      Marco Marci non l'ho mai sopportato, un sofista logorroico ...ti uccide con la noia.
      Infatti io mi diverto un sacco, però sto navigando con internet key (pleistocene o roba simile)e mi è difficile seguire i vari interventi. Lo so che i numeri contano, ma a questi manca anche l'impianto logico , la visione storica e il senso di realtà, insomma i fondamentali per vivere con dignità.
      Alfeo, scusa ancora ma non ero davvero io...

      Elimina
    4. Ciao Chicco! In effetti si nota molto di più la presenza di goofynomisti nei commenti. Il mio non era pessimismo ma una constatazione... Certi personaggi non puoi redimerli sono macchiette viventi! Ed essere oltre 1100 commenti in mezza giornata la dice lunga sull'interesse suscitato dal blog e dagli argomenti trattati. Comunque ritornando al FQ il mio bersaglio preferito é barondel il tecnologico decantatore della supremazia tedesca esportabile in Cina ed in India. Vieni vieni caro mio ho proprio voglia di ridere...

      Elimina
    5. Ciao Chicco grazie:) , tu sei l'oculista vero (Sil-viar è meglio di 007 sa tutto , anche codice fiscale:)?
      Sono d'accordo non ci sono più i troll di una volta è pieno di Gofysti consapevoli:)
      Pallacorda l'ho intercettato nel primo pomeriggio e poi perso nell'etere, non saprei se è vivo o morto o infiltrato sotto mentite spoglie :)))

      Elimina
  56. Professore,
    ma nella spazzatura potrebbe trovare lampi di genio come questo:

    > > 10€ per roma-napoli vuol dire che molto probabilmente parte
    > > del biglietto e' sovvenzionato, magari da una delle due
    > > regioni. Per fare un confronto serio tra tariffe
    > > bisognerebbe avere dati di buona qualita', non aneddoti o
    > > pagine internet consultate una tantum.

    > Posso assicurare che la sovvenzione regionale non c'entra
    > niente.
    > Questi non sono aneddoti ma fatti personalmente sperimentati.

    E' sicuro di volerne fare a meno?

    :)

    Saluti, complimenti e buona giornata.

    RispondiElimina
  57. Il candidato cancelliere dell'SPD alle prossime elezione è Peer Steinbrück, ex ministro delle finanze 2005-2009 nel governo di grande coalizione SPD-CDU/CSU (e chi più ne ha più ne metta) della Merkel.
    E' bello sapere che gli elettori voteranno in ogni caso "bene".

    RispondiElimina
  58. @Sandro Moro
    la pochezza.. quello che afferma che le esportazioni sono un costo (risposta mia: sì, vanno nel dare dei CE delle aziende... ops, è avere dello SP!).
    l'altro che afferma che il problema sono i crediti al consumo.
    l'altro.. che pochezza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non li ho letti questi commenti :))) ma non mi stupirei se dicessero che tutto ciò che è in dare è un debito (perchè dare vuol dire che devo dare:))) e viceversa quello che è in avere...

      Elimina
  59. Ragazzi, non mettete Hayek con Monti che non c'entrano nulla, e non è bene mischiare pensatori del passato con oligarchi (o maggiordomi) del presente. Non fa onore al seppur discutibile Von Hayek metterlo con Mario Monti o con le politiche di Monti. Insomma è un falso storico tutto sommato, come "modulazione alla Bill Evans" per intenderci (mo' arriva).

    RispondiElimina
  60. ho chiuso.. gli ho spiegato che in contabilità "costo a debito" è la scrittura "normale"..
    mi sa che avendo "credito a esportazione" pensano che si compensi un costo (credito) con una passività (esportazione).
    forse ho capito..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valsandra e istwine siete unici, grandissimi e un giorno spero di incontrarvi... enjoy!!!! p.s. il 15 sarò a MI per me sarebbe un onore conoscervi

      Elimina
  61. @Genewen
    premesso che l'incontinenza non è una cosa positiva.
    la invito a riflettere: ma nella vita non esistono persone senza scrupoli?
    VI INVITO a farvi un giro in Sicilia non perché è popolato da tanta cattiva gente ma perché queste persone si palesano.
    è più facile capire l'animo umano insomma.

    il complimento più bello sui siciliano l'ho ricevuto da un amico poliziotto lombardo che ritiene che i migliori colleghi che abbia incontrato per rettitudine vengono dal sud

    RispondiElimina
  62. @Genewen
    mi spiace ma capire le persone è un must quando si giudicano.
    se poi sia illegittimo le direi che non lo è stato il fatto che le consultazioni siano partite 4 mesi prima ma non certo la sua nomina.

    lei sa che Monti c'entra con il divorzio del 1981? sa che lavorava 31 anni fa al ministero? sa da chi era raccomandato?
    oh, il CV aiuta...

    RispondiElimina
  63. Toh...che strano, son tornati i moderatori al FQ? e solo per l'articolo del Prof.?
    Dev'essere, senz'altro, perchè gli argomenti trattati attirano gente rozza che scrive in modo maleducato e magari bestemmia.

    RispondiElimina
  64. Gentilissimo Professor Bagnai,
    ho appena cacciato li sordi!! La dedica sul libro me la incide a fuoco? :-)
    Anch'io posso offrirLe ospitalità: riscaldamento, un letto morbido, e tanta serenità! A sabato!

    RispondiElimina
  65. Vada per Milano Prof, e caccio pure il grano, naturalmente. Sarebbe bello poi organizzare una pizzata da qualche parte, che ne dice ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che organizzi qualcosa l'organizzatore, ma non credo sia pizza.

      Elimina
  66. Di passaggio.
    Ballarò: Polillo, sottosegretario al Ministero dell'Economia e delle Finanze del governo Monti, incalzato da sindacalista sbotta:
    "Perché in Germania (si riferisce ai lavoratori, non in senso generico, ndr) si lavora!"
    Il conduttore, ovviamente, anziché inchiodarlo alla frase e fare un bel colpo di giornalismo, glissa e passa al sondaggio anestetizzante sull'elettorato del centrosinistra (e chissene...).

    Show must go on...
    e il posto in RAI deve rimanere certo.

    Poi ci lamentiamo che sul FQ........

    Franco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusate, ma ormai sono preda dell'ira funesta (e non sono figlio di Peleo).
      Mi domando quante umiliazioni questi tecnici-della-menzogna intendono ancora infliggere agli italiani, in aggiunta ai danni economici.
      Oltre al danno, la beffa.

      Elimina
  67. Articolo sul Fatto decisamente FANTASTICO e chi è predisposto per non volerlo capire a tutti i costi è proprio un COGLIONE!

    RispondiElimina
  68. Ma non sarà che questa storia degli investimenti esteri sia un modo semi-cifrato per dire che la politica di deflazione interna sta dando i suoi frutti? In questi termini Monti potrebbe anche avere ragione. Nel senso che le politiche di austerità e la recessione stanno riducendo il costo del lavoro (per inciso, a vantaggio di tutti i capitalisti, mica solo di quelli stranieri).

    En passant, trovo curioso che Monti si sia prefisso l'obiettivo di dimezzare lo spread, anziché prendere a riferimento un altro paese (la Francia ci sarebbe stata bene). Una uscita mal pensata, o un'assicurazione sul fatto che l'Italia anche dopo il "risanamento" sarà felice di pagare di più per i suoi debiti?

    RispondiElimina
  69. Per chi ha ancora qualche dubbio sulle priorita' e sensibilita'di monti sentite con che sfrontatezza descrive la tragedia che la grecia sta vivendo, ieri durante il summit con hollande a lione. Dal minuto 16:40

    http://www.youtube.com/watch?v=DPCaUYYY7pw

    .."Prima di entrare nell’Euro (la Grecia ndr) era l’antitesi di una moderna economia di mercato. Ora grazie all’Euro ha intrapreso una vera rivoluzione. Se non fosse entrata nell’Euro, la Grecia non avrebbe intrapreso la serie di riforme che stanno portando a una radicale modernizzazione della societa e un cammino verso la cultura della stabilità. Una rivoluzione che normalmente richiede una generazione e che la Grecia sta intraprendendo in pochi anni”.

    Roba da mat..

    RispondiElimina
  70. Warren Mosler ha meno pubblicazioni di lei? E ma va, forse non é un accademico ma insider del sistema finanziario? Mosler non ha mai detto che un Paese debba solo importare, ha semplicemente detto che un Governo debba porre le condizioni di piena occupazione, condizioni che sono contrarie per chi punta a diventare un Paese esportatore netto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io sono un insider del sistema clavicembalistico.

      So what?

      Sei tu che sei venuto qui, nel tuo primo post insultante e sciocchino, a dire che lui era un teorico, e io no. Oggi è diventato un "pratico", anzi, un "praticone", visto che fa a pugni con la contabilità. Amico: eri signoraggista, sei stato donaldiano, ora sei di MEMMT. Hai evidentemente bisogno di un guru. Lo hai trovato. Sii soddisfatto. Perché vieni qui a infastidirci con la tua sterile dialettica?

      Vai a formare altrove la tua personalità in (de)formazione. Che tu non voglia il dialogo è evidente da come ti poni e da quali modelli scegli. Non è un mio obbligo perder tempo con te. Avrai tempo per vergognarti di quello che hai detto, se e quando capirai. Aspetto fiducioso.

      Elimina
    2. P.s.: non sono nemmeno obbligato a perder tempo con Mosler o con Benetazzo, per capirci. Eventualmente, quando avrò tempo, darò una randellata a Randall. Ma dovrò avere moooooolto tempo.

      Elimina
    3. Andrea,

      Rispetto al programma MEMMT. io non so cosa sia un troll, la usano molto questa parola, ma non ho mai capito bene. Quello che so è che non solo un troll, ma anche un trolley sarebbe in grado, in maniera indipendente, di cercarsi perlomeno la definizione di IDE. Anche solo per aver un minimo un quadro generico di cosa sia:

      http://en.wikipedia.org/wiki/Foreign_direct_investment

      Anche solo la lista di politiche che attirano gli IDE per farsi un'idea basta. E ora non venirmi a dire che questo è lo status quo, che la MMT cambierebbe ecc, perché io sono un altro tipo di interlocutore, quelle cose vanno bene per gli amici, la famiglia che ci crede perché comunque non crede che tu gli diresti qualcosa di sbagliato e cose così.

      E vi pregherei, a voi della MEMMT di portare qualche dato, una volta tanto, visto che vi proponete per guidare il paese, o comunque proponete un programma "rivoluzionario" (senza dubbio, distruggere le PMI è rivoluzionario) al pubblico fatto da statunitensi che mai hanno scritto una riga sul sistema italiano. Nulla di niente. E infatti si vede dal programma.



      Elimina
    4. Si prenda tutto il tempo necessario. Le risponderanno sia Randall che Warren Mosler e perché no anche Alain Parguez.
      P.s ha scritto un libro di 414 pagine in pochi mesi, non ci faccia aspettare un anno per scrivere due pagine.

      Elimina
  71. Ci vediamo a Parma.
    E se la data in toscana fosse davvero a Poggibonsi...
    'un credo di potemmi sotrarre da 'iffa visita a tutta la mi' famiglia


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poggibonsi lo avete detto voi, non io. Da Poggibonsi sono 36 km (direzione Sud Sud Ovest).

      Elimina
    2. Non sarà mica Radicondoli (SI)????

      Elimina
    3. ora non vorrei dire... ma 36 Km da Poggibonsi in direzione sud sud ovest c'e' l'alta val di Cecina... il 12 gennaio... dalla costa si deve organizzare una carovana di slitte?

      Elimina
  72. da professore di economia a "missionario" di economia,vada e sparga il verbo,per ogni piddino convertito faremo una "ola".

    RispondiElimina
  73. Non vedo l'ora che venga pubblicata la registrazione effetuata da Ecodellarete.
    Meanwhile su byoblu..

    RispondiElimina
  74. @Riccardo
    nel profilo (CV) di Monti da lei evidenziato e riepilogato manca l'esperienza al Ministero negli anni '80.
    cosa di poco conto? no!
    per gli effetti nefasti del suo lavoro direi di no.
    e poi, visto che siamo cattivi chiediamoci da chi è stato "amuttato" per entrare nel sistema

    RispondiElimina
  75. @Marcello Pucciarelli
    dopo un anno ho capito la logica di questi fannulloni del pensiero e della morale..
    ovvio che l'austerità porta alla riduzione del costo del lavoro e questo il prof lo sottolinea parlando della curva di Phillips.
    ma il prof ricorda che il PIL (Y) è uguale a C+I+G(spesa pubblica)+NX (differenze tra esportazioni e importazioni e bla bla bla.. ovviamente le esportazioni sono reddito.. non un costo! ahahaha)

    allora, se cala G cala pure C e ciò produce disoccupazione.
    i salari si aggiustano verso il basso (deflazione) e allora il combinato "indisposto" tra disoccupazione e minori salari è quello di far calare le importazioni (M) e quindi NX migliora!

    allora riepiloghiamo
    per questi cialtroni Y = (-)C + I + (-G) + (+NX) ovvero facendo tagli si spera di migliorare NX (pare stia accadendo perché la gente non consuma e quindi non importa) ma calano C e G (ovviamente).

    ma domanda: qual è l'effetto globale? IL PIL Crolla lo stesso!
    infatti è a -2.5% e per il prossimo anno sarà (mi gioco il pizzo sotto il mento! ahahha) meno 3 per cento..
    ad ogni buon conto, la tattica funziona quando sei il primo a farlo, quando hai un sistema industriale potente che può fare economie di scala facilmente, quando hai una ottima logistica e via dicendo.
    per noi è dura visto che siamo per metà paese isolato dal mondo ricco e per l'altro ci sono le Alpi.
    senza tener conto che i Tedeschi si sono sviluppati con un mercato di oltre 100 ml di persone mentre noi 50 (sa.. conta!)


    problemi di questa strategia:
    1) i debiti! lei contrae debiti e se le abbassano lo stipendio del 30% o perde il lavoro come li paga?
    ops
    un paese alla deriva

    2) IL SISTEMA è auto-INCONSISTENTE per un motivo semplice: così fan tutti! aggiustare al ribasso gli stipendi in teoria li porterebbe a zero! e se sono zero chi compra da chi?
    ovvio che non succederebbe ma la logica sarebbe quella di creare canali deliquenziali per sopravvivere... come al solito vivere al sud d'Italia è una lezione viva di vita

    RispondiElimina
  76. @Andrea
    legga il libro di Bagnai.. e il blog!
    non si può dire nemmeno durante un coito che le importazioni sono la ricchezza di un popolo e le esportazioni un costo.. lo chieda ai lavoratori della Ferrari se per loro vendere all'estero è un danno!

    nel blog si trovano analisi sopraffine che meritano rispetto e che vanno studiate.
    per esempio una critica di mesi fa: ci si lamentava della teoria dei deficit paralleli mentre era meglio studiare la situazione con gli assi cartesiani (penso che la retta a 45 gradi sia di Krugman).
    beh, nel blog le analisi sono state fatte con la matrice dei flussi..
    che ci possiamo fare? si legge, si passano settimane e settimane a leggere e poi si alza il ditino per spararla.

    io per esempio stavo ricevendo un insulto dal prof per le mie ipotesi di svalutazione (per me dovrebbe essere del 50%.. chi se ne frega dell'inflazione).
    ma immagino che il prof non mi abbia insultato perché ha capito che avevo letto un bel po' del suo materiale.
    RISPETTO!

    RispondiElimina